LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BOLOGNA - Via Zamboni rivede le barricate tra violini, trombe e striscioni
FRANCESCA PARISINI
MERCOLED, 28 APRILE 2010 LA REPUBBLICA - Bologna



A turni di dieci lavoratori alla volta lassemblea permanente proseguir da mattina a sera


Lintervento degli uomini della Questura e la richiesta di lasciare la stanza di Tutino


Lucido, come non ti aspetteresti da un clochard belga che per giunta parla un italiano da schifo - ammette lui stesso - , arriva lanalisi puntualissima della giornata: Negli anni 70 era il mondo del lavoro manuale a insorgere, nel 2010 quello dello spettacolo. Dove andremo a finire di questo passo?. Pi barricaderi dei colleghi delle altre fondazioni liriche italiane, i lavoratori del Teatro Comunale di Bologna da ieri sono in assemblea permanente: un presidio composto da cinque a dieci lavoratori sar sempre presente in teatro, impegnando a turno coloro che non sono in produzione in quel momento. Si comincer dalle prime ore del mattino, fino alla sera, allorario di chiusura dellattivit. Il tutto, sino a data da destinarsi.
Lo ha deciso in tarda mattinata lassemblea dei lavoratori, riuniti per discutere del decreto ministeriale che dovrebbe ridisegnare completamente le fondazioni liriche. In massa (erano 141 i partecipanti alla riunione) si sono presentati al primo piano, nello studio del sovrintendente, annunciando linizio dellassemblea con la lettura del decreto, sebbene quella che circola al momento sia solo una bozza non ufficiale. Tempo dieci minuti e il sovrintendente Marco Tutino ha lasciato la sua stanza, accompagnato da un lungo applauso di protesta da parte dei lavoratori, questa volta compatti nelle sigle sindacali.
Per primi in Italia i lavoratori del Comunale di Bologna hanno impugnato gli strumenti a loro disposizione per protestare contro quello che definiscono il decreto ammazza lirica. A suon di tromba, infatti, sulle note della marcia dellAida, dal terrazzo del teatro che affaccia su piazza Verdi hanno comunicato alla citt la loro protesta, tra striscioni contro il sovrintendente (Fuori Tutino da tutti i teatri) e contro il ministro Bondi.
Cos, per una volta la rivolta nel cuore pi caldo della citt non degli studenti. Ma loccupazione una lotta, protestano un paio di universitari davanti ai sindacalisti in posa per la foto ai giornali.
In mattinata era intervenuta anche la Questura, chiamata dalla direzione del teatro. La polizia ha chiesto ai lavoratori di lasciare la stanza del sovrintendente. In giornata lassemblea proseguita nellanticamera della direzione, ma gi da oggi i lavoratori puntano a spostare la protesta nel foyer Respighi, quello che affaccia sulla strada, diviso solo da una vetrata.
Suoneremo, faremo prove e vocalizzi, assicurano i sindacati. Poi assemblee e magari concertini anche in giro per la citt.
Che i lavoratori bolognesi siano tra i pi duri di tutti quelli delle fondazioni liriche, lo raccontano i tanti scioperi, minacciati o mantenuti, ad ogni stagione. Ma c anche un precedente di assemblea permanente. Laltra volta successe nellormai lontano 1992, con Escobar sovrintendente allallora ente lirico bolognese e Margherita Boniver ministro della cultura.
Sempre con un decreto, il Ministero voleva attuare una verifica su organici e produzione artistica, di fatto per sfoltire le fila dei lavoratori. A Bologna tenemmo una assemblea che decise di bloccare tutta la produzione in teatro - ricordano i pi anziani di loro - e come conseguenza ci fu una assemblea nazionale che port a un nulla di fatto del decreto. A distanza di anni, Escobar ci diede ragione.



news

25-01-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 gennaio 2020

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

Archivio news