LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MILANO - La crisi e la vertenza sulle fondazioni liriche segnano la festa.
PIERO COLAPRICO
DOMENICA, 25 APRILE 2010 LA REPUBBLICA - Milano

MILANO - La crisi e la vertenza sulle fondazioni liriche segnano la festa. E in prefettura viene ricevuto chi rischia il posto

La rabbia dei lavoratori "Presidente, ci aiuti lei"

Davanti alla Scala scontri con la polizia

Qualche fischio per Berlusconi e Formigoni quando lasciano la sala della celebrazione

Scatta la tensione quando i dimostranti cercano di forzare il cordone agli ingressi

I cartelloni di quelli dellItaltel ricordano quattrocento esuberi "E un terzo sono donne"

Brucia il decreto voluto dal governo per i teatri Le maestranze in sala gridano: "Non firmare"



C stata, per, la contestazione. Come ci sono stati anche alcuni minuti di tensione, sia per impedire da parte degli agenti che venisse innalzato uno striscione, sia per bloccare il passaggio a un folto gruppo di dipendenti scaligeri, entrati in una crisi psico-economica per il decreto del ministro Sandro Bondi sulla riforma degli enti lirici. In strada hanno tentato pi volte di alzare i toni. E Non firmare, non firmare sono riusciti a gridare quando Napolitano, allinterno del teatro, si spostato dalla platea per salire sul palco e tenere il discorso per i 65 anni della Liberazione.
Se questo stato laperitivo, si capisce come vada crescendo lattesa per il corteo di oggi pomeriggio, al quale parteciperanno non solo partigiani e centrosinistra, ma anche i politici milanesi del centrodestra e i centri sociali, non solo lombardi, che si sono dati appuntamento a Porta Venezia. Entrer nel corteo anche il sindaco Letizia Moratti e gli stessi politici si attendono qualche fischio, ma si dicono confortati dal discorso sullunit italiana, sulla necessit di uscire dalla spirale di contrapposizioni indiscriminate. Polizia e carabinieri sono gi al lavoro, e qualcuno teme il peggio: c stata persino una schermaglia, non sfociata in rissa, nel nome di Sergio Ramelli, tra neonazisti e movimento. Forse lo ricordano in pochi, ma aveva diciassette anni quando venne ucciso da estremisti di sinistra nella Milano degli anni di piombo. Ancora oggi pu dividere la sua storia di vittima?
La giornata del capo dello Stato stata tutta allinsegna dellascolto, come se in unItalia dove ognuno sembra tirare avanti per la sua strada, lui si sia preso il compito di trovare una diplomazia. La mattina era cominciata allAuditorium Verdi, al Ticinese, in largo Mahler. Con tutto il pubblico in piedi ad applaudirlo al suo arrivo: e con la lettura di alcune lettere di condannati a morte dal nazifascismo, e la musica di Luigi Nono, Il canto sospeso, scritto trentanni fa. Poi ha incontrato in corso Monforte alcune delegazioni dei lavoratori di Agile, Scala e di Italtel, accompagnati dal segretario della Cgil milanese Onorio Rosati. Ha rivisto alcuni compagni di partito di quella che fu la corrente migliorista.
E nel pomeriggio piazza Scala, assolata e tirata a lucido, era tutta per Napolitano. Lo hanno invocato i lavoratori dellItaltel che lamentano, come si legge sui cartelli, quattrocento esuberi. Uno su tre donna. Uno su tre monoreddito. Uno su tre ha figli e lavora part time. Uno di questi, anziano e meridionale, ha dato anche sulla voce alle contestazioni di Pietro Ricca, che con un megafono (subito sequestrato) tuonava sul fatto che Oggi resistenza resistere alle leggi vergogna. Loperaio ha reagito: Ma smettila, ma chi sei, sei un operaio? Noi siamo qua per difendere il lavoro, lascia perdere la politica.
Pi movimentate le azioni dei dipendenti della Scala, che divisi in vari tronconi cercavano di far capire che il teatro ha vita corta con i tagli pensati dal centrodestra, ma non ancora accettati con la firma da Napolitano. Nasce, guardando queste persone, la certezza che la crisi esista e sia pi profonda di quanto si dice: Anni fa quando cera la cassa integrazione, qualcuno riusciva a fare qualche lavoro nero. Oggi - spiegano fonti dallinterno delle forze dellordine - noi li vediamo preoccupati, amareggiati, senza soldi. Sin quando reggeremo, noi e loro?.
Erano ieri soprattutto tante persone comuni a cercare in piazza di applaudire il presidente della Repubblica. E se, come dice lui, lunit del Paese rappresenta un ancoraggio irrinunciabile e non pu formare oggetto di irrisione, n considerarsi un residuo del passato, Napolitano di quel passato che guarda al futuro sembra un bellesempio ai milanesi. Resisti anche tu, in tutti i sensi, gli dice una ragazza. Due signore pi anziane sperano che viva a lungo, per essere un argine a Berlusconi. E, in effetti, anche se il premier ha sempre i suoi fan, ieri qualche fischio gli arriva, sia dentro la Scala, sia fuori. E qualche fischio tocca anche a Roberto Formigoni, che per, come sempre, allarga le braccia e sembra accettare le contestazioni. Viva Napolitano quello che si sente rilanciare, da destra a sinistra e il presidente, calmo, sorridente, lento, non si nega: si ferma, saluta, ringrazia.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news