LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PAESAGGIO e TERRITORIO: Abusivismo, approvato il decreto stop demolizioni fino a giugno 2011
ROBERTO FUCCILLO
SABATO, 24 APRILE 2010 LA REPUBBLICA - Napoli

S agli abbattimenti delle case pericolanti e nelle aree vincolate

La normativa si riferisce ad abusi commessi entro il marzo del 2003


NON chiamatelo condono. La destra di governo unanime, non vuole che sul decreto approvato ieri ricada laccusa di una nuova maxisanatoria, di una liberatoria a nuovi abusi e scempi. Il provvedimento approvato ieri a Palazzo Chigi ha in effetti una portata formale limitata. Si tratta soltanto di una sospensiva, fino al 30 giugno 2011, degli abbattimenti in atto. Valida solo per situazioni abitative di chi non disponga di altre abitazioni, e a patto che gli edifici non siano stati dichiarati pericolanti. In pi il ministro leghista Roberto Calderoli si visto approvare in aula un emendamento che tiene fuori dal decreto le aree sottoposte a vincoli paesaggistici e ambientali: una cornice nella quale dovrebbero essere compresi gran parte dei casi di abusivismo a Capri, Ischia, in Costiera. E, naturalmente, il tutto continua a riferirsi a abusi commessi entro il 31 marzo del 2003.
Lintervento nasce infatti dal buco normativo lasciato da precedenti disposizioni regionali. una vicenda lunga sette anni. Inizia nel 2003 con una legge nazionale che dispone la possibile sanatoria per gli abusi commessi fino a marzo. Ne parte integrante il rinvio alle Regioni perch disciplinino il procedimento amministrativo, liter insomma della domanda. Ma la Campania fissa un criterio molto semplice: niente condono, tout court. Il governo ricorre alla Corte costituzionale, che gli d ragione. A Palazzo Santa Lucia allora Bassolino e lassessore dellepoca, Marco Di Lello, propongono una legge, con interpretazione assai restrittiva del condono: nuovo ricorso del governo, stavolta basato sul fatto che la normativa regionale stata approvata fuori tempo, nuova bocciatura della Regione da parte della Consulta. Nel frattempo per era anche scaduto il termine entro cui le domande andavano presentate. Dunque ecco oggi il governo Berlusconi tentare di ridare una possibilit a quanti allepoca si erano visti bloccati da una norma poi decaduta.
Palazzo Chigi ha comunque scelto per ora di imboccare la tutela di quella casistica che va sotto il nome di abusivismo di necessit. La vera contesa si scatener sul futuro. Il decreto infatti blocca le demolizioni fino al 30 giugno 2011 (termine arretrato di sei mesi rispetto a quanto era filtrato nei giorni scorsi) e rinvia poi alla esigenza di una ricognizione della situazione. Come dire che, in via teorica, il blocco cautelativo di oggi potrebbe comunque sfociare in un abbattimento dopo il 31 giugno se la pratica risultasse irregolare. Il decreto non esplicita chi debba svolgere questa ricognizione anche se lopinione pi diffusa tra gi addetti ai lavori che toccher in primo luogo alla Regione. La stessa Regione dovrebbe anche produrre quella norma attuativa che di fatto la giunta Bassolino non ha mai varato, anche se dagli uffici del neopresidente Stefano Caldoro non giunge nessuna conferma su questo fronte.
Il fatto che in Senato pende il vero provvedimento che rischia di rimettere tutto in gioco, vale a dire il disegno di legge presentato da Carlo Sarro e altri senatori del centrodestra campano. Una legge che riprende in mano il condono del 2003 e lo aggiorna con alcune modifiche. La prima la riapertura dei termini per avanzare domanda di sanatoria, dal vecchio 10 dicembre 2004 al pi attuale 31 dicembre 2010. Poi una variazione proprio in materia di beni paesaggistici: si propone infatti che nelle aree a vincolo paesaggistico si possa intervenire anche prima di ricevere la relativa autorizzazione, cosa prima non consentita. Inoltre previsto che immobili irregolari, acquisiti e avviati a demolizione, possano invece essere assegnati in locazione, anche a chi li abitava senza avere ulteriore alloggi, purch provvisti di idoneit statica e igienico-sanitaria. su questo che si rischier certamente la battaglia dura in Parlamento.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news