LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Caro Ciampi, non si dimetta
Antonio Carioti
Corriere della Sera 24/4/2010

Unit d'Italia. Telefonata dopo le polemiche nel comitato dei garanti. Palazzo Chigi: continuiamo il suo lavoro
Berlusconi chiama l'ex presidente. Che replica: solo un problema anagrafico
stato un colloquio molto cortese La mia decisione di lasciare non ha alcun sottofondo politico


E quasi l'ora di cena quando il telefono squilla nella casa romana di Carlo Azeglio Ciampi, in via Anapo. All'altro capo del filo c' il presidente del Consiglio. Silvio Berlusconi, in tono estremamente cordiale, chiede all'ex capo dello Stato di ritirare le dimissioni dalla guida del comitato dei garanti per le celebrazioni del 150 anniversario dell'Unit d'Italia. E stato molto cortese e insistente - riferisce Ciampi - nel chiedermi di rimanere. Ma io non ho potuto fare altro che confermare la mia decisione. Come ho scritto nella lettera, la mia rinuncia dovuta esclusivamente a motivi di salute e di anagrafe: non ha alcun sottofondo politico. In questo modo Ciampi risponde indirettamente anche a chi ha creduto di cogliere nel suo gesto sottintesi polemici. In particolare ai membri del comitato che hanno annunciato a loro volta le dimissioni, ritenendo che, senza lex presidente della Repubblica, non ci siano pi le condizioni per andare avanti. Nessuno insostituibile - si schermisce Ciampi - e tanto meno io. Chi presiede il comitato deve anche assicurare una presenza alle diverse cerimonie per il centocinquantenario: il primo appuntamento gi tra un palo di settimane, a Quarto, Marsala e Calatafimi. E io non sono davvero nelle condizioni di assumere impegni del genere. D'altronde Ciampi, come lui stesso tiene a rimarcare, non ha lasciato un posto vuoto. Nelle funzioni da lui ricoperte subentrato formalmente il vicario, l'ex presidente della Corte costituzionale Giovanni Conso, il quale puntualizza di aver gi preso possesso dell'incarico, sia pure con il compito esclusivo e doveroso di provvedere all'ordinaria amministrazione. E a sua volta Berlusconi ha assicurato a Ciampi che il programma di iniziative cui si finora lavorato continuer a pieno ritmo. La telefonata del capo del governo viene incontro anche all'esigenza posta da Alberto Melloni sul Corriere di ieri e da altri membri del comitato, che hanno chiesto di dare un segnale nel senso della continuit, come viatico per la prosecuzione dell'opera di un comitato che finora ha avuto in Ciampi il suo animatore convinto e appassionato. Nessun ulteriore commento viene intanto da Gustavo Zagrebelsky, membro del comitato e autore della lettera di dimissioni cui hanno aderito Ludina Barzini, Marta Boneschi, Ugo Gregoretti e Dacia Maraini. Al computo dei dimissionari va aggiunta Valeria Della Valle, docente di Linguistica all'Universit La Sapienza di Roma, che per ha assunto liniziativa del tutto autonomamente non appena venuta a conoscenza dell'abbandono di Ciampi: Avevo aderito al comitato con energia ed entusiasmo - sottolinea la studiosa - ma con il passare del tempo ho avuto sempre pi l'impressione di lavorare a vuoto. N sono bastate le rassicurazioni del ministro dei Beni culturali, Sandro Bondi, che hanno avuto purtroppo scarso seguito. Abbiamo avuto la sensazione di mandare impulsi senza ricevere alcuna risposta. Eppure questo anniversario sarebbe un'occasione preziosa, ad esempio, per rilanciare il valore unificante della lingua nella costruzione della nazione italiana. Se alcuni hanno deciso di dimettersi per il venir meno della presenza di Ciampi, c' anche chi del comitato non ha mal voluto far parte, anche se il suo nome era stato incluso nel decreto di nomina. Si tratta del professor Ettore Albertoni, studioso delle dottrine politiche, gi assessore leghista della Regione Lombardia e consigliere d'amministrazione della Rai in quota Carroccio: Sono stato nominato senza neppure essere avvertito e ho immediatamente chiarito che non intendevo partecipare al lavori. Trovo assurdo che degli studiosi vengano chiamati a fare i garanti della costruzione di opere pubbliche, tipo l'aeroporto di Perugia. In realt proprio Ciampi ha fatto in modo che i compiti del comitato fossero estranei ai progetti infrastrutturali e riguardassero solo l'aspetto culturale delle celebrazioni. Ma ci non bastato a convincere Albertoni, le cui riserve riguardano anche il merito dell'iniziativa: Come ho scritto di recente sulla Padania , l'unico modo serio di ricordare 150 anni del regno d'Italia consiste nello scrivere una contro-storia della societ civile. Nella permanente crisi istituzionale e politica dello Stato centralista, analizzata gi alla fine dell'Ottocento da Gaetano Mosca, il fenomeno storico da mettere in rilievo come la nostra gente (artigiani, contadini, imprenditori, medici) sia riuscita a far progredire il Paese, sconfiggendo miseria e malattie, nonostante il malgovemo e le continue guerre. Queste sono le conquiste importanti: il resto interessa soltanto il palazzo, impegnato nelle sue sterili autocelebrazioni retoriche.



news

25-01-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 gennaio 2020

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

Archivio news