LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli - I tesori a rischio
Chiara Graziani
Il Mattino

Nel deserto di una notte d’agosto un ladruncolo ha derubato una cappella votiva del dono ex voto di una pia donna di due secoli fa: un Ecce Homo, un Cristo flagellato di terracotta, notevole per i suoi occhi, dice chi l’ha visto, e per l’affetto dei devoti della zona.
Un seghetto, il ladruncolo ha tagliato la staffa di metallo che chiudeva il cancello: s’ portato via la statua e per giunta anche la staffa di metallo. Il furto stato scoperto alle sette del mattino, quando Raffaele Esposito, custode della cappellina, andato ad aprire per le pulizie.
Raffaele Esposito quella statua l’aveva accudita una ventina d’anni. Il parroco della chiesa di santa Maria di Costantinopoli, don Gennaro Iavarone, gliela aveva affidata. Era accaduto, ricorda don Gennaro, che la Curia s’era rivolta alla parrocchia, poco distante dalla cappella, raccomandando che l’Ecce Homo non restasse abbandonato. Ed io, racconta il sacerdote, chiesi a questo brava persona di prendersi cura del povero Cristo. Raffaele - ricorda don Gennaro - aveva una specie di edicola, proprio l a fianco. Vendeva giornaletti usati ed era assai devoto. Tanto che, quando lo mandarono via, lui continu ad occuparsi dell’Ecce Homo.
Fu quasi naturale chiedere a Raffaele di dare un occhio alla situazione, l dalla sua bottega. Come si affida un bambino ad un vicino che, dice don Gennaro, sai fidato, cos l’Ecce Homo ed il piccolo commerciante s’erano fatti compagnia. Una mattina, dodici anni fa, ricorda sempre il parroco, il custode del povero Cristo trov che qualcuno aveva infilato un bastone fra le sbarre ed aveva portato via la corona di spine. Ma, a parte questo - dice - non era mai accaduto nulla di particolarmente preoccupante. Ed io sono in questa zona da cinquant’anni.
Chi poteva aver mire sull’Ecce Homo? Il valore artistico dell’opera, al momento, si pu calcolare a spanne. Il che non il massimo per avviare ricerche serie negli ambienti giusti. Fondamentale - i carabinieri del nucleo tutela patrimonio culturale non si stancano di ripeterlo - sarebbero una foto ed una scheda dell’opera. Un investigatore non pu correre dietro a tutte le statuine dell’800 (circa) di mezzo metro (circa) di terracotta (forse) e valore incerto. In questo caso non solo la foto non c’ ma, a ieri pomeriggio, nessuno aveva avvertito i carabinieri specializzati in questo genere di furti.
Don Gennaro Iavarone la sua parte l’ha fatta. Prima ha telefonato al 113, poi alla Sovrintendenza: La polizia voleva una foto, volevo chiedere se l’avevano loro. Non ho trovato nessuno, letteralmente. Mi stato spiegato che periodo di ferie.... Ma proprio in periodi come questi che si consumano furti simili. Ai Quartieri spagnoli, in un’estate come questa, fu fatto sparire, alle spalle di una suorina novantenne, il Bambinello di santa Maria Francesca, patrona di Napoli. Un oggetto d’affezione, amato dal popolo. Rubato, probabilmente, da uno sbandatello simile a quello che ha forzato la cappellina di via santa Maria di Costantinopoli.
Per una foto dell’Ecce Homo di via Costantinopoli (e per una sua seria valutazione) bisogner aspettare, nella migliore delle ipotesi, almeno fino a marted dopo Ferragosto. La sovrintendenza, che fece un regolare censimento delle edicole e delle cappellette votive, dovrebbe avere - qualcuno assicura l’abbia senz’altro - tutta la documentazione necessaria ad avviare le ricerche nella direzione giusta. Ma lo sapremo solo al rientro dalle ferie di un funzionario. Raffaele Esposito ha riferito ieri che un signore, del quale non ricorda di pi, si interess a lungo alla cappella, con rilievi e fotografie. Ricorda solo che si parl di un libro.
Al momento si pu di certo dire che il ladro dovrebbe essere qualcuno in cerca di pochi soldi facili. Mi auguro che pubblicando la foto - dice il parroco - i ricettatori riconoscano la nostra statua e non la comperino. Ieri sera la segreteria del sindaco ha contattato il parroco per esprimere il dispiacere del sindaco Iervolino che abita in zona e che, evidentemente, conosce l’Ecce Homo come oggetto di devozione. Ci hanno offerto tutto l’aiuto. Io ho chiesto una mano per la foto dice don Gennaro.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news