LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Aveva allestito nella sua abitazione un vero e proprio museo archeologico con reperti di vario tipo ed epoca
la sicilia, Sabato 24 Aprile 2010 Agrigento



Il cap. Marseglio con alcuni dei reperti
Aveva allestito nella sua abitazione un vero e proprio museo archeologico con reperti di vario tipo ed epoca. A scoprirlo sono stati i carabinieri del Nucleo tutela del patrimonio culturale di Palermo e i militari dell'Arma della compagnia di Agrigento. A finire nei guai stato un professionista agrigentino che stato denunciato per ricettazione ed illecito impossessamento di oggetti archeologici appartenenti allo Stato, anche se la sua posizione ancora al vaglio della Procura. In casa dell'uomo sono stati trovati 930 reperti archeologici custoditi con scrupolosa cura, per un valore di mercato di oltre un milione di euro. Come spiegato dal comandante del Nucleo tutela del patrimonio culturale dei carabinieri, il capitano Giuseppe Marseglia, quello avvenuto ad Agrigento stato il pi grande ritrovamento di reperti archeologici avvenuto negli ultimi dieci anni in Sicilia. Il blitz scattato nei giorni scorsi nell'abitazione del professionista. A mettere i carabinieri sulle tracce del "museo privato" stata una segnalazione. I militari dell'Arma hanno immediatamente disposto una perquisizione nell'abitazione del professionista, anche con l'ausilio dall'alto di un elicottero. Il controllo ha permesso di recuperare i reperti, che erano conservati in apposite teche per permettere la fruizione a lui e ai suoi ospiti. Quando i carabinieri hanno bussato alla porta il padrone di casa non ha opposto alcuna resistenza e ha consegnato senza problemi il suo museo privato. Tra i pezzi sequestrati ci sono delle vere proprie "chicche", come i preziosi crateri a figure rosse, poi ancora lekitoi, askoi, skifoi, aribelloi, cinokoi, anfore, gutti, lucerne ed altri manufatti fittili e in bronzo riconducibili ad epoca preistorica e protostorica, greca, romana, bizantina ed arabo- normanna. Tra i pezzi recuperati alcuni risalgono all'epoca indigena e pre-greca , altri sono di culto. I carabinieri stanno cercando di capire se il professionista sia una sorta di collezionista e ricettatore che raccoglie il materiale dei tombaroli per poi piazzare i reperti nei grandi circuiti clandestini su cui si appoggiano i grossi collezionisti. Indagini sono, infatti, ancora in corso e non escluso che nei prossimi giorni ci possano essere altri sviluppi. Tutti i reperti sequestrati sono stati consegnati alla Soprintendenza ai Beni culturali di Agrigento, e secondo quanto ha auspicato il comandante provinciale dell'Arma, Mario Di Iulio non escluso che nel museo civico, che prossimamente dovrebbe essere riaperto dal Comune di Agrigento possa esserci una sezione dedicata proprio ai reperti ritrovati dai carabinieri. L'assalto alle aree archeologiche del territorio della citt dei templi ha fatto sparire nel giro di mezzo secolo gran parte dei tesori risalenti all'epoca greca, romana e bizantina, rimasti nascosti per secoli e secoli. Pezzi di grandissimo valore sono stati trafugati e rivenduti sul mercato clandestino a prezzi da capogiro e purtroppo solo in pochi casi i predatori della storia sono stati colti sul fatto. Anche se vero che numerose indagini hanno consentito di recuperare oggetti di grande valore che stavano per essere fatti sparire per finire nelle case di collezionisti senza scrupoli. Ci troviamo di fronte ad una collezione straordinaria che per legge non pu essere, ne rimanere, di propriet privata-ha dichiarato il capitano Giuseppe Asti- i reperti archeologici sono di propriet dello Stato e tutti debbono poterli ammirare. Chi trova materiale tanto prezioso e non lo consegna alla Soprintendenza commette reato di furto; chi lo acquista, lo rivende o lo cede diventa ricettatore.
Antonino Ravan


24/04/2010



news

22-01-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 gennaio 2020

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

Archivio news