LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

RICOSTRUZIONE - L'AQUILA - Il modello di Renzo Piano "Cos una citt torna a vivere"
FRANCO LA CECLA
GIOVED, 08 APRILE 2010 LA REPUBBLICA

Quel terremoto che stato per lItalia lemigrazione ha significato ricostruire i centri storici italiani come "Little Italy" nel ventre di altri mondi


Non si tratta semplicemente di rifare un insieme di case ma di ricomporre la storia personale e collettiva di una comunit. Ecco le idee del grande architetto



Renzo Piano che mi racconta una storia che lo ha impressionato. Nel centro storico dellAquila c un solo caff aperto, il Nurzia, ma il punto di riferimento di chi stato sfollato anche cento chilometri pi in l. Perch venirsi a prendere un caff qui significa mantenere il contatto con la citt, con la propria citt.
Me lo racconta perch parecchio tempo che lo inseguo per chiedergli come pensa si debba ricostruire. Lui restio a parlarne, ma adesso, mi dice, pu esprimersi un po pi nel merito perch Claudio Abbado gli ha proposto di offrire agli aquilani, con i soldi della Provincia di Trento, un auditorium subito fuori le mura, tra il Castello e porta Castello. Precisa che una piccola cosa di fronte alla grande avventura della ricostruzione, che un lavoro a titolo del tutto gratuito e che non toglie alcuna delle risorse in loco. E che per ha un significato importante. un esempio di come si pu ricominciare da subito a ricostruire il centro con materiali leggeri, poco costosi, antisismici. Piano insiste: una citt non un insieme di case, c qualcosa di talmente prezioso nel tessuto vitale di una citt che non lo si pu cancellare con un colpo di spugna. Non che le case prefabbricate costruite dalla Protezione Civile siano un errore, andavano fatte, dice, ma sono costruzioni in un nulla urbano, sono piazzate su una zona a vocazione agricola. Non ci si pu aspettare da queste case una rinascita.
Ricostruire significa qualcosa di differente. La prima cosa da ricostruire lattaccamento delle persone alla propria storia in un luogo. Il pericolo dimenticare che lAquila un posto in cui esiste una storia personale e collettiva di identificazione con angoli, mura, luci, tramonti, vento, cani, montagne da sfondo, sapori di cibo, accenti di lingua, maniere di salutarsi. Gli dico che io penso che se siamo fatti di qualcosa, noi umani, siamo carne e geografia. Siamo definiti da luoghi che ci hanno cresciuto, impariamo a muoverci nel mondo a partire da un orientamento che ha che fare con quellandare su e gi per il corso a far vasche, che identifica nei limiti della nostra citt il cerchio che andremo ampliando in vita ma che rester come unit di misura dentro di noi. una fortuna straordinaria essere cresciuti in una citt che divenuta nostra e che abbiamo ereditato, o che abbiamo conquistato negli anni, affezionandoci ad essa. Per questo i terremoti possono cancellare una citt solo se cancellano la voglia degli abitanti di riaverla, di rimetterla a posto, di rifarsi rifacendola. Ci sono magnifiche storie di comunit di rifugiati che hanno ricostruito la propria mappa mentale altrove, anche a migliaia di chilometri di distanza. Sono anche storie nostre.
Quel terremoto che stato per lItalia lemigrazione ha significato ricostruire i centri storici italiani come "little italies" nel ventre di altri mondi. E oggi a Hong Kong le filippine emigrate come colf rifanno i propri villaggi una volta alla settimana sotto la hall della Hong Kong Bank dellarchitetto Foster, con la cucina fumante, i saloni di coiffeur, la danza, il karaoke, i giochi dei bambini. Renzo mi ricorda che negli anni 80 aveva lanciato ad Otranto un esperimento di partecipazione degli abitanti nella ricostruzione del proprio centro storico. Sotto un tendone aveva raccontato che si poteva restaurare da subito con cantieri aperti, materiali leggeri, senza cacciare via gli abitanti dalle proprie case mentre queste venivano restaurate. la stessa cosa che pensa per lAquila. Lauditorium con la piazza antistante deve servire anzitutto ad una popolazione che non ha pi piazze, spazi per riunirsi e deve essere usata come "sportello" informativo per gli architetti, le imprese locali e gli abitanti. Renzo sa che alla base del movimento delle carriole c il costituirsi di consorzi di proprietari per cominciare da subito ad impiantare cantieri di vicinato. Sa quanto sia importante spiegare che esistono materiali e tecniche leggere ed agevoli, Lauditorium sar costruito in pannelli di legno che resistono ad un terremoto della scala superiore di quello tragico di un anno fa.
Quando gli chiedo se se la sentirebbe di proporre un piano di ricostruzione mi risponde che non ce n bisogno. Si perderebbe solo tempo, due tre anni e nel frattempo si perderebbe lenergia magnifica degli abitanti, la loro mappa mentale vivente, la rete di relazioni che consente che siano loro, gli abitanti la maggiore risorsa economica della ricostruzione. Dice che ci sono architetti venuti dal Friuli e dallAustria, ma anche locali e giovani e comitati che stanno facendo un lavoro magnifico. C solo bisogno che queste energie non vengano frustrate, che vengano agevolate, mentre oggi ai proprietari nel centro storico viene perfino imposto di ricomprarsi le puntellature fatte da agenzie incaricate dalla Protezione Civile in cambio di una prelazione sulla ricostruzione. Limportante che leffetto citt, lo sdegno degli abitanti di fronte allannullamento del proprio orizzonte di vita abbia lo spazio per diventare progetto quotidiano, minuto. Basta cominciare e un cantiere dar lesempio a quello accanto, fuggendo la logica folle tipicamente italiana dellassistenza e dei borghi fantasma del Belice. Si possono ricostruire le case come erano, perch il legno consente ogni tipo di intonaco e di modellatura e se non il legno saranno altri materiali come le pietre rese antisismiche dalle casseforme inventate per la ricostruzione del Friuli.
Come ci aveva insegnato lItalo Calvino delle citt invisibili le citt sono una proiezione ad occhi aperti dei sogni dei propri abitanti. Per questo possono sempre rinascere.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news