LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La mia Unesco, incontro di civilt
Daniele Zappal
Avvenire 20/4/2010

Per il nuovo capo dell'organizzazione Onu per la cultura la bulgara Irina Bokova, noi siamo la libera casa dello pirito

Con la globalizzazione, assistiamo purtroppo per diverse ragioni a molti pi conflitti e incomprensioni. Ci paradossale, ma legato a specifici pericoli e paure. In questo mondo globalizzato, la gente si sente sola. Il ruolo dell'Unesco si colloca qui, ma personalmente non ho mai creduto che ci rappresenti la base delle relazioni umane. Dallo scorso novembre la diplomatica bulgara Irina Bokova che stata preferita all'egiziano Farouk Hosni, contestato per certe prese di posizione considerate antisemite divenuta la prima donna della storia a prendere il timone dell'organizzazione delle Nazioni Unite per l'educazione, la scienza e la cultura, ovvero l'agenzia internazionale basata a Parigi che nacque sulle ceneri della Seconda guerra mondiale per elevare le difese della pace nella mente degli uomini. Far parte della nuova squadra ai vertici dell'organizzazione anche l'italiano Francesco Bandarin, nominato nei giorni scorsi vicedirettore generale incaricato della cultura.
Una volta eletta, il fatto di essere una donna l'ha aiutata in un'organizzazione impegnata anche a promuovere le pari opportunit?
Le sfide restano le stesse, ma credo che vi siano state molte pi aspettative per il fatto che io sia una donna. Fin dai primi giorni, ascoltando i commenti che mi circondavano, ho visto queste aspettative crescere come in un'asta. Ho presto detto, certo con un sorriso, di essere per l'uguaglianza e ho dunque chiesto di essere trattata come un uomo.
Nel mondo arabo e non solo i programmi sull'educazione sessuale sono accusati di non tener conto delle tradizioni culturali locali. L'Unesco ricerca sempre un approccio universale?
In questo campo lavoriamo ad esempio sulla prevenzione dell'Aids. Per noi, chiaro che non pu esistere un approccio unilaterale. Per trasmettere un messaggio, occorre adattarsi nelle diverse circostanze. Ci che conta riuscire a consegnare questo messaggio. Ma anche chiaro che le mentalit, le abitudini, le tradizioni non cambieranno da un giorno all'altro.
Agli albori, l'Unesco era presentata come il cervello delle Nazioni Unite. Questa definizione resta attuale?
S e no. L'Unesco mantiene un'autorit morale e intellettuale che personalmente ho la volont di conservare, Al contempo, in un mondo cos dinamico e mutevole, non possiamo limitarci solo a questo ruolo. Dobbiamo accompagnare i governi sul campo e ci spiega gli sforzi gi fatti per decentralizzare le nostre strutture. Nonostante risorse molto modeste, almeno rispetto ai nostri obiettivi ambiziosi, anch'io continuo a riflettere su come potremo adattarci al meglio, trovando crescenti sinergie con le altre agenzie dell'Onu.
Si parlato in passato di un mandato dell'Unesco troppo largo rispetto alle risorse economiche a disposizione. Condivide?
E vero che non siano come le altre agenzie, concentrate in un solo campo. Ma avere quattro o cinque specializzazioni diventa oggi per noi un vantaggio. Si pensi a un problema come quello del cambiamento climatico e a tutti gli ambiti che esso coinvolge. L'Unesco pu affrontare la questione sotto diversi angoli, occupandosi digestione dell'acqua, di biodiversit, di questioni oceanografiche, di patrimonio mondiale naturale dell'umanit. Il 2010 stato proclamato Anno internazionale della biodiversit e, al contempo, per il riavvicinamento delle culture In proposito, siamo i soli a poter evidenziare il ponte fra la biodiversit e diversit culturale. I soli a poter convincere la comunit internazionale su questo legame molto intimo fra esseri umani e natura. Preservare un determinato patrimonio naturale coincide spesso proprio con la difesa delle popolazioni locali e del loro approccio culturale. E vero che non siamo ancora i veri motori di quest'approccio interdisciplinare. Ma proporr un finanziamento specifico per rafforzarlo.
Fra i nuovi progetti dell'Unesco, suscita attenzione anche la Biblioteca digitale universale. Una priorit? Per noi un progetto molto importante. A partire dalla cooperazione con la Biblioteca del Congresso di Washington, trentatr grandi istituzioni hanno gi aderito. Abbiamo creato un sito internet in sette lingue, compreso il portoghese. Permette di accedere a ricchi contenuti in modo libero e aperto. Una ventina di nuove biblioteche stanno attendendo di aderire e a questo punto, data l'ampiezza della rete coinvolta, siamo convinti che il progetto maturo per conoscere nuove tappe ancora pi ambiziose.
Nel 1980, trent'anni fa, Giovanni Paolo II tenne un discorso molto seguito davanti all'assemblea generale dell'Unesco. Cosa pensa della prospettiva che un pontefice o un altro importante rappresentante religioso possa di nuovo esprimersi all'Unesco?
Accoglieremo con piacere. Siamo una casa libera e siamo una casa dello spirito. Circa ogni mese, e in occasione in particolare della nostra conferenza generale, riceviamo capi di Stato, di governo, leader di diverso orizzonte che si pronunciano. Saremo sempre interessati.
Lei ha tenuto ad affermare la sua opposizione alla teoria dello scontro delle civilt. Perch?
Non l'ho mai condivisa, forse anche per la mia storia personale. Provengo da un Paese che molto eterogeneo. Siamo situati fra Est e Ovest, fra Nord e Sud, La mia famiglia proviene da una cittadina dove l'ottanta per cento della popolazione era musulmana. Io ho vissuto in quest'atmosfera. Ricordo bene che per Pasqua offrivamo delle uova ai nostri vicini. Ed erano poi gli altri a offrire al momento del Ramadan. Era cos ed era del tutto naturale.



news

22-01-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 gennaio 2020

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

Archivio news