LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LIGURIA - Acquasola, il consiglio di stato non concede la sospensiva
10 aprile 2010, IL SECOLO XIX


legambiente e comitato contro tursi, che rischia dieci milioni in penali
NIENTE SOSPENSIVA e sentenza definitiva fissata al prossimo 4 maggio. Questo ha deciso, nell'udienza di ieri sul caso park dell'Acquasola, il Consiglio di Stato chiamato a pronunciarsi sulla richiesta di congelare la sentenza del Tar che ha dato ragione ai soggetti ricorrenti contro la costruzione del contestato parcheggio.
In pratica le ruspe non torneranno a scavare all'Acquasola, e in questo lasso di tempo non si muover neppure il Comune. Cancellare diritti acquisiti con un atto formale, lo si quantificato qualche tempo fa, potrebbe portare Tursi a spendere qualcosa come dieci milioni di euro in penali.Alla accuse di Andrea Agostini di Legambiente e del comitato "Parco non Parcheggio", che dicono l'amministrazione non assume chiaramente una posizione sul quesito giuridico se sia possibile o meno revocare la delibera dell'ok ai lavori. Si era impegnata pubblicamente a dicembre chiedendo un parere a un giurista da lei scelto per le indubbie competenze giuridico-ambientali a livello europeo. Parere mai pervenuto. Il parere verr prodotto in forma scritta - si difende Pinuccia Montanari, assessore al Verde, ma ne conosciamo gi l'orientamento. Il super esperto chiamato a pronunciarsi sul caso il giudice Amedeo Postiglione, direttore della Fondazione Corte Internazionale dell'Ambiente (Icef) e magistrato presso la Corte Suprema di Cassazione, sezione Ambiente. Raggiunto al telefono, cos si esprime: In linea di principio generale la vicenda piuttosto chiara - spiega Postiglione - siamo di fronte a una decisione che stabil, giusto o sbagliato che fosse, che sotto quell'area fosse realizzato un parcheggio. L'amministrazione ha dato la sua autorizzazione ai privati. Da qualche tempo sorta un'opposizione di cittadini, ma l'atto rimane e non pu essere ignorato. L'amministrazione comunale pu tornare sui suoi passi, ma soltanto con un atto esterno, non interno. La revoca possibile soltanto se sono sopravvenuti gravi impedimenti o ragioni di rilevante interesse pubblico. Siccome c', per, una decisione del Tar e un procedimento in Consiglio di Stato, ritengo opportuno prima di prendere qualsiasi decisione attendere la sentenza della magistratura amministrativa. Per cambiare idea ci vuole una leva che vada al di l delle motivazioni di interesse ambientale. E, comunque, la ragione del diniego dev'essere sopravvenuta dopo quell'ok. Diverso sarebbe stato se il Comune, all'epoca, avesse posto regole e criteri precisi, magari ricorrendo anche a una commissione indipendente per fissarle e monitorarle. In questo caso, le leve per mutare quella decisione sarebbero di pi.
d. gri.


10/04/2010
IL MUNICIPIO Medio Levante dice s alla variante urbanistica per il nuovo Lido di Albaro. Ma al contempo critica con forza il clima politico che ha circondato il progetto e la "scatola" urbanistica che avrebbe dovuto consentire il maxi-restyling da 100 milioni di euro. Le modifiche approvate in un secondo tempo sono peggiorative - spiega il parlamentino, riunitosi ieri sera alle 21 in via Mascherpa, sede dell'ex circoscrizione di Foce, Albaro e San Martino - e potrebbero mettere a rischio l'equilibrio economico gestionale e di unitariet dell'area.
La pratica Lido stata esaminata qualche giorno fa in commissione consigliare, e dopo una discussione finalmente rilassata si deciso di trasferirla all'aula che marted ne licenzier, dopo pi di un anno di battaglie e trattative, l'approvazione. La giunta - presente il sindaco Marta Vincenzi - si detta disponibile a presentare, marted prossimo in consiglio comunale, un emendamento che inserir nella variante urbanistica sullo stabilimento balneare i principi fortemente richiesti da Idv e da Rifondazione. Per i dipietristi era fondamentale ribadire, nel testo della delibera, l'impossibilit di cambiare destinazione d'uso alle cabine che verranno costruite sul mare. Antonio Bruno (Rifondazione Comunista) ha invece ottenuto un abbassamento dell'altezza massima consentita per le cabine, che passer quindi da 2 metri e 70 a 2 metri e 70 centimetri. Ma ci sar da capire se il progetto Lido andr avanti. Se i proprietari se la sentiranno di imbracciare comunque - con prospettive di rientro dell'investimento a questo punto molto pi lente - un progetto fortemente ridimensionato.
Il Municipio Medio Levante ha approvato il documento di parere all'unanimit. Tra le firme che sottoscrivono la condanna del clima politico nato attorno al progetto e alla variante ci sono anche quelle degli esponenti di Italia dei Valori, che hanno avuto tutt'altre posizioni in Consiglio Comunale. L'argomento diventato, di fatto, terreno di scontro politico trasversale, cosa che non ha certamente contribuito al merito della discussione - scrivono i consiglieri del Municipio - in quanto si avuta spesso l'impressione che si discutesse di tutt'altro e, per di pi, di principi per altro gi sanciti dalla legislazione e dalle normative e che, senza dubbio, erano e sono ipotesi inseribili nella convenzione da stipulare fra i soggetti interessati.
d. gri.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news