LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Dal palazzo alla citt, il potere in Cina e a Roma
MAURIZIO BETTINI
VENERD, 23 APRILE 2010 LA REPUBBLICA Cultura




Cosa unisce e cosa divide culture lontane come quella di Augusto e del primo sovrano cinese Shihuangdi? Uno studio per la prima volta le mette a confronto
Tra le differenze, anche luso della immagine degli imperatori e delle loro "Res Gestae"


Si possono comparare le culture? Certo, anzi si deve farlo, purch lo scopo sia non quello di affermare che la "mia" cultura la migliore, ovviamente, ma quello di capire come funzionano i meccanismi culturali. La comparazione pu puntare su ci che accomuna, oppure su ci che divide: meglio ancora, si pu cercar di vedere che cosa presente in una certa cultura e che cosa, a volte sorprendentemente, "manca" in unaltra. Prendiamo ad esempio listituto delleredit. Si sa che nella cultura occidentale esso modellato sulle relazioni di parentela, disciplinato da leggi specifiche, e soprattutto fonte di liti a non finire. Se a questo punto, con spirito comparativo, si va a guardare come funziona leredit nella cultura Rom, si scoprir che, semplicemente, questo istituto non esiste. Fra i Rom i beni di un defunto non sono destinati ad accrescere quelli di un vivo. Si tratta di unassenza di grande importanza, naturalmente, perch dovrebbe subito farci riflettere sul seguente problema: perch "noi" invece leredit ce labbiamo? E questo che cosa significa?
Naturalmente si possono comparare sia culture vicine che culture lontane, nel tempo e nello spazio. Per esempio, quella greca e quella romana sono state comparate varie volte. Ma che dire della Cina? C qualcuno che si dato la briga di comparare la Cina antica con le "nostre" antichit, quelle greche e romane? Geoffrey Lloyd lo sta facendo gi da tempo, mettendo a confronto pensiero greco e pensiero cinese. Adesso, per fortuna, si comincia a farlo anche con Roma. Ma perch ci accadesse, occorreva (come si dice) una storia di vita.
Ventanni fa Fritz-Heiner Mutschler, brillante latinista educato alluniversit di Heidelberg, decise di andare a insegnare in Cina. Lo stupore fu grande, almeno da parte di molti: che ci faceva un classicista tedesco prima a Changchun, Manciuria, e poi a Tientsin? Semplice, insegnava la "civilt occidentale", e intanto studiava quella cinese. Rientrato in Germania e divenuto professore (di latino) a Dresda, Mutschler non ha per dimenticato il suo antico amore. Cos Oxford University Press ha pubblicato una massiccia raccolta di saggi, edita da lui e dal sinologo Achim Mittag, dal titolo Conceiving the Empire. China and Rome Compared. Roma e la Cina vengono insomma "comparate" su un tema specifico e tuttaltro che secondario: limpero. Al centro della riflessione sta il modo in cui questo istituto politico venne concepito e realizzato in due grandi realt che ebbero vicende parallele e, talora, contemporanee, seppure separate dalla distanza geografica, dalla lingua e dalla cultura. Che cosa si scopre leggendo questi saggi? La scelta ardua, ma possiamo provare a darne almeno unidea.
Si sa che la nozione di impero fu acquisita solo faticosamente a Roma, e continu a rimanere in tensione, in qualche modo, con le istituzioni "democratiche" che lavevano preceduta. In Cina non fu cos. Lesistenza dellimpero venne data per scontata fin dallinizio, e questa istituzione non fu mai posta in rapporto di rivalit, politica o semplicemente intellettuale, con altre possibili forme di governo. Se lesistenza di "leggi" scritte inoculava nei cittadini dellimpero romano unidea di uguaglianza di fronte ad esse, in Cina prevalse invece la figura dellimperatore come figlio del cielo: e come tale portatore di un mandato celeste (tianming) che ne faceva un elemento di mediazione fra cielo e terra, destinandolo a mantenere le cose del mondo in armonia con lordine cosmico. Di conseguenza, per limperatore cinese lelemento chiave della propria sovranit non era costituito tanto dalle "leggi", quanto dal rituale e dalle offerte sacrificali.
Unaltra grande differenza fra i due imperi consiste poi nel ruolo che vi svolse la scrittura della storia. vero che a Roma questa fu unattivit aristocratica, da senatori, ma essa non fu mai connessa al governo della citt. La scrittura della storia rimase essenzialmente "privata", legata allotium di chi si era ritirato dalla politica o la praticava negli intervalli di essa. In particolare, a Roma le forme e il contesto della storiografia si modificarono nel corso dei secoli - Livio fu uno storico a tempo pieno, che non esercit alcun ufficio pubblico, pi tardi Tacito amb riprendere il modello dello storico senatore e indipendente. Al contrario, in Cina le forme della storiografia non solo mostrano unimpressionante omogeneit nel corso dei secoli, ma il contesto in cui esse si realizzarono fu sempre quello "politico" della corte imperiale.
Ancora una differenza comparativa, stavolta nel campo della concezione dello spazio. Anche se Augusto plasm progressivamente Roma in funzione del suo progetto imperiale, le architetture da lui commissionate furono comunque concepite per i cittadini - i marmi, gli oggetti, le statue trasferite in citt dai paesi conquistati erano l per tutti. In questo modo i cittadini erano in qualche modo invitati a partecipare, con il sovrano, dellorgoglio per le imprese compiute. Al contrario, nella capitale cinese la separazione fra gli spazi imperiali e quelli destinati ai cittadini rimase assoluta: la capitale cinese era "palaziale", quella romana era "civica".
Anche nella comunicazione della regalit, se cos si pu dire, le differenze appaiono sostanziali. Se a Roma il ritratto di Ottaviano fu usato, fin dallinizio, come strumento di propaganda per il nuovo assetto politico - e il volto degli imperatori mantenne una presenza stabile nei luoghi pubblici - in Cina lesposizione dellimmagine imperiale fu praticamente sconosciuta. Ma la differenza forse pi esplicita ce la forniscono le celebri Res gestae che secondo il volere di Augusto, il fondatore dellimpero, dovevano essere incise nel bronzo ed esposte di fronte al suo Mausoleo, nel mezzo di unarea destinata al pubblico. Il primo imperatore cinese, Shihuangdi, fece incidere anche lui la sua iscrizione - ma su una stele eretta in cima a una montagna remota e inaccessibile, dove nessuno lavrebbe letta. Il fatto che Augusto voleva comunicare con i cittadini, Shihuangdi si rivolgeva ai poteri cosmici.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news