LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI - una frana sta travolgendo il cimitero del Pianto,
Paolo Barbuto
09/04/2010 IL MATTINO



Dopo la denuncia del nostro giornale sulla frana che sta travolgendo il cimitero del Pianto, dove si trovano le tombe di Totò, di Enrico Caruso, di Nino Taranto, Napoli si aspettava un intervento urgente: squadre di operai a puntellare le cappelle prossime al crollo, tecnici a decine a studiare come fermare quello scempio.

Invece no: il Comune, che da mesi conosce quella situazione e non interviene, sostiene che anche quest’ultima frana è nota da tantissimo tempo e che non c’è nulla di strano. Certo, sono in corso attività per un intervento futuribile. Ma senza una data precisa. Con calma. Intanto i geologi restano attoniti e si chiedono come sia possibile non mettersi subito al lavoro. Spiegano che la terra sotto a quel cimitero è composta da materiale fragile che ci mette poco a sfaldarsi. Confermano, in linea teorica, che alla prima fase di smottamento delle cappelle più in basso, è possibile che seguano ulteriori scivolamenti del terreno che possono coinvolgere l’antica chiesa del ’600 e anche le cappelle sovrastanti, comprese quelle degli artisti. Chiedono di intervenire in fretta. Ieri mattina l’assessore ai cimiteri, Giacomelli, si è precipitato al cimitero del Pianto. Dopo aver dato uno sguardo all’asfalto spaccato come un biscotto, alle scale divelte, alle cappelle piegate verso il baratro, ha sentenziato: «Nessun abbandono e nessuna incuria». Eppure davanti ai suoi occhi c’era l’«originale» delle fotografie che vedete qui di fianco. Anzi c’era di più: se l’assessore avesse spinto lo sguardo cinque metri più in là, rispetto alla zona della frana, avrebbe notato che il cancello di protezione del cimitero è stato segato e rimosso, e che è stata predisposta una comoda scaletta per consentire a chiunque di accedere liberamente, anche fuori dell’orario di chiusura. Un percorso comodo ed efficace per malintenzionati e ladri che, in un ambiente in cui non v’è traccia «di incuria né di abbandono» possono fare quel che vogliono, quando vogliono. Il Comune ha ufficialmente spiegato che quella frana è partita nel mese di novembre, appena cinque mesi fa, probabilmente creata da un problema di infiltrazione d’acqua, e ha chiarito che «gli uffici competenti hanno predisposto un progetto di rifacimento del muro e del sistema di canalizzazione delle acque piovane, che è all’esame della competente Soprintendenza per il relativo parere, dopo le integrazioni progettuali richieste e relative alla ricostruzione del muro con sistema di palificazione». Insomma, a leggere e rileggere le parole ufficiali del Comune si evince un particolare: di quella frana si parla, per quella frana si preparano progetti, ma per adesso non si interviene, se non con un puntellamento. Nelle note ufficiali di palazzo San Giacomo non compare alcun impegno ufficiale sui tempi di realizzazione delle opere di sostegno, della collina di Totò. Eppure lasciare la situazione così com’è, può provocare ulteriori scivolamenti del terreno e coinvolgere tutte le altre strutture. Lo dicono gli esperti geologi, non i passanti della zona



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news