LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI - Bronzi e gioielli al tempo dei Sanniti
PAOLO DE LUCA
SABATO, 24 APRILE 2010 LA REPUBBLICA - Napoli



Le numerose tracce e testimonianze lasciateci da un popolo presente in Campania dall´ottavo secolo a.C


La tomba di una principessa a Bisaccia, le statue lignee di tremila anni fa, un´escursione all´antica Aeclanum


Chi fu in vita la giovane donna ritrovata a Bisaccia, in provincia di Avellino, durante gli scavi del 1975? Una principessa? Forse una sacerdotessa? La necropoli di settimo secolo avanti Cristo la restituì avvolta in un sottile abito, impreziosito da oltre duemila borchiette di bronzo. Attorno, c´erano gioielli, argille varie e ben cinquanta braccialetti. Oggi la sua tomba, che rappresenta un esempio unico per il suo corredo, attira oltre mille visitatori mensili, ed è conservata al museo del Palazzo ducale (corso Romuleo, info 0827 89 202), nel piccolo comune irpino.
Questa della "principessa di Bisaccia" è solo una delle numerose testimonianze archeologiche lasciateci dai Sanniti, popolazione prelatina, presente in Campania fin dall´ottavo secolo avanti Cristo. E una sue delle tribù più numerose era proprio quella degli Irpini, così chiamati per il loro modo di assalire i nemici, coperti da pelli di lupo (hirpus, in antico dialetto osco-italico).
Tralasciati da un turismo spesso tendente alla cosiddetta "cultura romanocentrica", val la pena invece visitare alcuni dei loro siti più significativi, aperti gratuitamente per questi sgoccioli di "Settimana della cultura".
Si parte da Ariano Irpino, con i suoi ventimila abitanti, secondo centro nella provincia di Avellino, a cinquanta chilometri dal capoluogo. Reperti databili fino a seimila anni fa (periodo Neolitico), provenienti dal vicino sito della "Starza" sono conservati nell´antiquarium di via Anzani (0825 824 839). Da lì, le guide dell´associazione archeologica "Archeomas" organizzano visite guidate (su richiesta, al numero 0825 818 532) in due siti distanti una quindicina di chilometri, solitamente chiusi per mancanza di personale.
Il primo è Casalbore, che conserva l´unico esempio campano di tempio italico a sei colonne, dedicato a Mefite, dea campestre sul culto dell´acqua.
Il secondo è l´affascinante Aequum Tuticum, antichissimo villaggio, stratificato fino al Medioevo, che la tradizione vuole fondato addirittura da Diomede, sbarcato sul Gargano dopo la distruzione di Troia.
La zona non dista molto da Compsa, più a sud, uno dei centri sanniti più importanti, soprattutto per il commercio della lana lungo il tratturo Pescasseroli-Candela. Molti pesi da telaio e fusaiole lì ritrovate sono in mostra nell´antiquarium di Morra De Sanctis (piazza De Sanctis, 0827 43 578).
Quasi al confine con la Puglia, sorge l´unico paese alloglotto della Campania, di origine albanese. Si tratta del comune di Greci, ottocento anime, il cui Palazzo Lusi (via Buonarroti, 0825 861 196) conserva 200 reperti di una necropoli scavata durante i lavori per l´attuazione del campo sportivo locale nel 1999. È lo stesso sindaco, Bartolomeo Zoccano a farne da guida.
Merita un´escursione primaverile anche Mirabella Eclano, con i suoi 18 ettari di area archeologica sulla città di Aeclanum (in località Passo di Mirabella, 0825 449 175), inizialmente osca, poi romana, le cui mura di legno furono incendiate da Silla durante la Guerra sociale nell´89 avanti Cristo.
Ultima tappa, al museo Irpino di Avellino (corso Europa, 0825 790 501) che conserva nelle sue sale una delle testimonianze più rare dell´Italia archeologica, proveniente dal culto di Mefite.
Si chiamano xoana, sono statue lignee risalenti al sesto secolo avanti Cristo, alcune alte quasi un metro e mezzo, e miracolosamente arrivate fino ai giorni nostri.
Fino al 30 maggio, la struttura ospita anche la mostra "Alla tavola di Apicio", promossa dall´Assessorato alla cultura della provincia di Avellino. Si tratta di un percorso incentrato sulla gastronomia del mondo latino, dagli oggetti e dal vasellame usato sulle tavole, ai prodotti di cui gli antichi Romani erano più ghiotti.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news