LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CAMPANIA - la responsabilit dei controllori
RAFFAELE RAIMONDI
VENERD, 23 APRILE 2010 LA REPUBBLICA - Napoli






Pi grave di tutti gli altri, perch stata contestata lipotesi dolosa, che prevede la reclusione fino a dodici anni. Ipotesi, questa, accreditata da una situazione, che non esplosa allimprovviso, come il disastro del Vajont o dellIcmesa di Seveso. Linquinamento, infatti, si protratto per moltissimi mesi se non per anni, avvalorando il dolo eventuale dei protagonisti: costoro hanno avuto tutto il tempo per rendersi conto del pericolo causato alla pubblica incolumit, col danno anzi arrecato, in questo caso, alla salute delle popolazioni. Una situazione analoga, sia detto per inciso, a quella su cui si ritrova a indagare la Procura della Repubblica di Napoli, che per non ha ancora contestato il medesimo reato di disastro ambientale a coloro che avevano dato causa alla catastrofe dei rifiuti in Campania. Anche qui non solo col pericolo di epidemie, ma addirittura con danno alla salute delle popolazioni, come stato documentato dalla sentenza del marzo scorso della Corte di Giustizia europea, che ha perci condannato il governo italiano.
Ma, ritornando ai pi celeri magistrati di Santa Maria Capua Vetere e di Nola, laltra novit consiste nellapplicazione del principio secondo cui, in materia di reati ambientali, che spesso si trascinano nel tempo, gli organi di controllo, che avrebbero dovuto attivarsi per scongiurarli, non sono meno responsabili di coloro che li hanno commessi. Per cui sono stati opportunamente incriminati dalle due solerti Procure anche gli organi regionali rimasti inerti e impassibili a fronte dellinquinamento in atto.
Lapplicazione del principio per cui i controllori sono responsabili quanto i controllati, molto importante perch intesa a responsabilizzare gli organi della amministrazione rispetto alle situazioni su cui sono tenuti a vigilare. Non ha senso che lArpac effettui i prelievi che denotano la presenza di scarichi inquinanti, se poi gli organi di vigilanza non si precipitano a detronizzarli e a individuare i responsabili. Nello Stato di diritto, come noto, ci sono due fasce: luna sovrapposta allaltra e complementari. Quella sottoposta dellazione repressiva della giurisdizione, affidata alle magistrature, ordinaria, amministrativa e contabile. E quella a monte dellazione di vigilanza e controllo della pubblica amministrazione. Se gli organi deputati alla vigilanza non funzionano, le irregolarit, che la loro azione avrebbe dovuto tempestivamente intercettare, impedire e correggere, si scaricano sulla fascia sottostante. Sta accadendo - specie per i reati ambientali, ma anche per quelli urbanistici, come successo in Campania - che le magistrature sono diventate gli unici organi di controllo, su cui si scaricano fatti illeciti e atti illegittimi, che avrebbero dovuto essere per tempo contrastati e detronizzati a monte da unefficace azione di prevenzione e di vigilanza dellAmministrazione. Di qui un ingolfamento delle magistrature, che si ritrovano un lavoro maggiore di quello che sarebbero chiamate a smaltire.
Il venir meno dellazione di vigilanza degli organi a ci appositamente deputati venne opportunamente evidenziato dal presidente della Repubblica allesordio del suo mandato, nel luglio 2006. Il Capo dello Stato prese spunto dal duplice omicidio colposo in persona di due sventurate operaie di un materassificio a Montesano in provincia di Salerno, vittime di un incidente sul lavoro occorso nel pi assoluto e manifesto disprezzo delle misure di sicurezza. La loro violazione, infatti, avrebbe potuto e dovuto essere tempestivamente rilevata. Per cui il presidente Napolitano sollecit indagini approfondite e severe sul piano amministrativo e giudiziario anche nei confronti dei titolari di responsabilit pubbliche in materia di rispetto delle norme di legge relative allosservanza delle misure di sicurezza. Col suo intervento, cui la stampa nazionale diede ampio risalto con servizi a tutta pagina, il Capo dello Stato volle riaffermare il principio secondo cui non impedire un evento, che si ha lobbligo giuridico di impedire, equivale cagionarlo.
Al di l dellepisodio che vi aveva dato occasione, quella del presidente Napolitano, che anche presidente del Csm, suonava come una precisa esortazione alle Procure della Repubblica. Queste erano chiamate a interrogarsi di volta in volta se il reato avrebbe potuto esser scongiurato, ove i servizi ispettivi avessero fatto rispettare le norme volte a evitarlo, come era loro preciso compito. La preoccupazione del Capo dello Stato era quella di ottenere, in prospettiva, una maggiore responsabilizzazione degli organi di controllo, senza la cui diligenza ogni misura da osservare resta sulla carta.
Alla esortazione del Presidente hanno opportunamente corrisposto in questi ultimi tempi i magistrati inquirenti, ravvisando una omissiva cooperazione colposa nel difetto di vigilanza da parte di organi amministrativi, che altrimenti avrebbero dovuto contrastare e impedire un comportamento penalmente rilevante. Come nel caso del dirigente del settore Ecologia di una provincia del Nord dItalia, perseguito e inseguito dai pubblici ministeri e dallAvvocatura dello Stato fin in Cassazione per concorso nel reato di disastro ambientale, perch, chiamato a sorvegliare lo smaltimento dei rifiuti tossici delle imprese, non si era affatto preoccupato di impedirne lillecito smaltimento (Cassazione, sezione IV, 18/5/2007, n. 19342, Rubiero e altri). Una giurisprudenza, questa della Suprema Corte, da tenere nel debito conto in Campania, dove i rifiuti tossici di imprese del Nord per anni sono stati impunemente trasportati finanche da autotreni con rimorchio, con la complicit degli organi di controllo, che in modo risibile si accontentavano dei relativi fogli di accompagnamento puntualmente falsificati.

*Lautore presidente aggiunto della Corte di Cassazione



news

21-02-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 febbraio 2020

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

Archivio news