LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI - la cultura dell'ingegnere
GIUSEPPE ZOLLO
MERCOLED, 21 APRILE 2010 LA REPUBBLICA - Napoli




Si chiude oggi il terzo convegno sulla Storia dellingegneria organizzato dal centro interdipartimentale di ingegneria per i beni culturali della Federico II presso il centro congressi a via Partenope. Circa un centinaio di interventi di grande rilevanza scientifica. Non c niente di meglio della storia dellingegneria per comprendere il mondo che le generazioni passate ci hanno consegnato, e quello che ci apprestiamo a consegnare ai nostri nipoti. Da sempre gli ingegneri sono stati tra gli artefici del mondo materiale. In tempi antichi occupandosi di sistemi idraulici e di costruzioni civili e militari. NellOttocento e nel Novecento progettando le macchine e i sistemi che hanno sostenuto lo sviluppo prorompente della civilt industriale. Ma gli ingegneri non sono che un anello di una rete di valutazioni, di decisioni e di capacit operative che si innerva in tutta la societ. La storia dellingegneria non solo storia di saperi applicati, anche un punto di vista privilegiato per comprendere le dinamiche economiche, politiche e sociali di una civilt. E, forse, anche per capire quello che pu accadere.
Negli interventi programmati e nei commenti del buffet aleggia una preoccupazione, alimentata dalla paura per una natura indifferente alle nostre ragioni e recalcitrante alla nostra volont di dominio. Un vulcano in Islanda, un piccolo brufolo del pianeta Terra, paralizza per giorni i trasporti aerei di mezza Europa. E il disastro quasi un sollievo. Perch sappiamo che la colpa non nostra. Ma ci coglie in contropiede. Svela una fragilit inattesa, da cui le nostre tecnologie non ci difendono. E poi, non sono le nostre tecnologie che hanno inquinato il pianeta e stanno cambiando il clima? Che senso ha spingersi sempre in avanti, lasciandoci dietro buchi immensi che nessuno si cura di riparare.
Salvatore DAgostino, che lorganizzatore e lanima del Convegno, sintetizza cos il sentire di tutti: le forze scatenate dalla scienza e la tecnica del Novecento hanno costruito la nostra prosperit, ma al tempo stesso hanno determinato le condizioni che minacciano la nostra stessa sopravvivenza. Che fare oggi col treno dello sviluppo che sbattuto contro la finitezza del mondo? Che cosa chiedere alla tecnica? Che cosa chiedere alla ragione che non riesce ad arginare la paura e lirrazionale? E, per finire, quale sar lingegnere del futuro, che alla ragione si appella per costruire le sue macchine?
Vito Cardone, preside della Facolt di Ingegneria di Salerno, cita gli ingegneri dellOttocento e del Novecento che hanno abbandonato gli studi o la professione per diventare scrittori: Dostoevskij, Musil, Zamjatin, Platonov, Gadda, Westerman. In tutti il disincanto verso la tecnica. Il sospetto verso i metodi che vogliono semplificare a tutti i costi i problemi pur di risolverli. La consapevolezza dellinestricabile complessit della realt. La percezione dei limiti della ragione.
forse proprio ci che hanno intuito gli ingegneri-scrittori quello che si chiede allingegnere del futuro: acquisire una nuova consapevolezza della complessit del mondo e dei limiti degli strumenti che usa. Ieri lingegnere come un bambino prendeva a calci la palla in un prato allaperto. Doveva concentrarsi solo sulla forza e la direzione da imprimere alla palla. Oggi, in un mondo finito, lingegnere gioca a palla in una stanza chiusa. Deve tenere conto della palla che rimbalza sulle pareti e ti ritorna addosso. Dunque una nuova attenzione, non solo alla macchina che progetta, ma anche al mondo intorno. Si tratter di cambiare metodi, cultura, approcci disciplinari. Di costruire nuove identit professionali. Da qualche parte si gi cominciato. Nel 1997 lAbet, lassociazione di accreditamento statunitense, ha stabilito che i corsi di ingegneria debbano preparare ingegneri tecnicamente competenti ed eticamente sensibili. un primo passo per la formazione di una nuova cultura ingegneristica. Ma bisogna fare in fretta. Il mondo, l fuori, non ci aspetta.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news