LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Laltra Toscana che batte il Chiantishire
LAURA MONTANARI
MERCOLED, 07 APRILE 2010 LA REPUBBLICA Cronaca




Cambia la geografia degli stranieri che comprano casa: exploit di Maremma e Pisa



Con la crisi i turisti cercano immobili nelle localit meno note anche per risparmiare


FIRENZE - Alla ricerca di piccoli borghi, del silenzio, della campagna e di prezzi accessibili, ingrediente indispensabile per navigare in tempi di crisi. C un turismo che viene dallestero e che segue nuove rotte in Toscana: non pi soltanto le mete blasonate del Chianti e dellarea intorno a Firenze, della Versilia o della Maremma. C un turismo che quando apre il portafoglio per comprare o affittare una casa sfoglia la geografia meno nota, quella delle strade bianche o dei villaggi: Castelfalfi, Lajatico, Casciana Terme, Palaia, Gabbro, Nibbiaia e altre frazioni sperdute nelle colline pisane e senesi o nellentroterra livornese. Posti poco battuti, a volte liquidati in due righe a fondo pagina nelle guide.
Sta cambiando linvestimento immobiliare degli stranieri in Toscana: se si mettono a confronto i trend degli ultimi anni si vede che le zone della provincia di Siena, dellArgentario, del Pisano e del Livornese sono in crescita mentre accusano una contrazione la provincia di Lucca, il Chianti e Firenze. La Toscana - spiega Mario Breglia, presidente di Scenari Immobiliari, un istituto di ricerca del settore - rimane fra le regioni preferite dagli investitori esteri: lo scorso anno soltanto il Lazio lha superata di un punto percentuale, il 20 contro il 19. Il richiamo della terra di Dante e del Rinascimento resta intatto, ma si cercano i casali, il verde e il silenzio.

Si cerca una Toscana che non sia gi declinata su tutti i depliant, meno in vetrina, ma che comunque preservi il fascino dellambiente, la qualit del cibo e la tradizione. Luisa Stefano, che lavora a Livorno nel settore immobiliare e che reduce dalla fiera londinese dedicata allitalian style, spiega che muta la tipologia delle richieste: Meno ville di grandi dimensioni e pi casali, magari frazionati ma con piscina e immersi nel verde, in luoghi dove i prezzi siano abbordabili. Fabio Tedesco, sindaco di Lajatico (Pisa), centro di 1.400 abitanti, racconta che dalle sue parti sono in crescita i turisti del Nord Europa e che sicuramente un contributo decisivo, nel boom delle presenze estive, stata la costruzione del Teatro del Silenzio da parte del cantante Andrea Bocelli.

In cinque anni - dice - abbiamo raddoppiato il numero dei turisti. La gente qui trova il tipico paesaggio toscano e un buon rapporto qualit-prezzo. E se i giornali britannici scrivono che sono diverse le propriet degli inglesi in vendita nel Chiantishire per via della crisi economica, altrettanto vero che aumentano gli arrivi di viaggiatori dalla Norvegia, dalla Danimarca, dallOlanda. Tuttavia proprio inglesi e tedeschi si confermano anche negli ultimi anni i principali acquirenti di case in Toscana con una predilezione per lArgentario. In media gli affari immobiliari nel 2009 hanno fatto segnare un +6% rispetto allanno prima, confermando il successo di una terra scelta non soltanto per le vacanze ma per viverci.


Da anni artisti come Botero, Igor Mitoraj e Kan Yashuda abitano e lavorano per molti mesi lanno a Pietrasanta, musicisti come Sting nel Valdarno, il maestro Zubin Mehta in un frantoio in Val di Pesa (e di recente anche a Cerbaia), la scrittrice tedesca Sabine Thiesler in un casale del senese, Frances Mayes a Cortona (Arezzo). Solo per citarne alcuni. Un successo atipico, infine, quello di Volterra spinto in parte dallambientazione di "New Moon", uno dei libri della saga dei vampiri di Stephenie Meyer.


Lo scultore polacco Igor Mitoraj, che abita a Pietrasanta

"Amo questi bellissimi posti sconosciuti"




MICHELE BOCCI
FIRENZE - uno degli scultori pi noti al mondo e da molti anni ha scelto di vivere in Toscana. Trentanni fa vide Pietrasanta e decise di abitarci per motivi professionali. Poi, con il passare del tempo, ha apprezzato sempre di pi luoghi e persone di questa terra di montagne attaccate al mare. Igor Mitoraj ama la Versilia.
Perch proprio Pietrasanta?
Per lavoro, qui ci sono delle maestranze veramente eccezionali per gli scultori. Allinizio mi sono mosso per questo, e ho aperto uno studio qui. Ci ho messo molti anni per trovare la casa giusta. Poi ho scoperto un paesaggio molto bello, buon cibo e buon vino toscano.
Come si trova con le persone?
Mi piacciono molto, ho relazioni intense. Da queste parti sono piuttosto complicati, ma quando uno impara a conoscerli si trova molto bene.
Ha visto che molti stranieri lasciano il Chianti per trasferirsi in altre zone della Toscana?
giusto, in questa regione ci sono dei posti bellissimi e non sono solo quelli famosi allestero. Penso a Camaiore, dove ci sono case belle, un paesaggio meraviglioso e ancora pochi turisti. Limportante secondo me farsi amicizie e conoscenze sul posto, non immagino di vivere un luogo senza avere contatti con chi ci nato.
Anche a Pietrasanta ci sono tanti stranieri.
Si creato un ambiente di lavoro, con altri artisti, persone che arrivano da tutte le parti del mondo, tra cui direttori di grandi musei e giornalisti. Io vivo in paese perch non mi piacciono le villette sul mare. Purtroppo adesso invaso dai ristoranti, Pietrasanta sta diventando una mangiatoia. La gente viene a cena e se ne va. Intanto aumentano le gallerie e diminuiscono gli artigiani. Un vero peccato.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news