LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

POMPEI - Archeologia Rivive la casa di Polibio donato anche un triclinio. A giorni sar visitabile la famosa domus di Pompei.
CARLO AVVISATI
IL MATTINO 6 aprile 2010

Difficilmente potr dimenticare i secondi di silenzio rimandati dal grande schermo al plasma posizionato lungo la parete nord di un triclinio, nella casa di Polibio, chi visiter la domus affacciata su via dell'Abbondanza e che tra qualche settimana riapre alle visite, come annunciato Marcello Fiori, commissario all'area archeologica di Pompei. Pochi attimi di calma irreale. Eppure, interminabili e assordanti, visto che in loro sta racchiusa tutta la tragedia vissuta da due esseri umani: duemila anni fa, tra le sei e le Otto del mattino di quel 25 agosto del 79 dopo Cristo, in quella stanza persero la vita una giovanetta poco pi che sedicenne e il bambino che portava in grembo. Assieme a loro, altri undici individui, tra adulti e bambini, rifugiatisi nelle stanze adiacenti rimasero uccisi dalla furia del Vesuvio. A far scoppiare letteralmente le vene dei fuggiaschi fu il calore infernale che accompagnava la nuvola di gas e ceneri abbattutasi sulla citt. La scena stata ricostruita in realt virtuale dagli specialisti dell'Altair4 Multimedia che, assieme agli scienziati della Universit di Tokio, alcuni anni fa analizzarono la gran mole di dati ricavati dai gruppi di studiosi (archeologi, vulcanologi, antropologi, zooarcheologi, biologi molecolari) che nell'ultimo decennio hanno lavorato su ogni dato di quelli emersi dallo scavo. Per l'elaborazione del video, poi, stato effettuato il restauro digitale di decine di affreschi, la ricostruzione virtuale di tutta l'abitazione e l'animazione dell'eruzione e del suo impatto sulla casa. Tutto riprodotto fedelmente: dalla muratura ai dipinti, dalla suppellettile che vi si conservava alle statue, alle monete, alle casse per il guardaroba. E agli scheletri. Un gruppo di famiglia, quest'ultimo, costituito complessivamente da tredici individui (tra cui i genitori della giovanetta, rinvenuti con la mano nella mano) alcuni dei quali sicuramente imparentati tra loro, come accettarono le analisi sul Dna antico effettuate dall'equipe di scienziati della Il Universit di Napoli coordinato da Antonino Cascino e Marilena Cepollaro. Di tre individui, tra cui forse lo stesso Giulio Polibio, della giovanetta e di un altro maschio adulto, l'antropologo australiano Maciej Hannenbergh a ricostruito le sembianze dallo studio dei teschi. Le loro fattezze saranno rimandate dagli ologrammi mostrati sullo schermo al plasma, assieme alle immagini di alcuni calchi ricavati con la tecnica del colaggio di gesso negli spazi lasciati nel terreno dal degrado dei corpi. Tuttavia, il fumato solo una parte di quanto sar proposto. E questo perch non solo la casa stata recuperata in ogni sua struttura: pitture, stucchi, intonaci, affreschi (tra cui quello del larario) e bronzi, ma anche alcuni ambienti, senza pavimento e pericolosi per i turisti, sono stati resi percorribili attraverso passerelle e pedane in grado anche di abbattere le barriere architettoniche. Di pi. Alcune stanze della domus saranno arredate cos com'erano un attimo prima dell'eruzione. E cos, nel triclinio pi spazioso di quelli che si trovano a nord della casa saranno riposizionati gli oggetti che vi furono trovati all'atto dello scavo: vasi di vetro, statue e, assieme ai letti in legno e bronzo che lo arredavano, anche i tavoli a tre piedi leonini che servivano da appoggio ai piatti da portata e alle brocche con il vino. Alcuni reperti sono originali; per altri, invece, si tratter dei loro doni. Accanto, sar esposto anche il plastico che riproduce la casa nei minini particolari. La domus; scavata tra 1966 e 1978, tra quelle pompeiane stimata difatti come una delle pi belle, per le pitture, e interessanti, per i graffiti. Appartenne a Giulio Polibio, un liberto, candidato edile (assessore) e forse duumviro (sindaco), testimone in contratti e compravendite; tenutario di bordelli e proprietario di panifici. Un'attivit tanto importante quest'ultima, che fece dire a un suo elettore Votatelo perch fa il pane buono.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news