LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ARCHIVIO DI STATO -120 chilometri di storia italiana
Lidia Lombardi
29/04/2010 IL TEMPO



Due mostre accendono i riflettori sull'Archivio Centrale dello Stato. La storia italiana in 700 mila pezzi, a partire dell'Unit e fin quasi ai giorni nostri.


Cartolina per la festa dei lavoratori. Labirinti di memoria. Centoventi chilometri di documenti. Faldoni sistemati negli scaffali, teoria di date, leggi, nomi, negli spazi metafisici dell'Eur. l'Archivio Centrale dello Stato. Ovvero la storia italiana in 700 mila pezzi, a partire dell'Unit e fin quasi ai giorni nostri. Un pozzo nel quale si immerso, tra tutti, Renzo De Felice, lo storico che ha revisionato il Fascismo. Ma chi varca il portone dell'edificio tutto bianco progettato per l'E42 e realizzato una decina di anni dopo? Cinquanta studiosi al giorno, esperti interessati a compulsare le carte che hanno fatto l'Italia. Eppure i fondi dell'Archivio Centrale sono capaci di suggestionare: dagli originali delle Leggi e dei Decreti (1861-1988) a inchieste parlamentari (a cavallo tra Otto e Novecento); dai pareri del Consiglio di Stato (1848-1920) agli atti di governo; dalle carte del Ministero della Real Casa e della Presidenza del Consiglio (1876-1976) alla documentazione della Corte di cassazione e dei Tribunali militari.

Ci sono le veline della segreteria particolare di Mussolini e i carteggi di politici, militari e artisti. Le vicende di istituzioni soppresse come l'Opera Nazionale Combattenti, l'Ente Eur, l'Iri, l'Enel. Fino ai microfilm della Commissione Alleata di Controllo e del Governo Militare Alleato, agli stemmi araldici o alla lista (oltre 152 mila fascicoli) delle persone considerate pericolose a partire dai tempi di Crispi. Allorch il ferreo primo ministro decise di schedare non solo anarchici, repubblicani e socialisti, ma anche oziosi e vagabondi. Ce n' abbastanza per essere curiosi di questo universo di pezzi di carta sommerso nei fondi del Ministero per i Beni Culturali. E allora due mostre accendono i riflettori sull'algido contenitore, che cos apre a tutti sale e sotterranei. Appunto i 120 chilometri di scaffali. Domani si inaugura Primo maggio tra festa e repressione, promossa dalla Fondazione Nenni in occasione dei 120 dalla nascita della Festa del Lavoro. Racconta dei temerari che nel 1890 cominciarono a celebrare la fatica di portare a casa lo stipendio e dei divieti, violenti, che opposero i vari governi, fino a quello di Mussolini. Il quale abol il Primo Maggio, spostandone un surrogato al 21 aprile, fatalissimo Natale di Roma. L'Archivio fornisce materiali intriganti.

Le bandiere del movimento operaio, una collezione unica nel suo genere. Proviene dalle razzie operate dai fascisti di 300 stendardi delle organizzazioni operaie e contadine e dei partiti. Pezzi di stoffa che sono libri di storia: per i motti e i simboli che recano, perfino per i colori: il bianco dei cattolici, il verde massonico, il rosso e il nero degli anarchici. Dal 7 maggio al 25 settembre, invece, il cortocircuito tra passato e presente. Nelle sale, nei corridoi, negli scantinati le invenzioni di Chiara Dynys, artista italianissima nonostante il cognome. Ecco, all'ingresso, Memoria e oblio, due parole installate sullo scalone come giganteschi blocchi in acciaio di una antica tipografia. Ecco la discesa nei sotterranei con l'icastica frase tracciata su un muro sbrecciato: Il futuro dell'umanit una libreria.

Ecco, alla fine del labirintico percorso, Ad Astra, nel salone centrale: una scala che s'inerpica sul soppalco, sugli scaffali. Su ogni gradino, una scritta mischia eventi massimi e minimi del pasasto. Dice Agostino Attanasio, il Sovrintendente della raccolta dell'Eur: Ospitare opere contemporanee un'assoluta novit per un archivio. Che diventa espressione artistica esso stesso, oltre che oggetto esplorabile da tutti. Ma poi parla dei crucci: La nostra missione la conservazione delle carte.I fondi per assicurarla sono insufficienti nel lungo periodo. Serve il controllo del microclima. Le veline si riducono in polvere, i documenti pi recenti, in carta meno pregiata, rischiano. L'altro nodo la necessit di valorizzare gli spazi. Ma questo compito di Eur Spa, proprietaria dello storico edificio. Chiss se qualcuno ascolter: la storia del quartiere modello di Roma proprio nei faldoni dell'Archivio Centrale.







news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news