LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I Musei ancora privi di status giuridico proprio
MARCELLO MOTTOLA
agenzia radicale, 19-4-2010

luned 19 aprile 2010

Quanti sono i musei italiani? Dal Ministero per i Beni e le Attivit Culturali dipendono circa 400 "istituti d'antichit e d'arte". Ma valutando quantitativamente siti e collezioni a cura di enti locali ed istituzioni varie, sia pubbliche che private, si supera la cifra di 3000 musei. La gran parte di questi appartiene alla categoria artistica (57%), seguita da quella storico-archeologica (30%) e da quella scientifica (13%).

Secondo una ricerca pubblicata nel maggio 2008 dal Centro studi del Touring Club Italiano, nel 2007 nei 30 musei italiani pi visitati sono transitate quasi 24,5 milioni di persone. Ottimo! Non proprio.

Se confrontiamo il movimento turistico italiano con quello degli altri paesi europei, il paragone numerico impietoso. La Francia, ad esempio, ha avuto quasi il doppio dei visitatori del Belpaese.

In Italia i "turisti di musei, monumenti e aree archeologiche" sono stati 34 milioni 443 mila, mentre in Francia la quota di visite di 52 milioni. E ci naturalmente incide anche sugli introiti, che sono altrettanto al di sotto rispetto a quelli dei nostri vicini d'oltralpe.

Non c' dubbio che il patrimonio culturale nazionale non ha nulla da invidiare a quello francese, eppure i presupposti di qualit e quantit non si realizzano, perch?

Le Soprintendenze speciali per i poli museali ([1]), nate nel dicembre 2001, rappresentano un tentativo di risolvere, per alcune realt museali italiane, una storica anomalia del sistema italiano di tutela e promozione dei beni culturali. Ci riferisce alla scarsa attenzione che il nostro ordinamento ha riservato al tema della fruizione dei musei.

A lungo si guardato ai musei come a luoghi il cui unico compito era quello di garantire a beni "preziosi" un particolare regime di protezione. Basti pensare che la Legge Bottai -la famosa legge n.1089 del 1939 che per oltre cinquanta anni stata il principale riferimento in materia di gestione dei musei- si limitava ad individuare semplici meccanismi di accesso del pubblico alle cose d'arte, senza dare nessun riferimento ai contenitori delle stesse. accaduto cos che la gestione dei musei, intesa come l'insieme delle funzioni e delle attivit finalizzate a promuovere la conoscenza dell'arte presso il grande pubblico, non abbia mai raggiunto una specifica configurazione istituzionale.

In Italia, diversamente agli altri paesi europei, il "Museo" considerato parte della sfera di intervento di tutela del patrimonio e che come tale va affidato del tutto alle Soprintendenze territoriali di settore.

Cosa vuol dire in termini concreti? Questo significa che i musei non vantano alcuno status giuridico proprio, ma sono considerati a tutti gli effetti uffici degli organi periferici.

Ad esempio il personale non assegnato direttamente ai musei ma alle Soprintendenze. Oppure che nel bilancio del Ministero non previsto un capitolo di spesa ad essi intitolato, difatti i fondi per gli istituti compresi negli stanziamenti generali sono assegnati alle Soprintendenze. E ancora non esiste la figura del "conservatore di museo", con un iter di formazione specifico, essendo i profili professionali gli stessi previsti per le attivit di tutela, con specializzazioni che derivano dalle discipline tradizionali (storia dell'arte o archeologia).

Appare evidente che il salto qualitativo dei musei italiani non pu prescindere dalla loro autonomia rispetto alle Soprintendenze territoriali. Un'autonomia non da intendersi come un semplice riconoscimento del valore delle collezioni, n tanto meno dell'ammissione di ambiti di specificit scientifica e gestionale, ma piuttosto intesa come organizzazione in istituti indipendenti veri e propri.

Istituti museali come organi indipendenti del Ministero per i Beni Culturali e Ambientali, dotati della massima autonomia possibile: con un budget annuale autonomo, con la possibilit di riutilizzare gli utili derivanti dalla vendita dei biglietti e delle riproduzioni, con la capacit di organizzare i servizi aggiuntivi ed il personale, come centri di formazione, conoscenza e divulgazione.

_____________________________________________________________

([1]) Soprintendenze speciali istituite per il polo museale napoletano, per il polo museale romano, per il polo museale fiorentino, per il polo museale veneziano. La prima ha competenza sul Museo Nazionale di Capodimonte, la Certosa di San Martino e Castel Sant'Elmo, il Museo Duca di Martina e il Museo Pignatelli. La seconda sui musei di Palazzo Venezia e Palazzo Barberini, le Gallerie Spada, Borghese e Corsini, il complesso del Vittoriano ed il Museo Nazionale di Castel Sant'Angelo; la terza sulla Galleria all'Accademia, il Museo Archeologico ed i musei Franchetti, d'Arte Orientale e Grimani; la quarta, infine, sulla Galleria degli Uffizi e quella dell'Accademia, il Museo Nazionale del Bargello, il Museo di San Marco, le Cappelle Medicee, la Galleria Palatina, la Galleria di Arte Moderna, la Galleria del Costume, il Museo degli argenti e delle porcellane, quello della Casa Fiorentina e quello di Casa Martelli, l'eredit Bardini, il Chiostro dello Scalzo, il Giardino di Boboli ed i Cenacoli di Santa Apollonia, di Andrea del Sarto, di Foligno, del Perugino, del Ghirlandaio.



http://www.agenziaradicale.com/index.php?option=com_content&task=view&id=10202&Itemid=40


news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news