LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LEinaudi rilancia la storica collana Nue: con uno sguardo proiettato su culture diverse
SALVATORE SETTIS
MARTED, 13 APRILE 2010 LA REPUBBLICA - Cultura





Lidea quella di esplorare il canone in tutte le altre civilt, dallIndia alla Cina
Il futuro dei testi "fondamentali" sta proprio nel declinarli in questo modo


Risorge la NUE (Nuova Universale Einaudi). Nata come "Universale Einaudi" nel 1942, fu allora impostata da Carlo Muscetta, e nei primi ventanni pubblic 63 titoli, testi classici essenziali per il dibattito culturale italiano: antologie da Erodoto e Livio, i Ricordi di Marco Aurelio, molto Ottocento italiano, da Leopardi ai discorsi parlamentari di Cavour, a Pinocchio; ma anche un vasto panorama europeo, nel Rinascimento (Lorenzo il Magnifico, Cellini, Erasmo, Aretino) e dopo (Winckelmann, Pukin, Kleist, Cuoco, Mazzini).

Minime le escursioni verso Oriente: Liriche cinesi (1943), poi nel 1946 i Diari di dame di corte in Giappone e la Storia di Aladino, dieci anni dopo Omar Khayym. Rinnovata nel 1962 come "Nuova Universale Einaudi", acquist subito una nuova personalit grazie alla veste grafica di Bruno Munari (con le famose "righe rosse") e a Giulio Bollati, che vi mescolava sapientemente gli antichi e i moderni, con mirate annessioni nel contemporaneo: Omero e Petrarca, ma anche Nietzsche e Proust, anche Saba, Gadda, Borges.

Si dipanava cos unidea dei "classici" come benevole compresenze, utili a illuminare gli incerti orizzonti del presente, simboleggiati intanto dalla Crisi della civilt di Huizinga, non a caso tra i primi volumi della nuova serie. Crescevano via via i testi espressamente politici, a cominciare dal Manifesto del Partito Comunista (1962); in quel contesto, anche i Nuovi poeti sovietici curati da Ripellino, per non dire delle poesie di Brecht e del Romanzo storico di Lukcs, puntavano lindice oltre cortina, bilanciati a stento da Gobetti e dalle Lezioni di Luigi Einaudi. Col Sessantotto, questo indirizzo diventa sempre pi aperta militanza: non solo Marx ed Engels, non solo Rosa Luxemburg, non solo il Che fare? di Lenin e Letteratura e rivoluzione di Trockij, ma anche Che Guevara (1969), anche Mao (1979). Incastonandosi fra lOrlando Furioso e i Buddenbrook, quei testi suggerivano una strategia per intendere il presente prelevando il meglio dai vasti magazzini del "classico", ma anche promuovendo sul campo a testi-guida qualche opera, qualche autore iconizzato or ora. Pochissime, invece, le esplorazioni fuori dal confortante perimetro dellOccidente: gli Storici arabi delle Crociate (1963), la poetica di Anandavardhana (1983), e semmai Gandhi (1973) e i saggi di Lu Xun (1968). A ispirare le scelte sono via via Ponchiroli, Davico Bonino, Carena, Paolo Fossati, Carlo Bonadies, Mauro Bersani, ma il ritmo si dirada e lidentit della collana si fa sempre pi incerta: dal 1998 ad oggi, sopravvive solo coi tre volumi di Romanzi e prose di Volponi (2002).
Crisi di scelte editoriali, forse. Ma anche di una certa idea di "classico", forse troppo ostinatamente eurocentrica. E vero, classicus parola latina (in origine designava i pi ricchi contribuenti fiscali, e poi per metafora gli scrittori "di prima classe"). E vero, a partire dal Quattrocento italiano (Filippo Beroaldo, 1496) "classici" sono in tutta Europa gli autori greci e latini, in quanto perpetuo modello di etica e di stile. E vero, anche le letterature europee, a cominciare dalla Francia, individuano una propria fase "classica"; e i nostri classici sono Dante, Petrarca e Boccaccio, e poi Ariosto e Tasso, Leopardi e Manzoni; come lge classique dei Francesi quella di Cartesio e Molire, di Corneille e Racine, e corrisponde in Spagna al siglo de oro che culmina nel Chisciotte, in Inghilterra a Shakespeare, in Germania a Goethe e Schiller.
E vero, insomma, che lidea di "classico" si identificata per molto tempo con quella di un canone di autori che il tempo ha innalzato su immobili piedistalli, consacrandoli come modelli inarrivabili, perpetui. Ma quei piedistalli mostrano ora qualche crepa: li erodono almeno due tarli, luso sempre pi estensivo di "classico" e la cultura globale. Per esempio, diffusa nel linguaggio della pubblicit laccezione di "classico" per designare un prodotto superato da nuove versioni dello stesso, ma ancora richiesto da una parte della clientela (per esempio MacIntosh Classic, Coca-Cola Classic): ma qui "classico" quasi sinonimo di "invecchiato, stanto".
Pi radicale laltro fattore di crisi (laltro "tarlo"): il canone dei classici greco-romani si identific in tutta Europa, a cominciare dalla Germania di Humboldt, con la cultura delle lites, ma proprio per questo oggi sotto accusa. Per sentirci pi simili agli Antichi, abbiamo finito per rendere loro identici a noi, e dellAntichit greca e romana abbiamo fatto la culla di un Occidente sempre eguale a se stesso, che non mai esistito, ma che sulla continuit con lAntico ha fondato le proprie pretese di egemonia sul mondo. Abbiamo attribuito a quei classici una universalit "fuori del tempo", ma in realt li abbiamo usati come proiezione e legittimazione di valori delloggi, senza accorgerci che quellimmagine astratta e ideologizzata del classico lo impoverisce riducendo a fittizia unit una straordinaria molteplicit di esperienze e di culture.
Oggi assistiamo a qualcosa come un ultimo atto: il galoppante regresso delleducazione classica nei sistemi formativi si intreccia alla vuota retorica dei valori "classici" come fondativi, che ne accompagna il declino come una marcia funebre. Se c un futuro del "classico", esso non pu che essere nella riscoperta della sua radicale diversit da noi, nel confronto con altre culture, con altre tradizioni, con altre "classicit": che non sono mai equivalenti alla nostra, ma proprio nella loro feconda diversit possono insegnarci a riscoprire, perch no?, Sofocle e Virgilio. In Cina, per esempio, il grande critico Zhu Guangqian, per tradurre il termine "classico", che conosceva da un saggio di Sainte-Beuve, ricorse nel 1935 a due concetti tradizionali, gudian e jingdian, dove gu vale "antico", dian "canone", jing "trama". Il carattere dian si scrive con due mani che sorreggono un supporto scrittorio, dunque rimanda a una codificazione libraria; jing designa anche i testi sacri ("Bibbia" si traduce come Shengjing, "Sacra Scrittura"). Il "classico" cinese, diversamente da quello europeo, autorevole per la forza anonima della tradizione e non per la presenza dellautore, normativo e analogico, non analitico e classificatorio. Ma queste alterit ci insegnano pi di ogni pretesa identit.
La NUE che rinasce intende proporre unassidua, rigorosa esplorazione del "classico" in tutte le culture. Usciranno ogni anno quattro titoli, dei quali uno greco o latino, gli altri prelevati da altre tradizioni: vanno oggi in libreria La consolazione di Filosofia di Severino Boezio, testo che dal buio di una prigione a Pavia e alla vigilia della condanna a morte del suo autore (anno 525) chiude lAntichit e apre il Medio Evo; Il viaggio notturno e lascensione del Profeta (attribuito al cugino di Maometto Ibn Abbas ma composto assai pi tardi), visionario racconto della cavalcata di Maometto in groppa alla Buraq, destriero alato dalla testa umana, fino a Gerusalemme, e poi della sua scalata per i Sette Cieli, in cui il Profeta, attraversando la storia allinverso, incontra prima Ges, poi Abramo e Mos, e finalmente Adamo; il Trattato di Manu sulla norma, labirintico corpus di norme etiche, giuridiche e politiche, in sanscrito, del II secolo a. C., che prescrive con impassibile minuzia rituali, gesti e obblighi comportamentali degli Indiani, rigorosamente ripartendoli per casta; e infine la Storia di Saigyo, anonimo racconto minimalista della vita e delle peregrinazioni dello squisito poeta giapponese Sato Norikiyo (sec. XII: Saigyo fu il suo nome da monaco), che serve da cornice a una preziosa antologia delle sue intense composizioni poetiche.
In questi volumi, che aprono programmaticamente la nuova stagione della NUE, la traduzione sempre condotta sulloriginale, e ampi commenti e saggi invitano il lettore a entrare nel testo apprezzandone le singolarit, perfino le stranezze; uno stesso approccio storico-filologico condiviso da curatori e prefatori di discipline assai diverse, come Maria Bettetini, Barbara Chitussi e Giovanni Catapano (Boezio), Ida Zilio-Grandi, Maria Piccoli e Cesare Segre (Viaggio del Profeta), Federico Squarcini, Daniele Cuneo e Aldo Schiavone (Trattato sulla norma), Lydia Origlia e Giancarlo Calza (Saigyo). Segrete simmetrie, rimandi impercettibili catturano alla prima lettura, suggeriscono ritorni al testo, nuovi percorsi: lalternarsi di prosa e testi poetici in Boezio e in Saigyo, la contiguit del Viaggio del Profeta con la visione dantesca dellaldil (secondo alcuni influenzata dal Liber scalae Machometi, che racconta pi o meno la stessa storia del Viaggio), laffascinante, magnetico mescolarsi di religione e diritto, etica e politica nei precetti del Trattato sulla norma. In tempi di approssimati esotismi, di letture frettolose, di traduzioni di seconda e terza mano, di libri "fiutati" e citati, ma non letti, la nuova NUE ci offre un esempio e una promessa. Sceglie testi "classici" secondo le declinazioni che il canone pu assumere nelle varie culture, e li ripropone come tutti egualmente distanti luno dallaltro, e da noi. Ci invita a costruire una nuova attualit (un nuovo presente) esplorando "ai quattro angoli della terra" ogni possibile cultura tradizionale. Provando, con laiuto degli esperti, a ri-fondare per nostro uso una pi ampia e ricca genealogia: non dellOccidente, ma delle civilt umane. Perch questo la parola letteraria: non tomba, sepolcro, feretro, tumulo, mausoleo; ma conservazione, fuoco nascosto, piantagione di rubini, perpetuit vivente, granaio della lingua, e della vita (Neruda).



news

26-01-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 gennaio 2020

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

Archivio news