LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

A Ricci le carte di Carlo Levi
Alessandro Mondo
La Stampa 05-AGO-2004

L'archivio di Carlo Levi - autore del celebre libro Cristo si fermato ad Eboli ma anche pittore affermato, appartenente al gruppo dei Sei di Torino - in salvo. Il misterioso acquirente altri non che Antonio Ricci, ideatore del popolare programma televisivo Striscia la notizia, accreditato fustigatore dei malcostumi nazionali. Sua la decisione di acquistarlo dai proprietari che l'avevano messo all'asta, tra le preoccupazioni di chi paventava la scomparsa di questo patrimonio letterario nel caveau di qualche antiquario senza scrupoli. Sua la volont di farne dono alla citt di Alassio. Pi precisamente alla Pinacoteca Levi, inaugurata dal Comune ligure nel 2001 in omaggio ad uno dei suoi pi celebri ed assidui frequentatori.
Conferma Giuliano Urbani, ministro per i Beni Artistici e Culturali, che qualche giorno fa ne ha discusso con Ricci, ora irraggiungibile negli Stati Uniti. Conferma Monica Zioni, assessore alla Cultura di Alassio, lusingata da una decisione che premia l'impegno culturale della vivace cittadina ligure.
La notizia, arrivata: nella tarda sesta di ieri, mette fine ad un vero e
proprio giallo condito dalle polemiche di Italia Nostra, l'associazione di tutela del patrimonio storico, artistico e culturale. Polemiche subito rilanciate da quanti ne condividevano i legittimi timori per il destino di un tesoro diviso in due parti: la Drupa, acquistata da Ricci con destinazione Alassio; la seconda tran-che, tuttora di propriet della Fondazione Levi, custodita nei depositi dell'Archivio di Stato di Roma. Ed proprio sulla prima parte dell'archivio che si erano concentrate le polemiche. Per la precisione da quando Mario Freddi, accreditato dalle prime indagini di Italia Nostra come un antiquario torinese, aveva acquistato all'asta i manoscritti ed i bozzetti di Levi (si dice per 95 mila euro), mettendo a segno un colpo magistrale. La promessa, stando alle voci che fino a ieri sera si rincorrevano sulle agenzie, era di donarli ad un non meglio precisato ente pubblico torinese. Unica condizione: la rinuncia all'acquisto e ai diritti da parte dello Stato, della soprintendenza ai Beni Artistici e Culturali del Lazio e della stessa citt di Roma.
Da qui l'appello dell'Associazione e di quanti si sono aggiunti per strada, affinch il ministero esercitasse immediatamente il diritto di prelazione sull'acquisto dell'opera di Levi: in base ai termini di legge scadeva il 17 agosto. Fortunatamente non ce ne sar pi bisogno. Sono decaduti tutti i rischi che ci avrebbero spinti ad un passo del genere -spiega il ministro Urbani -. Quando si scoperto che l'archivio era stato messo in vendita, un nostro sovrintendente ha subito vincolato il patrimonio, notificandone l'indivisibilit. Il primo risultato che l'asta andata semideserta. Non solo: Preso atto dell'acquisto da parte di un non meglio precisato antiquario torinese, abbiamo deciso di esercitare il diritto di prelazione. E' stato allora che questo signore ci ha svelato di comprare su mandato di Ricci. Lo stesso Ricci uscito dal suo tradizionale riserbo, rassicurandoci sul significato della sua offerta. No comment sulla cifra pagata per aggiudicarsi l'opera di Levi, che in realt sarebbe inferiore rispetto alle stime. A questo punto sappiamo che l'archivio Levi, formato quasi integralmente da manoscritti e da qualche bozzetto, non solo rester in Italia ma sar accessibile al pubblico -aggiunge il ministro -. Insomma, quella che si dice una buona notizia.
Non solo. Su richiesta del ministero, Ricci ha accettato di digitalizzare l'archivio destinato alla Pinacoteca di Alassio in vista di una riunificazione con quello depositato nella capitale, se e quando la Fondazione decider di disfarsene. Soddisfatto Urbani. Ancora pi soddisfatto il Comune ligure, frequentato tutte le estati da Carlo Levi. Presenza assidua, quella dello scrittore nonch pittore, testimoniata dalla bella villa che domina il centro. I suoi soggiorni erano memorabili - ricorda Monica Zioni, assessore alla Cultura -. Frequentava Alassio d'estate, per un paio di mesi. Qui ha prodotto alcuni dei suoi quadri pi interessanti: cinque di questi ritraggono l'amico Italo Calvino, immortalato in periodi diversi. E noi ne possediamo uno. Non ringrazieremo mai abbastanza Ricci, al quale siamo molto legati. E' l'ennesima dimostrazione di un sostegno convinto alle nostre iniziative culturali. Fra i traguardi gi tagliati dal Comune, la Pinacoteca Levi inaugurata nel 2001 : fino a ieri esibiva con legittimo orgoglio una ventina di tele; da oggi un punto di riferimento e culturale a livello nazionale.



news

27-01-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 27 gennaio 2020

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

Archivio news