LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

GENOVA - Doniamo immobili al Teatro in rosso
francesco margiocco
26/04/2010 IL SECOLO XIX


carlo felice, l'ipotesi del comune in attesa del nuovo consiglio d'amministrazione

Serviranno come garanzia alle banche per il buco di 11 milioni. L'assessore Ranieri: ci stiamo lavorando seriamente





Genova. Un deficit di 3 milioni, necessari per chiudere la programmazione del 2010. E un disavanzo strutturale di 11 milioni, che si trascina dagli anni Ottanta e non mai stato affrontato. Sono le due principali preoccupazioni di Giuseppe Ferrazza, commissario straordinario del Carlo Felice dall'estate del 2008 e ancora per pochi giorni.
Il 31 maggio il suo mandato scadr. Entro quella data, il teatro genovese dovr individuare un sovrintendente e un consiglio d'amministrazione in grado di risollevare le sorti del teatro. Altrimenti il ministero potrebbe decidere di prorogare il commissariamento.
Sul futuro consiglio d'amministrazione, per ora, circolano alcuni nomi - come quelli degli imprenditori Riccardo Garrone e Vittorio Malacalza - ma nulla di ufficiale. Ci stiamo seriamente lavorando, assicura Andrea Ranieri, assessore comunale alla Cultura. Il futuro cda dovr trovare, da subito, i 3 milioni necessari per chiudere il 2010. Dovr poi tradurre in pratica quel "piano industriale" per rilanciare il teatro al quale sta lavorando, a titolo gratuito, su incarico del sindaco Marta Vincenzi, Salvatore Filippini La Rosa, avvocato genovese esperto in diritto dello spettacolo. Il piano dovrebbe essere pronto entro la fine di maggio.
Ma il vero nodo rappresentato dagli 11 milioni di disavanzo, per i quali il teatro paga ogni anno un milione e 300mila euro di interessi passivi. Ranieri propone una strada: Stiamo valutando l'ipotesi di conferire alla Fondazione Carlo Felice alcuni immobili attualmente di propriet del Comune. Un espediente suggerito dallo stesso Ferrazza e che consentirebbe alla Fondazione di accendere un mutuo. Gli immobili sarebbero la necessaria garanzia per le banche. Gli interessi del mutuo sarebbero comunque molto inferiori al milione e 300mila l'anno che gravano oggi sul nostro bilancio. accaduto, per esempio, a Bologna, dove l'amministrazione cittadina ha donato alla fondazione del teatro comunale di Bologna l'auditorium Manzoni e un'area edificabile.
Nell'attesa che queste voci e ipotesi diventino realt, i dipendenti del Carlo Felice scalpitano. Nicola Lo Gerfo, professore d'orchestra e segretario regionale del sindacato Fials-Cisal: Sono preoccupato. Non sar semplice ripianare il deficit. Spero che i soci fondatori trovino un sovrintendente e un consiglio d'amministrazione capaci di traghettare il teatro in questo percorso molto difficile. Reso ancor pi difficile dal nuovo decreto Bondi.
Il 16 aprile il consiglio dei ministri ha approvato la riforma delle fondazioni lirico sinfoniche voluta da Sandro Bondi, ministro ai Beni culturali: un decreto legge, non ancora firmato dal presidente della Repubblica, ma che gi ha sollevato numerose polemiche. La firma del presidente della Repubblica, attesa per questa settimana, potrebbe arrivare oggi o domani, mentre si attende il testo definitivo del provvedimento, limato fino all'ultimo negli uffici di Palazzo Chigi e dei diversi ministeri coinvolti.
Il decreto introduce, tra l'altro, il contestatissimo blocco delle assunzioni a tempo indeterminato fino al 31 dicembre 2012. Com'era prevedibile, i sindacati hanno reagito con una levata di scudi. Annunciando, in caso di promulgazione del decreto, scioperi e occupazioni. Ma anche il sindaco di Genova Marta Vincenzi ha definito quello di Bondi un provvedimento assurdo, che tarpa le ali al Carlo Felice e punta esclusivamente sui tagli.
Giuseppe Ferrazza di idee molto diverse: Il decreto sar il presupposto per il nostro rilancio. A tarpare le ali al Carlo Felice sono semmai i pochi investimenti da parte del territorio. Un chiaro riferimento a Comune e Regione. Nel 2008 i due enti hanno versato nelle casse del teatro genovese, di cui sono soci fondatori, un contributo, rispettivamente, di 1 milione e 5,2 milioni. Nello stesso anno, a Torino, Comune e Regione Piemonte hanno contribuito al bilancio del Teatro Regio donando un totale di oltre 12 milioni e 300 mila euro. Il doppio rispetto a Genova.
Per il teatro lirico di Cagliari gli enti locali sardi hanno contribuito con circa 12 milioni e mezzo. Mentre al Massimo di Palermo sono arrivati addirittura 17 milioni e mezzo. Un confronto impari, e forse discutibile: il Piemonte pi ricco della Liguria, mentre Sardegna e Sicilia sono regioni a statuto speciale e godono quindi di maggiori finanziamenti.
Ma qui dovrebbero entrare in gioco i privati. Il compito di rilanciare il teatro non pu gravare interamente sulle finanze pubblico. Spero - l'auspicio di Ferrazza - che gli imprenditori liguri se ne rendano conto e mettano mano al portafogli.

Fondazioni liriche,la rivoluzione di bondiin quattro mosse
Art. 1 Riconosciuto un particolare interesse nazionale nel settore lirico-sinfonico per il Teatro alla Scala di Milano e l'Accademia nazionale di Santa Cecilia.
Art. 3, comma 1 Il personale dipendente pu svolgere, previa autorizzazione del sovrintendente, attivit di lavoro autonomo nei limiti e con le modalit previsti dal contratto collettivo nazionale di lavoro.
Art. 3, comma 4 Al fine di assicurare la sostenibilit finanziaria delle fondazioni lirico-sinfoniche, a decorrere dal 365esimo giorno dalla data di entrata in vigore del presente decreto, il trattamento economico aggiuntivo dei dipendenti, derivante dalla contrattazione integrativa aziendale, ridotto del 50%.
Art. 3, comma 5 A decorrere dalla data di entrata in vigore del presente decreto e fino al 31 dicembre 2012, alle fondazioni lirico-sinfoniche fatto divieto di procedere ad assunzioni a tempo indeterminato.





news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news