LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Il muro verr rifatto. E il castello? Aspetta
Marina Vincelli
LA GAZZETTA DEL SUD, 18 APRILE 2010



Lunghe e profonde lesioni visibili ad occhio nudo sulla parete della fortezza fra i bastioni S. Giacomo e S. Caterina


Inizieranno a breve nel rione Marina i lavori di consolidamento del declivio di Orto Candela e la ricostruzione del muro di recinzione, crollato l'anno scorso. Il progetto di recupero del terrapieno su cui poggia il castello aragonese stato presentato proprio in questi giorni al comune dal professor Marco Dezzi Bardeschi, insieme al suo team, ed ha gi ottenuto il via libera dalla Soprintendenza ai beni architettonici ed ambientali della Calabria.
A darne notizia, stata l'architetto Elisabetta Dominijanni, tecnico comunale, contattata ieri. Ci ha assicurato che i lavori sono al nastro di partenza, e saranno preceduti da una fase di indagini preventive geologiche ed archeologiche, che inizier in questi giorni. Dopo le indagini si proceder al consolidamento del declivio, tramite la realizzazione di una parete armata vegetale terrazzata, ed alla ricostruzione del muro di recinzione.
Come si ricorder, circa un anno fa, parte del muro di delimitazione del terrapieno si ribaltato sulla strada, a seguito di profonde lesioni e dopo essersi inclinato vistosamente. Il crollo avvenuto in concomitanza alla realizzazione di alcuni lavori stradali in via esterna Verdogne e dopo un periodo di intense piogge.
In corrispondenza del muro crollato in via esterna Verdogne, situato alla base del terrapieno, possibile notare, sul muro della fortezza soprastante, alcune importanti lesioni, oltre a fessurazioni diffuse su tutta la parete.
Sotto la cortina del castello c' un parcheggio, che aperto normalmente con decine di auto in sosta.
Le lesioni verticali, tra Bastione San Giacomo e Bastione Santa Caterina, sono simmetriche, una a sinistra, una a destra, una centrale. quest'ultima, osservata a occhio nudo, che sembra essersi allargata.
Anche lateralmente l'angolo del bastione sud interessato da una lesione che corre dal basso verso l'alto e per tutta l'altezza del muro, esattamente come nella parte anteriore. In alcuni tratti, le fenditure, sono invase da vegetazione, anche abbondante.
bastato parlare con i residenti nel quartiere per avere conferma delle impressioni ricavate osservando ad occhio nudo lungo le possenti mura della fortezza. Le lesioni del castello sono aumentate, non erano larghe cos ha assicurato Antonio Marullo, gestore di un ristorante in via esterna Verdogne, poco pi in l a ridosso del crollo del muro specialmente la lesione centrale pi larga. Io quelle lesioni le tengo d'occhio: le osservo ogni giorno ci ha raccontato e sono molto amareggiato. La gente non passa volentieri da queste parti, se non per necessit. La mia attivit va male ed ho tenuto chiuso per tre mesi. Lo stesso successo al bar, che ha cambiato gestione. Da quando la strada interrotta per il crollo del muro, tutti gli esercizi commerciali di questa strada sono in difficolt. I bambini, poi ha fatto notare Marullo scavalcano la palizzata e vanno a giocare a pallone nell'orto e c' un parcheggio l sopra, dove si vedono le macchine.
Come si ricorder, in seguito al crollo del muro di via esterna Verdogne, intervenne a Crotone il soprintendente dei beni architettonici della Calabria, Stefano Gizzi, che assicur la massima attenzione. Per la Soprintendenza ai beni architettonici della Calabria, abbiamo preso contatto telefonicamente con il responsabile d'area, architetto Pasquale Lopetrone, (conosciuto, tra l'altro, anche per gli eccellenti lavori di restauro del castello di Santa Severina). Lopetrone ha confermato la presenza presso l'ente comunale di alcuni progetti avviati ed in fase esecutiva per il consolidamento ed il restauro del castello di Carlo V. Ci ha spiegato che la soprintendenza non ha fonti finanziarie tali da poter procedere autonomamente al restauro dei beni, ma si occupa della tutela, in merito alla valutazione dei progetti presentati dagli enti locali.
Abbiamo chiesto al funzionario, se esiste un sistema di monitoraggio statico e di misurazione delle lesioni, ma Lopetrone ha risposto di non essere a conoscenza di progetti indirizzati in tal senso.
L'architetto Dominijanni ci ha riferito che circa una decina d'anni fa, la struttura del castello, proprio in quel tratto, stata interessata da opere di consolidamento, che hanno previsto il rafforzamento delle fondazioni, attraverso l'uso di micropali.



condividi su OKNOtizie condividi su Facebook condividi su Del.icio.us



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news