LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SERAVEZZA. Per il Parco l’obiettivo-Unesco
SIMONE TONINI
MERCOLEDÌ, 07 APRILE 2010 IL TIRRENO - Viareggio


L’ente apuano vuole entrare nella rete dell’eccellenza europea


Il Parco Regionale delle Alpi Apuane potrebbe presto far parte del novero dei geoparchi europei sotto l’egida dell’Unesco. Il consiglio direttivo nei giorni scorsi ha formalizzato la richiesta all’ente competente, l’ European Geoparks Network.
In questa maniera è stato avviato l’iter per le procedure. Se la domanda fosse accolta, quello delle Apuane sarebbe il sesto geoparco in Italia, aggiungendosi ad Adamello Brenta, Beigua, Madonie, Rocca di Cerere e Parco Minerario della Sardegna.
Un’opportunità notevole che garantirebbe senz’altro una maggiore pubblicizzazione a livello europeo del territorio apuano, con ricadute positive per il comprensorio. «Si tratta di un riconoscimento conferito dall’EGN ad aree protette con particolari requisiti - spiega il presidente Giuseppe Nardini - riconducibile all’Unesco, l’organizzazione che tutela i beni patrimonio mondiale dell’umanità».
Per diventare geoparco bisogna presentare la candidatura all’apposita commissione che ha sede in Francia, valutata da esperti internazionali. A seguito di un esito positivo, il parco candidato entra a far parte della rete EGN e diventa Geoparco. Successivamente, ogni tre anni, sarà sottoposto ad una verifica e nuova convalida che valuterà gli effettivi progressi attuati circa la protezione e la promozione del patrimonio geologico e lo sviluppo delle attività economiche sostenibili nel territorio. Un Geoparco europeo è un territorio che possiede un patrimonio geologico particolare ed una strategia di sviluppo sostenibile supportata da un programma europeo idoneo a promuovere tale sviluppo. Deve comprendere un certo numero di siti geologici di particolare importanza in termini di qualità scientifica, rarità, richiamo estetico o valore educativo, ma il loro interesse può anche essere archeologico, ecologico, storico o culturale. È un segno di riconoscimento internazionale e di eccellenza, sinonimo di protezione ambientale e di sviluppo. «I riflessi sarebbero positivi - prosegue Nardini - e non sono previsti ulteriori vincoli a quelli già prescritti dalla legge. Le Alpi Apuane sono le formazioni più antiche dell’Appennino, possiedono un sistema carsico, quello del Corchia, di livello mondiale, ci sono importanti attività estrattive che oltretutto hanno consentito la scoperta di reperti archeologici. Inoltre sono presenti giacimenti minerali, specie vegetali ed animali endemiche: tutte caratteristiche che vengono richieste per diventare geoparco». I tempi per la risposta non saranno brevissimi, ma un primo importante passo è stato fatto.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news