LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Assisi, Giotto. Affreschi restaurati e riproposti in 3D
Riccardo Lattuada
Il Mattino 10/4/2010

Ad Assisi riaperta la Cappella di San Nicola

C ora una nuova occasione per guardare Giotto da vicino, anche da una prospettiva diversa da quella usuale. Ultimati i restauri seguiti dall'Istituto Centrale del Restauro sotto la direzione di Giuseppe Basile, riapre domani la Cappella di San Nicola nella Basilica inferiore di San Francesco ad Assisi. Al tempo stesso nel Palazzo del Monte Frumentario, un edificio del Trecento non lontano dalla Basilica, parte la mostra virtuale Giotto com'era. L'idea quella di simulare l'aspetto originario degli affreschi di Giotto nella Basifica Superiore di Assisi, ricostruendo i pigmenti pittorici delle scene dipinte mediante immagini digitali. Il restauro della Cappella di San Nicola un evento sia per il pubblico non specializzato sia per gli studiosi di Giotto. La cappella fu affrescata sotto la sua direzione intorno al 1309 quando, dopo il tour de force della decorazione a fresco della Cappella degli Scrovegni a Padova, l'andirivieni del maestro tra Assisi e altri centri italiani divenne frenetico, e non gli fu pi possibile eseguire tutto da solo ma dovette affidarsi ai molti validissimi esponenti della sua quipe. Questo metodo, che si basava sull'impiego dei cosiddetti patroni (cartoni in scala 1-1 delle figure e degli elementi da trasporre sul muro, prodotti dal maestro ed eseguiti dai suoi collaboratori), ha generato un dibattito infinito sulla paternit delle singole parti di questo e altri complessi giotteschi ad Assisi, a Firenze, a Napoli e altrove. In sostanza il progetto e la direzione esecutiva di questi insiemi sono sempre e solo del maestro, mentre ai suoi collaboratori - spesso, come si detto, pittori molto capaci a loro volta abili interpreti delle invenzioni del loro maestro era lasciato il compito di interpretare le sue indicazioni, e ci non senza lasciare traccia della propria personalit artistica. Si attribuisce tradizionalmente ad un Maestro della Cappella di San Nicola l'esecuzione materiale dell'interno di questo ambiente della Basilica Inferiore. La sua configurazione porta Giotto ad allestire scene di grande complessit spaziale, in cui ormai le sue figure si muovono con una naturalezza ed un senso di realt impressionante. Con una buona guida alla loro lettura formale e tecnica, la visione ravvicinata di queste opere straordinarie davvero utile per capire un testo chiave per la nostra civilt artistica. Giotto sempre al cento dei discorsi sull'arte italiana e, con un processo pi lento di quanto accaduto per Caravaggio ma altrettanto inesorabile, il suo ruolo cruciale per la nostra storia sta entrando nella percezione mediatica. In un mondo senza memoria, l'industria culturale chiede a esperti, allestitori, comunicatori, sempre le stesse cose, ma adeguandole alle mode dei tempi. La parte virtuale della mostra costituisce un esperimento gi altre volte tentato, ma che va segnalato e discusso come esempio dell'evoluzione delle strategie contemporanee di divulgazione e comunicazione dell'arte. Come ogni operazione virtuale, l'effetto scenico di queste ricostruzioni genera reazioni controverse. Da un lato il ripristino ideale del blu saturo dei cieli. giotteschi e dello splendore degli incarnati e degli abiti delle figure, conferisce una impressione di realt anche maggiore alle scene; dall'altro il risultato finale, nella sua smaltata levigatezza, aggressivo.
I muri della Basilica di Assisi non sono piatti come quelli di uno schermo tv; gli accidenti e le irregolarit della cortina muraria conferiscono alle immagini di Giotto una plasticit, una ruvidezza che si perde nel colore saturo, uniforme e retroilluminato delle ricostruzioni. Guardate fra ventanni, anche queste immagini denunceranno dunque il gusto di un'epoca, l'abito percettivo e visuale dei nostri giorni (ben diverso da quello di Giotto, e certo anche da quello del futuro). Tale sensazione si acutizza pensando alla ricostruzione virtuale in 3D, ideata dal Cnr, della Approvazione della Regola francescana da parte del Papa, uno degli affreschi pi noti di Assisi. Non saprei se l'azione rappresentata da Giotto viene drammatizzata, rappresentata davanti agli occhi del visitatore nell'atto del suo svolgersi; e nemmeno se si consegua l'immersivit percettiva dello spettatore-attore nella scena cos ricostruita. Tutto va bene, e tutto utile per avvicinare le persone all'arte, alla sua comprensione, alla sua tutela. Ma tornano alla mente anche le parole di Maurice Merleau-Ponty: Il pittore, chiunque egli sia, mentre dipinge pratica una teoria magica della visione. E questa pratica, per fortuna, sfugge a qualunque ricostruzione in 3D.



news

24-01-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2020

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

Archivio news