LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Commemorazione dell'Unit d'Italia
CORRADO AUGIAS
DOMENICA, 25 APRILE 2010 LA REPUBBLICA - Commenti


Caro Augias,

il governo ha emesso francobolli commemorativi dell'impresa dei Mille per il 150 anniversario, forse il vero 150 dell'Unit d'Italia. Tuttavia, come non servono le strade e le piazze a tenere viva la memoria, cos a poco servono i francobolli. Nel ventennio fascista il Risorgimento era ancora presente nell'animus della nazione (in modo non solo propagandistico). Basteranno oggi 4 francobolli dispersi fra tanti altri nelle tabaccherie? Ci sono tre ministeri (Istruzione, Beni culturali e Comunicazioni), cinema, una televisione pubblica di tre canali, scrittori, registi e attori, musei. Verranno allertati dallo Stato per il 150 dell'Unit o si cercher solo di salvare la faccia, magari guardando di sottecchi oltre Tevere per cogliere cenni o oltre Po per non spaventare certe trote? Il Risorgimento verr tratto dall'urna ove l'hanno confinato il cattolicesimo, il marxismo e il liberalismo postunitari? Si dir: Ma si celebra l'Unit! Il Risorgimento viene prima. ci che temo, ma fu Marsala il nostro vero "bel suol d'amore".

Giovanni Moschini giovanni.moschini4@tin.it

P er la terza volta si celebra l'unificazione della penisola diventata nazione. La prima fu nel 1911 per il Giubileo. Roma ne usc trasformata e arricchita dal punto di vista urbanistico come ha mostrato, tempo fa, una bella esposizione alla Galleria nazionale d'arte moderna. Anche allora ci furono controindicazioni tra le quali il fatto che alle celebrazioni il governo Giolitti and dimissionario per una delle ricorrenti (anche allora) crisi di governo. Non mancarono neppure alcune contro-celebrazioni sia di destra sia di sinistra. Poi in settembre ci fu la guerra di Libia ("Tripoli bel suol d'amore", eccetera). La seconda volta fu nel 1961 il centenario, (a Torino e altrove). L'anno prima c'erano state le Olimpiadi a Roma, era cominciato il boom economico, la lira era fortissima, la televisione aveva cominciato a unificare gli italiani. Fu tutto sommato e per quanto lo permise il nostro temperamento litigioso, una bella celebrazione, l'aria del paese era tutto sommato festosa. Nel 2011 dovrebbe esserci il 150. Che nessuno abbia troppa voglia di celebrarlo da mesi evidente comunque vadano a finire le dimissioni dal comitato messo in piedi per le celebrazioni. Frenano la Lega e il partito di maggioranza che gli va a rimorchio, frena il Vaticano che con il Risorgimento, e con Roma capitale, non ha ancora chiuso i conti. Il paese turbato, c' la crisi, mancano i soldi soprattutto manca l'atmosfera. Assistetti, nel 1976, alle celebrazioni per il bicentenario degli Stati Uniti. Non voglio nemmeno accennare a un confronto.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news