LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CAMPANIA - La storia della Salerno longobarda prende corpo
09/04/2010 IL MATTINO



La storia della Salerno longobarda prende corpo e si presenta viva allo sguardo ed al cuore degli odierni cittadini. Un vero e proprio evento quello del 16 aprile, quando finalmente verr restituito alla fruizione pubblica il complesso monumentale di San Pietro a Corte, comprendente lomonima chiesa, meglio conosciuta come la cappella palatina fondata dal principe Arechi nel 787. La soprintendenza per i beni architettonici e del paesaggio, diretta da Giuseppe Zampino, ha finalmente ultimato il restauro, anima da sempre del lungo e laborioso recupero, Gennaro Miccio, responsabile del centro storico per lente di tutela. Un intervento durato circa trentacinque anni - sottolinea - tra varie vicissitudini, dovute soprattutto alla scarsa attenzione dello Stato verso uno dei monumenti simbolo della storia non solo locale con la conseguente sempre minore erogazione di finanziamenti. Proviamo a riscostruire le tormentate vicende. Nel 1970 - racconta Miccio - si pot dare avvio alle prime indagini conoscitive grazie allacquisire in prelazione di alcune costruzioni che occludevano il lato settentrionale della cappella palatina e buona parte del piano terra. Dopo il terremoto del 1980 e la costituzione della soprintendenza territoriale a Salerno si diede maggiore vigore alla ricognizione sia per le parti inferiori (ambienti termali, insediamenti paleocristiani), sia per lelevato dove veniva alla luce la cappella palatina longobarda. Furono messe in luce, grazie anche alla collaborazione con la soprintendenza archeologica, testimonianze eccezionali, tra cui i bellissimi cicli pittorici del XII secolo. Poi negli anni Novanta si spengono i riflettori su San Pietro a Corte. Con lultimo dei modesti finanziamenti - continua Miccio - fu sistemata alla meglio la parte ipogeale e la cappella di SantAnna, rendendo almeno visitabili le tracce delle architetture tardo romane e longobarde. Tutto fermo, invece per lambiente superiore. Miccio va avanti, recupera poco alla volta quanto era rimasto dellapparato decorativo, soprattutto barocco, che era stato precedentemente rimosso. Nel corso di questi ultimi anni recupera tre tele, la cantoria in legno e un organ. Lostinato funzionario insiste per ottenere fondi e poco alla volta termina il consolidamento della struttura con il rifacimento della copertura della cappella. Nel 2005 viene ricollocata la grande tela settecentesca che decorava la finta volta in legno dellaula. Resta labside, oggi restaurata, cos come il loggiato, rifatto e riposizionato il portone dingresso e la scala di accesso. Nel condominio adiacente visibile la prosecuzione della facciata e del loggiato. E nel museo virtuale della Scuola medica in via Mercanti sar presentata lipotesi ricostruttiva della cappella. erm.pe



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news