LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LAQUILA LAquila, una citt senza centro
Franco Insard
Liberal, mercoled 7 aprile 2010

L'Aquila torner a volare, c'era scritto quasi per farsi coraggio sui cartelli sparsi per la citt dagli abruzzesi a pochi giorni dal sisma. Ci vorranno anni per giungere al restauro e alla completa ricostruzione, ha ammesso ieri Silvio Berlusconi in un'intervista al Centro. In questi due messaggi c' una corsa contro il tempo durata un anno per far riemergere L'Aquila dalle macerie, la sofferenze di chi non sa se torner mai a casa propria, l'attivismo della politica e l'affarismo di personaggi senza scrupoli come i cognati Pierfrancesco Gagliardi e Francesco De Vito Pisciceffi - quello che, come risulta dalle intercettazioni, il 6 aprile 2009 dice alle 3 di notte ridevo nel letto. E che il 9 aprile aggiungeva: Mo' c' il terremoto da seguire... l c' da ricostruire per dieci anni. E per tutto questo che l'altra notte la citt si unita in una fiaccolata silenziosa per ricordare i loro morti. Ed soprattutto per questo che un gruppo di aquiliani ha contestato il Consiglio comunale in piazza e chiesto conto dei tanti pezzi dell'Aquila, degradati a citt fantasma. Chi ha raggiunto il capoluogo abruzzese subito dopo il terremoto ha dovuto fare i conti con la speranza che si leggeva a negli occhi dei sopravvissuti: disperati, scossi, attoniti, ma che volevano rialzarsi. Forse non avevano realizzato che avrebbero dovuto sopportare un anno terribile. Si sentivano coccolati, non facevano in tempo a chieder qualcosa che immediatamente gli uomini della Protezione civile intervenivano per alleviare le loro sofferenze. Poi con il passare dei giorni hanno cominciato a rendersi conto della gravit della tragedia che li aveva colpiti. La passerella mediatica del G8, le promesse dei potenti della terra hanno fatto sperare che si potesse velocemente uscire da quella situazione. Le tende che erano prima fredde sono diventate calde e afose. Tutto diventato pi difficile e nell'animo degli abruzzesi pazienti e laboriosi, qualcosa ha iniziato a scricchiolare. A settembre la consegna delle prime case ha ridato la speranza di un ritorno alla normalit, ma lo spettro del centro storico dell'Aquila incombe su tutti. E cos a un anno da quella terribile notte del 6 aprile i bilanci sono tristi e ancora pi drammatici. Le oltre venticinquemila persone che hanno preso parte alla fiaccolata, organizzata dai comitati per commemorare le 308 vittime e per non far dimenticare quanti stanno soffrendo ancora: le 4300 persone ancora ospitate negli alberghi e le altre 622 negli appartamenti del G8 della caserma di Coppito. I terremotati in questi mesi hanno dovuto fare i conti non soltanto con la mancanza di un tetto, ma anche con la difficolt di riprendere le loro attivit, di ritrovarsi nelle new town, costruite in fretta, senza pi riferimenti. E se da una parte c' da registrare un intervento record, come ha tenuto a sottolineare Il capo della Protezione Civile Guido Bertolaso: Oltre 25mila persone che hanno avuto la casa distrutta, oggi vivono in abitazioni antisismiche e case di legno. Poi c' una significativa quota, di 20-3Omila cui lo Stato sta dando una mano nella ricostruzione delle case danneggiate. Dall'altra ci sono ci sono i milioni di metri cubi di macerie ancora presenti nel centro storico dell'Aquila e che il popolo delle carriole con la sua protesta ha portato a conoscenza dell'opinione pubblica. E su questo Bertolaso in linea con il premier ha detto: Le macerie dell'Aquila riguardano non solo il centro storico della citt. In mezzo a queste macerie vi sono anche dei preziosi reperti artistici che non possono essere portati via con una carriola, ma devono essere selezionati e distinti. Credo sia corretta l'impostazione di avere una squadra del ministero dell'Ambiente, dei Beni culturali, del Comune, della Provincia e della Regione che lavori in modo coordinato per definire un piano di intervento. Ci vorranno diversi mesi, se non anche qualche anno. La sfida quella di sistemare il cuore dell'Aquila, che uno dei 20 centri storici pi importanti d'Italia come realt urbanistica e culturale. Ieri a L'Aquila era giornata di lutto cittadino, ma anche di bilanci. Secondo i dati forniti da Conf artigianato Abruzzo tra gennaio e dicembre si registrato un decremento, tra iscrizioni e cancellazioni, di 134 imprese (-0,37 per cento), con la sola eccezione della crescita di nuove imprese artigiane, soprattutto nel settore delle costruzioni. Secondo la Confartigianato le principali imprese localizzate nelle aree industriali del capoluogo abruzzese hanno riavviato l'attivit, mentre solo una modesta parte dei circa 800 esercizi commerciali della zona rossa ha riaperto fuori dal centro storico. Il turismo , invece, passato dalle circa 100mila presenze annue a poco pi di 30mila. Ma secondo Anna Maria Reggiani, direttore regionale per i Beni culturali e paesaggistici d'Abruzzo, bisognerebbe cominciare a dare un volto nuovo al turismo aquilano e abruzzese in genere, seguendo il modello di albergo diffuso proposto a Santo Stefano di Sessanio.



news

19-01-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 19 gennaio 2020

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

Archivio news