LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LIGURIA - Via XX Settembre, la nobilt decaduta dell'arredo urbano
DONATA BONOMETTI
23/04/2010 IL SECOLO XIX


viaggio tra mosaici rappezzati e pavimenti distrutti
E un rivo minaccia il ponte Monumentale

C' UN PALAZZO protetto da Nettuno. Al civico 26. L'insegna di una pasticceria sovrasta un bassorilievo gradioso sopra il portone, con il dio del mare fra le onde. Nere di smog. In facciata delfini e code squamate che si intrecciano. la sfrenata fantasia di via Venti che ti d, en passant, una lezione di mitologia mentre sei stipato sul "30". C' un grifone dorato con la lingua di fuoco che sprizza vitalit dallo spigolo di un palazzo, violento quasi, ma gioca a nascondino con la croce luminosa di una farmacia. Le insegne sono una sfilata sotto i soffitti a cassettone, uno diverso dall'altro, con rose e animali, ventagli e teste. Alcuni soffitti si stanno sbriciolando, altri sono pi resistenti all'usura del tempo e all'indifferenza ostile della citt e dei suoi amministratori. Ma sotto questo cielo di stucchi hanno passeggiato i genovesi che nell'anteguerra andavano a ballare da Capurro o dal Ragno D'Oro, e qui facevano i pavoni uomini in frac diretti nei diversi teatri, ma anche le guardie regie. Si andava al Verdi a vedere la prima di "Via col Vento" e il caff, dopo una notte di bagordi, si gustava al Preti che chiudeva all'alba.
Uscendo dalla macchina del tempo, ci si imbatte nel presente di una strada monumentale, collegamento naturale tra il medioevo del centro storico e la citt ottocentesca di Albaro, che sta diventando davvero impresentabile. Mosaici in parte rifatti, ma il tratto pi consistente di pavimenti musivi distrutti, pezzati di cemento, lerci, anche all'ingresso di importanti negozi. Un arredo urbano di manifesta indisciplina dove si permette una targa di accecante giallo su un palazzo firmato da Copped, la cui bellezza da antologia, dove qua e l su marciapiedi dehors ed edicole si sono piazzati come e dove hanno voluto, protetti da stratificazioni di diritti accumulati negli anni, comment a suo tempo il direttore dell'Estetica di Tursi presentando quegli interventi che non sono mai stati fatti. A suo tempo la facolt di Architettura aveva completato e consegnato al Comune una serie di progettazioni (gratuite) riguardo appunto l'arredo urbano, l'illuminazione, la segnaletica, le insegne. Progettazioni rimaste nel cassetto. La strada simbolo dell'avvento della modernit -come la definisce l'architetto Gianni Bozzo che qualche anno fa per conto della Soprintendenza aveva seguito l'iter (abortito) del complessivo restyling - dove sono moderne anche le citazioni di vari stili a dimostrazione della diffusione della cultura oggi non riesce pi a comunicare questo gioco di linguaggi architettonici. L'eterno ponteggio sopra l'arco che sovrasta l'ingresso in via Roccatagliata Ceccardi ha le basi fasciate dal legno dove ognuno appiccica il proprio volantino. Indegno di una passeggiata nel liberty, nel dec, nel neogotico, in questo intreccio di stili esuberanti che si susseguono ininterrottamente nelle facciate dei palazzi. Che non hanno conosciuto ristrutturazione, pulitura. Perch i proprietari non hanno voluto usufruire di alcuna agevolazione per contribuire a recuperare splendore.
Splende invece l'ultimo restauro, quello dei portici sottostanti Santo Stefano. Qualche graffito non deturpa per ora il gioco delle pietre bianche e nere. Si dice che la orribile pavimentazione fatta di cocci giallastri, simile a quella di una cucina anni Cinquanta, potrebbe essere rifatta, a breve, dal Comune. Ma non si trova conferma. I pochi interventi di restauro che si sono faticosamente succeduti in questi anni - le facciate ripulite di 5 dei 30 palazzi, il portico di Santo Stefano appunto, una parte dei mosaici - fanno ancor pi risaltare l'indecenza di tutto il corredo architettonico che rimasto pesantemente sporco, rattoppato. La nota pi dolente, pi stonata, la suona il Ponte Monumentale. I danni causati da un rivo di corso Podest non canalizzato e un vecchio tubo che vi scorre all'interno sta trasformandolo in un mastodontico pericolo pubblico perch appunto l'umidit lo sta minando. E non solo dunque un fatto estetico. Ai suoi piedi quelle due piazzette, piccole ma caotiche con la sfilza dei cassonetti. Gli assessori comunali nel 2003 annunciano di stanziare 54 mila euro per la progettazione delle piazzette e altri 220 mila per l'arredo urbano.

bonometti@ilsecoloxix.it




news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news