LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli sottoterra - Distrutti gli ipogei greci sotto il Museo Archeologico
ANTONIO E. PIEDIMONTE
corriere del Mezzogiorno 13 apr 2010 Caserta




Gli ipogei greci in un libro reportage di Clemente Esposito. Che denuncia: distrutte le tombe sotto lArcheologico

Un viaggio nella citt pi antica, quella greco romana, una passeggiata nei labirinti del sottosuolo, ma anche una dolorosa denuncia degli scempi che distruggono il patrimonio archeologico cittadino. questo emolto altro il nuovo libro di Clemente Esposito Gli Ipogei greci della Sanit, Oxiana edizioni, (128 pagine, 18 euro), appena pubblicato e presentato nei giorni scorsi.

Per chi ama la citt parallela, il vulcanico ingegnere nato diverse primavere fa ad Airola, nel Beneventano, una figura ben nota, una popolarit ed una autorevolezza che derivano dal fatto che sin dalla fine degli anni Cinquanta Esposito esplora le centinaia di grotte artificiali sopra le quali vive la maggior parte dei napoletani. Una storia che giustamente ha voluto sintetizzare nella premessa del volume ripercorrendo la straordinaria avventura cominciata con il professor Pietro Parenzan (cresciuto nel Carso triestino), il fondatore del Centro speleologico meridionale. Unesperienza che negli anni Sessanta fu in qualche modo anche acquisita dal Comune: dopo lapertura dellennesima voragine, il docente e il suo gruppo di giovani esploratori furono assoldati per rivelare le cavit ancora sconosciute. Il compenso? 100 lire a metro quadro.

Trenta e passa anni di incredibili scoperte, come la cava greca di Poggioreale, i cui graffiti che affascinarono studiosi del calibro di Georges Vallet e Paul Arthur sono ancora oggi un mistero degno di Dan Brown (il cui accesso ovviamente negato). E tra le meraviglie nascoste nel tufo, lIndiana Jones del sottosuolo trover anche le splendide tombe di oltre duemila anni fa: gli ipogei greci. Una serie di sepolcri quasi tutti tra via Foria, il Museo e il borgo dei Vergini miracolosamente sopravvissuti alle alluvioni, ai depredatori, agli scempi edilizi e al degrado degli ultimi decenni. Autentiche rarit archeologiche, le tombe, che in qualche caso erano state visitate e raccontate anche dai grandi esploratori del passato, in primis Carlo Celano, che gi nel Seicento (di fronte allipogeo di vico Tratta alla Sanit), era costretto a disperarsi: trovai che laveano quasi ruinata, in modo che mi caddero le lacrime, essendo certo che questa sepoltura era dei Greci. Esposito non certo il tipo da commuoversi, ma di inalberarsi senza dubbio, come avvenne quando, qualche anno fa, in un ipogeo della Sanit, scopr che un tubo rotto della fecale del palazzo sovrastante lo stava allagando di acque nere (e forse, dice, non mai stato riparato). Ma rabbia e indignazione accompagnano spesso la scoperta delle vestigia dellantichit nella citt che sembra amarle di meno. Limmagine delle fondamenta di edifici ed altre colate di calcestruzzo gettate su sepolcri millenari non pu che suscitare primordiali istinti di vendetta. E dove non c larroganza del business e la strafottenza di chi dovrebbe proteggere i tesori dellantichit, c il prezzo da pagare al progresso: la linea della vecchia metropolitana (che in realt era solo ladattamento della linea ferroviaria Roma-Reggio Calabria), nel tratto della fermata Cavour, come racconta Esposito, attravers almeno una decina ipogei greco-romani. Stessa storia con il palazzo Ottieri di via Foria (quello dove cera lUpim), sorto proprio su una area ricca di grandi tombe con bellissimi affreschi. E, dulcis in fundo, lingegnere descrive anche lesperienza fatta recentemente al Museo archeologico nazionale: Mi avevano chiamato spiega perch il calcestruzzo usato nei lavori di ampiamento del museo spariva nel sottosuolo e dunque cera una cavit sconosciuta. Sono ritornato nel Museo scrive nel libro il 27 novembre del 2007, ed ho notato la scomparsa delle tombe a seguito di uno sbancamento ancora in atto che ne aveva messe in luce altre, questa volta anche inglobate nei pali del costone. Ho chiesto che fine avessero fatto i blocchi delle tombe, sperando che almeno si fossero salvati quelli con i graffiti, e mi stato detto che erano stati portati a rifiuto insieme al resto dello sbancamento. Lo speleologo, nel volume allega anche un esplicativo corredo fotografico lapparato iconografico una delle cose pi importanti del volume sul prima e dopo, e in attesa di scoprire quale stato il destino delle tombe greche, ci ricorda che quelle tombe facevano parte di una grande cimitero che si estendeva dal Museo a Capodimonte, del quale aveva scritto nel 1888 Michele Ruggiero.

Ma di domande, sfogliando il libro, ne sorgono tante. Perch questo straordinario patrimonio, unico al mondo (gli ipogei greci con affreschi sono rarissimi), nascosto sotto i vicoli della Sanit (peraltro una zona particolarmente bisognosa di attenzioni sane) non adeguatamente salvaguardato? Perch gli ipogei che si sono sino ad oggi miracolosamente salvati non si possono visitare? Lunica eccezione, infatti, si deve allassociazione Celanapoli, che in condizioni a dir poco avventurose riuscita ad aprire, per un breve periodo, un piccolo tratto allinterno del cosiddetto Ipogei dei togati. Ed ancora: perch non si avvia una sistematica campagna di scavo per scoprire cosa rimasto degli altri sepolcri in quella che conosciuta come la Valle delle tombe? Ed ancora, un ultimo quesito per gli inquilini di Palazzo San Giacomo: che fine ha fatto la riapertura definitiva del Cimitero delle Fontanelle (tanto per rimanere nella stessa zona), che da anni e anni viene puntualmente annunciata e regolarmente disattesa?



news

24-01-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2020

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

Archivio news