LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LAQUILA - Soldi per i monumenti. Li d solo il Kazakistan. Tante promesse durante la visita delle delegazioni del G8 ma le 44 opere d'arte adottate stanno come l'anno scorso.
PATRIZIA PENNELLA
IL TEMPO 6 aprile 2010

Una citt nuda in vetrina. E nuda rimasta, in attesa della solidariet del mondo. Nove mesi fa, L'Aquila ha accolto i grandi della terra senza neanche panni sporchi per vestirsi, armata di una fiducia incrollabile, Quarantaquattro monumenti inseriti nella lista di nozze: dal simbolo universale della Basilica di Collemaggio, al piccolo scrigno della chiesa delle Anime Sante, agli ori e stucchi di San Bernardino. 44 monumenti da adottare, sotto gli occhi delle delegazioni del G8: esposti nelle mostre, raccolti in pubblicazioni di livello, presentati al tempo del fulgore e in quello del dolore. Dalla caserma della Guardia di Finanza partirono auto di lusso e pullmini: tour delle macerie per i signori capi di Stato e gentili consorti, spostati in tutta fretta dalla Maddalena all'Aquila proprio con lo scopo di far aprire i cordoni della borsa. Era luglio, sole accecante e silenzio. Arriviamo a oggi e poi torniamo indietro: arriviamo a dire che solo il piccolo Kazakistan ha mantenuto, con la lestezza che consentono i tempi della burocrazia e cio nello scorso mese di novembre, la sua promessa. a versato un milione e settecentomila euro per il complesso di San Biagio di Amiternum. Anche i francesi, dopo qualche tentennamento, stanno per chiudere l'accordo per un sostegno al restauro della chiesa delle Anime Sante, nel cuore del centro storico aquilano. La cupola dell'edificio uno dei simboli del terremoto, spaccata in due dalla scossa di un anno fa firmata dall'architetto romano, di famiglia provenzale, Giuseppe Valadier. Tre milioni e duecentomila euro, la somma promessa, poco meno della met della cifra necessaria per il restauro. Su Onna si va consolidando l'impegno della Germania, che curer la sistemazione della chiesa di San Pietro Apostolo e, non potendo provvedere all'intero centro storico del paese, ha realizzato un centro di aggregazione inaugurato la scorsa notte. I tedeschi saldano cos il conto aperto con la storia di quella frazione aquilana teatro di una strage nazista. Non ha seguito lo stesso criterio Jos Luis Rodriguez Zapatero, che dopo aver manifestato l'interesse del suo paese per il Forte spagnolo non ha dato pi notizie di s. Il Castello, come viene chiamato in Abruzzo, venne fatto alzare proprio dagli spagnoli ad reprimendam audaciam aquilano rum, per far abbassare la testa a quel popolo orgoglioso, avvezzo a sfidare il potere. Anche l'Australia ha oscillato tra un monumento e l'altro per poi sparire nel nulla. A conti fatti mancano all'appello delle promesse almeno 80 milioni di euro. Che la citt, di suo, non ha mai chiesto: si semplicemente affidata alla speranza che di fronte al bello e al terribile anche il potere pi puro potesse trasformarsi in solidariet. Perch c' ancora chi, la solidariet, la pratica davvero: come la Regione Veneto, che ha stanziato i fondi per la messa in sicurezza e il restauro della chiesa di San Marco, o come la Provincia Autonoma di Trento che ha adottato l'Oratorio di San Filippo Neri, uno dei pochi esempi di interno barocco nella citt dell'Aquila, prima abbandonato a se stesso e poi trasformato in un teatro-gioiello. Gi, la cultura, anche quella per L'Aquila un patrimonio: il Giappone non si fatto carico di monumenti ma, dopo qualche fraintendimento sull'effettiva consistenza dell'opera, ha preferito regalare all'Aquila, che citt della musica, un auditorium. La Camera dei Deputati, invece, ha raccolto fondi per il Palazzetto dei Nobili, un'elegante struttura situata proprio dietro il Municipio. Proprio il palazzo del Comune (Palazzo Margherita) sar restaurato grazie ai cinque milioni raccolti da Federcasse e dalle Banche di Credito cooperativo. La Carispaq, Cassa di risparmio della Provincia dell'Aquila, si fatta carico del puntellamento di Palazzo Branconio, uno degli edifici storici pi belli della citt, di cui in passato la stessa banca aveva curato la sistemazione, e dell'antica Porta Napoli. Quattordici alla fine, i monumenti della lista nozze che hanno trovato famiglia, pi quattro fortunati outsider. Il resto? Il Monte dei Paschi di Siena aveva manifestato interesse per la Basilica di San Bernardino, ma alla manifestazione non hanno fatto seguito fatti. Tre miliardi e mezzo di euro, spicciolo pi spicciolo meno, la cifra essenziale per ricostruire i monumenti principali della citt, ma una prima stima delle necessit per l'intero patrimonio storico fatta dal Comune suona una musica che supera i dieci miliardi di euro. E tempi che non possibile, a questo punto, valutare. Per Luciano Marchetti, vice commissario ai Beni culturali i soldi Non servono tutti subito, ma ci vuole la garanzia che vengano messi a disposizione per poter pagare le imprese in un arco temporale ragionevole. C' il gioco del lotto che pu costituire una valida fonte di finanziamento, per esempio, oppure i fondi di Arcus (la spa del Mibac partecipata dal ministero per le Infrastrutture). Potremmo spalmare questa cifra in dieci anni: non posso credere che lo Stato italiano non sia in grado di stanziare 350 milioni l'anno per i beni culturali a L'Aquila. Proposte, progetti, che stridono con un presente in cui i fondi disponibili, venti milioni di protezione civile e due milioni e settecentomila euro depositato sul conto del Ministero dei Beni Culturali che ha attivato una propria raccolta di contributi: tutto di fatto gi speso, e non neppure lontanamente sufficiente, solo per la messa in sicurezza degli edifici pi importanti e pi danneggiati. Perch sono proprio i monumenti di maggior valore a non aver trovato casa: tra i tanti c' anche la Basilica di Collemaggio, c' la bella chiesa di San Pietro e c' il complesso monumentale di San Domenico. una citt ancora nuda, dopo nove mesi, quella che vuole sperare. Quella che cerca con orgoglio di non sentirsi sola. Persa tra tubi e sostegni, sembra pi malata di quei giorni terribili in cui tutti la davano per morta. Imbottita di amore per le arti, ha sperato che anche per lei, come al cinema, arrivassero gli americani. E c'era il presidente Obama, in quei giorni d'estate e di potenti, ad attraversare le rovine. C'era, in piazza Duomo, in una pausa del G8, con le maniche della camicia arrotolate, ed i gesti morbidi e misurati. Comprensione e gentilezza negli occhi. E andato via con una stretta di mano: Dio benedica L'Aquila. E la citt, in quel momento, ha capito che il suo Dio avrebbe dovuto pregarselo da sola.



news

17-01-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 gennaio 2020

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

Archivio news