LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ASSISI - Visite guidate sui ponteggi per ammirare le decorazioni della Cappella di San Nicola
CLAUDIO STRINATI
GIOVED, 08 APRILE 2010 LA REPUBBLICA

GLI AFFRESCHI DI ASSISI VISTI DA VICINO



Secondo Vasari lartista fu condotto qui per finire quel che Cimabue aveva lasciato incompiuto
Lelaborazione realizzata dagli strumenti scientifici riporta tutto allorigine
Si pu confrontare lo stile con quello della Cappella degli Scrovegni a Padova
Restauri e uso delle tecnologie pi avanzate per scoprire la bellezza del ciclo di storie francescane realizzate dal grande maestro: grazie alle ricostruzioni virtuali sar possibile capire i segreti di queste opere



Cade lottavo centenario della fondazione dellOrdine francescano e la Basilica di Assisi trova un nuovo momento di gloria. Gli affreschi delle Storie di San Francesco sono ormai un rituale del ventesimo secolo tanto da poter sopportare persino lo scherzo di Carlo Verdone sulla immancabile gita alla Basilica di sopra e alla Basilica di sotto. Assisi continua a generare occasioni memorabili di approfondimento e felicit nellincontro con lopera darte e adesso le celebrazioni sono arrivate alla prima tappa consistente nellaccesso dei visitatori sulle impalcature di restauro della cappella di San Nicola nella Basilica inferiore e nelle ricostruzioni virtuali degli affreschi con le Storie francescane per far capire a tutti come si presentassero queste opere-cardine della storia occidentale allatto della loro esecuzione a fine Duecento. Cos la realt virtuale e gli effetti speciali, che inevitabilmente condizionano lapproccio con lantico, si affiancano alle consacrate tecniche di restauro ossequienti a una tradizione tecnologica, filosofica e scientifica che vanto del nostro Paese.
Se gli affreschi della cappella di San Nicola costituiscono una questione interessante per gli studiosi della materia, per lesatta datazione e attribuzione, le storie francescane sono il "problema" per antonomasia di tutta la storia della pittura italiana inerente alla nascita dellarte moderna dalle macerie del mondo bizantino ancora dominante allinizio di quel fatale secolo tredicesimo. Lo scoglio insuperabile per una conoscenza soddisfacente di questi affreschi risiede nella totale mancanza di riscontri oggettivi nelle fonti antiche, tali da farci capire chi fu a elaborare il progetto del memorabile ciclo, chi effettivamente lo dipinse, e quando queste opere innovative scatenarono quel dirompente impatto che hanno ancora oggi.
Giotto esegu queste opere memorabili e quando esattamente? Gli antichi scrittori ci hanno confuso le idee. Giorgio Vasari nel suo libro delle Vite dei pittori, in prima edizione nel 1550, per quel che riguarda Assisi dice ben poco pur raccontando litinerario giottesco in modo lineare. Afferma che Giotto apprese larte pi per istinto, che fu notato quando era giovanissimo da Cimabue, il primo pittore di Firenze, e da lui valorizzato, e poi fece tanti lavori a cominciare da Firenze. Assisi fu una delle molte tappe della sua carriera. Vi fu condotto per finire le opere che Cimabue aveva lasciato incompiute e nella chiesa dei frati minori dipinse tutta la chiesa dalla banda di sotto. Non si capisce se con le parole dalla banda di sotto vuole indicare le storie francescane che stanno nella Basilica superiore ma nella parte di sotto delle mura o la Basilica inferiore (che sta di sotto) dove ci sono in effetti alcune cappelle dipinte da Giotto. Ricorda la lapide che nel Quattrocento il poeta Poliziano scrisse per la tomba di Giotto dove nellepitaffio il defunto parla di s: Ille ego sum per quem pictura extincta revixit (Sono io quello che ha fatto rivivere la pittura data per morta). Il Vasari spiega: essendo stati sotterrati tanti anni dalle ruine delle guerre i modi delle buone pitture egli solo quella che era per mala via resuscit e redusse a una forma da chiamar buona. Che gli affreschi delle Storie francescane siano buoni non c dubbio e le ricostruzioni virtuali elaborate dal CNR e presentate da Giuseppe Basile lo dimostrano attraverso un metodo che permette di vedere come si presentassero allorigine, immuni dai danni del tempo e degli uomini. Sono belli, compatti, duri nella sostanza cromatica, incantati in una ferrea cubatura spaziale che rende tutto nitido e lampante, dove la forma generata da un criterio di sicurezza mentale che stabilit fisica della percezione. Che questi affreschi siano di Giotto oggetto di disputa perpetua. Ora i restauri esemplari hanno permesso di scendere nel profondo della esecuzione e dello stile. Il confronto cruciale con gli affreschi della Cappella degli Scrovegni a Padova dove le fonti attestano con certezza che lautore Giotto. Come data gli Scrovegni sono un po pi avanti di Assisi, ai primi anni del Trecento quando Dante rivolge a Giotto un alto elogio nel Purgatorio. Assisi dovrebbe essere alla fine del secolo precedente. Dante per lodare Giotto fa parlare il miniatore Oderisi da Gubbio, in Purgatorio per il peccato di superbia tipico degli artisti. Oderisi dice che Cimabue credeva di essere il numero uno ma ora c Giotto che ha superato tutti, come ha fatto Franco Bolognese nel campo della miniatura. Leccellenza dellarte si spostata nellarea nord italiana, a Padova e a Bologna. Giotto un fiorentino ma la sua forza travalica la scuola da cui proviene per fecondare tutta lItalia da Milano a Napoli. Vasari spiega come Giotto avesse estratto larte dalle macerie della guerra, rappresentata dal mondo bizantino che aveva paralizzato le forme espressive costringendo gli artisti a parlare una lingua transnazionale dove a farla da padroni erano langoscia e la paura. Ma il pittore delle Storie francescane un pacifista che convoca riunioni e solenni adunanze affiancandole a episodi di vita vissuta come se un incantesimo benigno avesse liberato lo spazio dallingombro dellossequio a un potere costituito ormai scomparso ma ancora opprimente. Il progettista delle Storie francescane il primo artista occidentale che usa un criterio da autentico sceneggiatore. Prende un libro che la Legenda Maior di San Bonaventura dellinizio del Duecento in presa diretta su San Francesco, e lo organizza in un racconto figurativo con forti elementi strutturali comuni, interpretando lo spirito del santo in bilico tra la bellicosit del contestatore e il pacifista universale volto allarmonia tra le parti. Inventa una tradizione di fatto appena nata e le contestazioni gi allepoca ci furono, specie dalla corrente pauperista. Prudentemente il ruolo di Giotto quale supremo ideatore fu messo subito in ombra. Gli studi attuali, i cui risultati rifulgono in queste manifestazioni assisiati, ce lo restituiscono con tutta evidenza.



news

19-01-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 19 gennaio 2020

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

Archivio news