LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I guardiani del Faro
Stefano Deliperi*
Manifesto sardo, 16-10-2010

Ritorna in auge un progetto gi elucubrato dalla quella mente finanziaria creativa del Ministro delleconomia Giulio Tremonti qualche anno fa: lucrare sui beni demaniali militari per fare cassa. In poche parole una fase ulteriore rispetto alle sciagurate operazioni di cartolarizzazione e svendita di beni pubblici gi viste nel recente periodo.
Il Ministero della difesa, nella persona del sottosegretario Guido Crosetto, ha annunciato (vds. Il Sole 24 Ore, 12 aprile 2010) lintenzione di valorizzare o vendere parte del proprio patrimonio. Fari, caserme, installazioni, forti, molti dei quali tuttora in uso: 36 beni rimarrebbero parte del demanio militare, manterrebbero le loro attuali funzioni e aggiungerebbero quella del resort di lusso sullesempio del Faro di Capo Spartivento, parzialmente ceduto in locazione pluriennale, mentre altri 76 beni cesserebbero la loro natura demaniale e previo mutamento di destinazione duso da effettuarsi da parte dei rispettivi Comuni sarebbero posti in vendita. E sa il cielo come possa conciliarsi un eventuale utilizzo turistico con il tradizionale uso militare o della sicurezza della navigazione, cos come tutta da vedere la collaborazione che presteranno i Comuni per le attivit di competenza di tipo urbanistico. Considerata la fame di risorse finanziarie e di strutture immobiliari di cui disporre che attanaglia moltissimi Enti locali facile immaginare polemiche e contenziosi.
Nemmeno sembrano adeguatamente approfondite le problematiche giuridiche inerenti la dismissione della funzione demaniale militare, anche parziale. Basti pensare che diversi statuti speciali in particolare quello sardo (legge costituzionale n. 3/1948, art. 14) prevedono la successione del demanio e patrimonio regionale in caso di dismissione statale (La Regione, nellambito del suo territorio, succede nei beni e diritti patrimoniali dello Stato di natura immobiliare e in quelli demaniali, escluso il demanio marittimo. I beni e diritti connessi a servizi di competenza statale ed a monopoli fiscali restano allo Stato, finch duri tale condizione). Per rimanere alla Sardegna, i Fari di Punta Scorno (Asinara), di Capo Sandalo (Isola di S. Pietro), dellIsola Bocca (Olbia) dovrebbero rientrare fra quei beni demaniali che conserverebbero le funzioni (militari) di sicurezza della navigazione, ma potrebbero aggiungere un nuovo utilizzo turistico.
Non poche le difficolt: ad esempio, il Faro di Punta Scorno necessita di un imponente opera di restauro e ristrutturazione (oltre 400 mila euro di investimenti), mentre lintera area circostante come quasi tutta lIsola dellAsinara ormai stata trasferita da anni al demanio della Regione autonoma della Sardegna ed oggi in consegna (deliberazione Giunta regionale n. 48/1 del 9 settembre 2008) allAgenzia della Conservatoria delle coste della Sardegna. Il resort non avrebbe, quindi, nemmeno un giardinetto intorno e la stradina daccesso, tanto per capirci. Lunico utilizzo sensato e logico sarebbe in funzione delle esigenze del parco nazionale dellAsinara, tuttora in gravi difficolt operative a causa della mancanza degli organi dirigenti ( commissariato da oltre un anno). Solo recentemente stato approvato definitivamente da parte della Regione autonoma della Sardegna il fondamentale piano del parco e di utilizzi turistici del Faro non se ne parla proprio.
Analoghe considerazioni possono essere svolte sul restauro del Faro di Capo Sandalo, a Carloforte, e su quello dellIsola Bocca, a Olbia, oltre alloggettiva scarsa funzionalit dei pochi locali annessi per un eventuale utilizzo turistico. Un destino similare, secondo le comunicazioni del sottosegretario Guido Crosetto, dovrebbe anche accomunare le sorti del Faro di Capo Mannu (San Vero Milis), la cui struttura , se possibile, bisognosa di ancor pi energico restauro.
Le reazioni politiche in Sardegna sono state piuttosto vivaci: il solito on. Mauro Pili, mai tanto attivo sui mass media per la difesa dellambiente sardo quanto disciplinato votante delle peggiori nequizie nellaula parlamentare, ha attaccato il suo sottosegretario Crosetto, lAssessore regionale dellurbanistica Gabriele Asunis ha tuonato contro il suo deputato Pili, Gian Valerio Sanna ed altri consiglieri regionali P.D. hanno chiesto lattuazione del trasferimento completo dei fari al demanio regionale.
Come andr a finire? Pare proprio, almeno per quanto concerne la Sardegna, un progetto senza capo n coda, nel quale qualche dirigente periferico della galassia statale sicuramente si applicher con solerzia. Sta alla Regione autonoma della Sardegna far valere le disposizioni statutarie. E qui sta il punto: nella storia autonomistica isolana non si riesce a vedere una guida meno incapace di quella attuale.

* Gruppo di Intervento Giuridico

http://www.manifestosardo.org/?p=3530


news

22-01-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 gennaio 2020

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

Archivio news