LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - TALAMONE Il porto dove passa la Storia (e unautostrada contestata)
di SERGIO RIZZO e GIAN ANTONIO STELLA Paolo Rastelli
24 apr 2010. Corriere Della Sera



Prima i celti, poi le chiatte di Garibaldi, infine le bombe del 1944. E oggi la rissa sul porto turistico e sul via libera allarteria tirrenica osteggiata dagli ambientalisti

Con quei nomi che si ritrovano sulle poppe, Dina e Mite, le due chiatte sorelle che vanno e vengono per il porticciolo di Talamone, sarebbero piaciute proprio a un uomo come Giuseppe Garibaldi. Lintero paese, del resto, ha una lunga storia legata alla polvere da sparo, ai candelotti, alla nitroglicerina Tanto da essere sfiorato da uninchiesta sul traffico di esplosivi perfino negli anni Ottanta, ai tempi del pentapartito. Mica per altro il Condottiero, costretto a fare tappa lungo la rotta da Quarto alla Sicilia per rifornirsi di munizioni (dato che sul Piemonte e sul Lombardo erano stati imbarcati insieme con iMille migliaia di fucili ma, per usare le parole del generale, non cera nemmeno una cartuccia) aveva scelto quel porto sulla costa maremmana. Sapeva che l, in qualche modo, sarebbe riuscito a rimediare quello che gli serviva.

Centocinquanta anni dopo, in questa deliziosa insenatura naturale poco pi a nord dell'Argentario, di candelotti pronti a deflagrare (politicamente, si capisce) ce ne sono due. Il primo la costruzione dell'autostrada costiera tirrenica, fortissimamente voluta da un'alleanza trasversale tra la sinistra al governo in regione e la destra al governo di Roma. Il secondo il progetto di un porto turistico che, osteggiato da Italia Nostra, Wwf, Legambiente e un po tutti gli ambientalisti, sarebbe immensamente sproporzionato rispetto alla bellezza, alla sacralit, alla popolazione del luogo. Basti dire che per ogni famiglia di talamonesi ci sarebbero quattro posti barca per yacht e velieri lunghi da 10 a 40 metri. Per non parlare delle perplessit che solleva la scoperta che il progetto stato ideato da unazienda che nel vicino porto fra Castiglioncello e Rosignano Solvay ha tra gli azionisti di una sua consociata, sia pure con una piccola quota, il ministro delle infrastrutture Altero Matteoli. Che per pura coincidenza anche sindaco di Orbetello, comune di cui fa parte Talamone.

Il paesino, in realt, sempre stato immensamente pi piccolo rispetto ai grandi interessi e alla grande storia. Dalla quale stato toccato almeno tre volte. La prima fu nel 225 a.C. quando, come racconta Polibio, si scontrarono qui le armate celtiche (boi, insubri, taurisci, taurini) e quelle dei romani. Umberto Bossi, a un congresso leghista, ne parl accorato come fosse successo la settimana prima: Fratelli toscani, vorremmo che il mondo celtico ricordasse con un cippo, a Capo Talamone, il monito: fu la divisione tra fratelli a renderci schiavi dei romani. Spieg infatti, piangendo sulle sorti di re Concolitano ed Aneroesto, sfortunati protagonisti di quella sconfitta, che larmata padana, beffata dallinfida diplomazia romana, fu costretta a lasciare forze ingentissime a casa per proteggere le case e le terre minacciate da altri fratelli padani. Lesercito dei Celti, forte di 50 mila fanti e 5 mila cavalieri arriv a tre giorni di marcia da Roma ma si trov davanti un esercito di 250 mila uomini I nostri andarono incontro a una grande battaglia dalle conseguenze incredibili, la fine del mondo celtico, la schiavit Fu linizio del colonialismo.

La terza volta fu nel 44, quando i nazisti in fuga misero a ferro e fuoco, devastandolo con la dinamite, lintera contrada. C una foto del 45: una mamma e la sua bambina davanti a un cumulo di macerie ( vedi a pagina 15). Tutto ci che restava della loro casa. Non era una casa come le altre. Era quella che per due giorni, dal 7 al 9 maggio del 1860, aveva ospitato Giuseppe Garibaldi. Ricostruita, oggi in mano alla figlia della bimba di quella foto, Marina Vivarelli Mugnai. Che lha trasformata in un bed and breakfast. Il nome? Ovvio: B& b Garibaldi. Indirizzo: piazza Garibaldi. Che si allarga su via Garibaldi. La quale parte da Porta Garibaldi. Che fa angolo con via dei Mille (di Garibaldi). Da non confondere con via Volturno (vittoria di Garibaldi). O via Nizza (citt natale di Garibaldi). Ovia Bixio (braccio destro di Garibaldi). E insomma tutto il paese ruota ancora, nella toponomastica, intorno allEroe dei due mondi protagonista del secondo episodio in cui la Grande Storia pass per Talamone.

Occhio: nella toponomastica. Perch, per il resto, tutta unaltra faccenda. E la prova proprio nellappuntamento prossimo venturo col Centocinquantenario. Per il quale, nonostante la provenienza del sindaco Matteoli da quel Msi che un tempo idolatrava la maschia impresa garibaldina e nonostante Berlusconi si sia appena profuso in mille rassicurazioni (sia pure sdrucciolando: Se c un tema su cui non accettiamo una critica quello della celebrazione del 150 anni della nostra Repubblica: testuale) e nonostante limpegno dei talamonesi sono previste manifestazioni miserelle. Qualche bandiera, un po di controfagotti e la visita di Fulvio Scaparro, Gennaro Acquaviva, Marcello Veneziani. Il tutto in linea con la crisi profonda rivelata anche dalle polemiche dimissioni a cascata seguite a quelle, per motivi di salute, del presidente del Comitato, Carlo Azeglio Ciampi.

Peccato. Perch Talamone fu un passaggio davvero importante per la storia italiana. E in qualche modo riassume tutto. La generosit dei volontari. Lambiguit di Cavour e dei Savoia che dicono e non dicono, armano e non armano, appoggiano e non appoggiano. La cialtroneria allitaliana che tanto ci fa ancora oggi arrabbiare di qualche comprimario. Come ricorda Giovanni Russo nel libro tornato Garibaldi, delizioso reportage di qualche anno fa nella scia della spedizione, le munizioni erano state rubate al condottiero da alcuni contrabbandieri a cui erano state affidate a Portofino. E i garibaldini avevano solo un migliaio di vecchi fucili, quasi tutti ad avancarica, alcuni dei quali sono ora nel museo garibaldino di Genova, ceduti di malavoglia dal generale La Farina poich quelli pi moderni, che erano stati raccolti a Milano con una sottoscrizione nazionale, non erano stati consegnati agli emissari di Garibaldi per un divieto di Cavour. Hanno piantato in mezzo al mare le barche delle munizioni, per fare un contrabbando che prometta loro guadagni pi lauti Il mondo andato sempre cos, commenta Giuseppe Bandi, poi ferito a Calatafimi e autore de I Mille, dettagliatissimo resoconto della spedizione recentemente riedito da Stampa Alternativa.

Nei depositi di Talamone e Orbetello, in realt, scrive ancora Bandi, cerano pi rottami che armi: Schioppacci vecchi, sciabole rugginose, trombe, marmitte ed altre ferrevecchie. Ma per i mille fu preziosa quanto la manna degli ebrei. Cos come un cannone di ferro e una bella colubrina di bronzo lunga lunga, fusa, come si leggeva in una iscrizione incisa sulla culatta, da Cosimo Cenni fiorentino, nellanno del Signore mille e seicento tanti. Un pezzo che chiss da quanto tempo era l: forse dai tempi dei Borbone, quando lo Stato dei Presidi spagnoli, di cui Orbetello, lArgentario e Talamone facevano parte, era stato annesso al Regno delle Due Sicilie diventandone lavamposto settentrionale in terra di Toscana.

Non bastasse, scrive ancora il cronista al seguito, tutti quei giovanotti sanguigni, rotte che furon le righe, si sparsero pel paese, con terrore infinito di tutte le femmine, le quali credettero vedere in essi tanti romani al ratto delle sabine. I poveretti, stanchi del mare e del riposo forzato, appena messo piede a terra seran sentiti leoni, e giravano qua e l, e facean capolino per le case, e dicevano paroline dolci, e davano occhiate di fuoco, e arrisicarono (se non mentisce la fama) qualche pizzicotto. Oltre a ci, scontenti per non trovare in quel paesucolo n vino, n pane, brontolavano fieramente, accusando di voler nascondere il ben di Dio, come se si trattasse di croati. Nacquero liti e tafferugli senza fine. Un bordello. Finch Garibaldi, che era sul Piemonte, si stuf, si cinse la sciabola e si precipit a terra come un ossesso: A bordo tutti!. In un batter docchio, annota il Bandi, il paese fu deserto; le barche parean poche per tanta gente, e vogavano come razzi.

Adesso, come razzi, corrono in macchina sullAurelia. Una delle strade pi pericolose del pianeta. Punteggiata di mazzi di fiori lasciati dai parenti di chi ha perso la vita in una litania spaventosa di incidenti stradali. Altero Matteoli, tanti anni fa, se la cav per un pelo. Da allora ci si incaponito. Vuole lautostrada. E non il solo. In questo angolo di Maremma dove per due volte si sono incrociati i destini del Nord e del Sud dellItalia, si incrociano ora gli affari. E che affari

Contestata dagli ambientalisti, finita pi volte sul binario morto, lautostrada stata rilanciata dal ministro per le Infrastrutture del governo Berlusconi. Che il 15 dicembre del 2009 ha fatto aprire ufficialmente il primo cantiere a San Pietro in Palazzi, nel comune di Cecina: il suo. Omeglio, il borgo natio amatissimo quanto il borgo di adozione, Orbetello. Del quale, come dicevamo, sindaco da quattro anni. Grazie a una provvidenziale manina che nel marzo 2005, giusto qualche mese prima che lui annunciasse lintenzione di presentarsi alle comunali allArgentario, infil un emendamento in una leggina con il quale fu abolito il divieto ai ministri di ricoprire incarichi di amministratore di enti locali. Divieto introdotto appena pochi mesi prima dalla legge Frattini che doveva disciplinare i conflitti dinteressi.

Direte: ma chi glielo fa fare a un ministro di gestire un comune di 15 mila abitanti? Se lo erano chiesti, a suo tempo, anche gli elettori. Chi pensa che, se fossi eletto, farei il sindaco da Roma, si sbaglia di grosso, aveva risposto lui, In caso di vittoria il mio impegno a Orbetello sar a tempo pieno. Fatto senatore, e poi ministro, aveva corretto il tiro: Passer a fare il sindaco il fine settimana. C' chi si lagna dicendo che pochino? Lui tira diritto. Tanto pi che quello che dovrebbe attraversare il territorio di Orbetello forse il tratto pi complicato del corridoio autostradale tirrenico. Cos complicato, e a quanto pare costoso, che ora si starebbe ragionando su un cambio di tracciato rispetto a quello gi approvato dal Cipe, sovrapponendo lautostrada allattuale Aurelia.

Ma certo, se il ministro e il sindaco sono la stessa persona, tutto pi facile. Se poi il ministro nomina anche un commissario straordinario, meglio ancora. E chi il commissario scelto da quel Matteoli che secondo Marcello Pera era cos missino che si present a Lucca con alla sosta delle Camicie Rosse a Talamone. Tappa allinsegna dello spirito giocoso e goliardico dei giovani volontari ma in realt estremamente seria, scrive il giornalista, perch qui la spedizione si qualific politicamente. Fu a Talamone che Garibaldi decise che lattacco al Regno borbonico sarebbe stato regio e centrista (diremmo noi) e non repubblicano e mazziniano. Tanto da provocare una mini-scissione: Vincenzo Brusco Omnis, sardo, rivoluzionario e massone, con qualche compagno di fede decise di abbandonare i compagni e di tornarsene a Genova (e a mangiarsi poi le mani quando arriv il momento della gloria, viene da pensare). Quelli che rimasero erano nervosi e timorosi del futuro: a galvanizzarli, ricorda Cavallari, provvide Nino Bixio, il vice di Garibaldi. Il suo cattivo carattere faceva pi paura dei Borboni.




news

24-01-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2020

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

Archivio news