LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La citt del sole ha i colori di Legambiente
Angelo Mastrandrea
Il Manifesto

Festambiente occhi puntati sulla qualit dei cibi e sul made in Italy

Gli ambientalisti sono critici con Berlusconi ma dialogano con alcuni ministri. Obiettivo principale: ridurre la dipendenza dal petrolio. Attraverso uno stile di vita sostenibile e scelte politiche diverse da quelle attuali


Se provassimo per gioco ad assegnare voti e bandiere come consuetamente Legambiente fa con mari e coste, comuni ricicloni e sporcaccioni, il massimo dei punti andrebbe agli ingredienti della cena offerta agli ospiti di Festambiente qualche sera fa. Tutto proveniente dai campi sequestrati alla mafia in Sicilia e affidati alla cooperativa intitolata a Placido Rizzotto, sindacalista socialista assassinato nel `49 per il suo impegno nell'occupazione dei latifondi. La stessa cooperativa che ha visto un campo di grano andare misteriosamente al rogo proprio nell'anniversario dell'uccisione del giudice Borsellino. A seguire, in ordine di bandiera, la casa del sole, modello ecologicamente corretto di abitazione perfettamente indipendente dai combustibili fossili. E quelle scelte tanto minimali quanto radicali, come i 20 mila piatti di cellulosa utilizzati, i 150 mila bicchieri, i 10 mila da caff e le 45 mila coppette da gelato tutte in materiale riciclabile. In questo contesto un ministro dell'ambiente come Altero Matteoli fino a qualche tempo fa si sarebbe mosso come un elefante costretto a muoversi, senza romperle, tra le tremila uova biologiche utilizzate per sfamare gli oltre 70 mila partecipanti alla kermesse. Lo ammette anche Angelo Gentili, che ha visto nascere Festambiente, sedici anni or sono, e oggi ne il responsabile: Nel `94, all'epoca del primo governo Berlusconi, non sarebbe stato possibile invitare uno come lui, la gente non avrebbe capito. Oggi invece forse esagerato dire che l'esponente di An rappresenti un punto di riferimento per un'associazione nata a sinistra, come una costola dell'Arci, e che poi ha intrapreso un percorso autonomo che porta oggi il presidente Roberto della Seta a dire che noi, diversamente da altre associazioni amiche, abbiamo fatto la scelta di non identificarci con un'area politica, nonostante la gran parte dei nostri militanti siano di centrosinistra. Ma un interlocutore per Legambiente Matteoli lo sicuramente, tanto che, oltre all'invito a discutere di aree e parchi protetti, ha anche contribuito all'opuscolo di presentazione del festival internazionale di ecologia e solidariet nel parco naturale della Maremma a pochi chilometri da Grosseto. Matteoli sicuramente criticabile perch ha subto i condoni e altre scelte del governo senza andarsene via, continua Della Seta, ma un uomo cortese, disponibile al dialogo e per questo va apprezzato, soprattutto in un governo come questo che indisponibile al confronto.

A Festambiente era stato invitato anche Gianni Alemanno, che per ha declinato la partecipazione. Anche il ministro dell'Agricoltura riscuote qualche consenso tra i militanti dell'associazione, vuoi per la sua posizione contraria all'introduzione degli ogm, vuoi per la tutela del made in Italy.

La politica? A tavola

Se chiedi in giro per i 20 mila metri quadrati dell'Enaoli, l'Ente nazionale orfani lavoratori italiani la cui struttura, dopo 30 anni di abbandono, stata ora data dal comune in concessione a Legambiente fino al 2008 per creare un centro per lo sviluppo sostenibile e per altre attivit legate all'ambientalismo, ti sentirai rispondere che Festambiente la festa della qualit e del made in Italy, appunto. E che il fulcro di tutto l'enogastronomia. Per cui, prima ancora che di protocollo di Kyoto, abusivismo edilizio e condoni, qui sentirai parlare di dop e igp, marchi d'identificazione dei prodotti tipici.

Cerchiamo di far conoscere i prodotti di qualit attraverso le testimonianze di produttori che spiegano come si fa quel vino o quel salame, in modo da avvicinare il produttore al consumatore, spiega Francesco Gentili, responsabile dell'Officina dei sapori, che ogni sera prevede un percorso enogastronomico fatto di incontri a tavola, degustazioni ragionate e il racconto dei luoghi attraverso i suoi prodotti e la sua cucina. Oggi si mangia troppo e male, noi vogliamo insegnare a mangiare meno e meglio, dice ancora Gentili. Per Legambiente un modo di far politica utilizzando un diverso linguaggio, perch l'enogastronomia avvicina i popoli pi delle parole e perch nell'epoca della globalizzazione le persone cos riscoprono i gusti di una volta. Se per gli ambientalisti da Nonna Papera a Porto Alegre il passo non poi cos lungo, figuriamoci da don Ciotti al ministro Alemanno.

No global e legalit

Il prete torinese fondatore del gruppo Abele prima e dell'associazione antimafia Libera poi un vecchio amico dell'associazione, quanto il giudice Giancarlo Caselli. Anche perch quando si va a caccia di ecomostri e scempi edilizi come sta facendo in questi giorni Goletta verde, non si finisce a pestare i piedi esclusivamente a vip come Franco Zeffirelli per la sua villa a Positano, ma anche a palazzinari paramafiosi. Cos come quando si pubblicano i dossier sulle ecomafie. Siamo indipendenti da logiche politiche non per una scelta di immagine o opportunistica, ma perch crediamo che il tema dell'ambiente non si presti a logiche di schieramento, spiega Della Seta. E in effetti, in assenza di una cultura ambientalista strutturata del centrodestra, accade che amici dell'ambiente e della Casa delle libert possano finire negli organismi dirigenti di Legambiente. E' accaduto per il presidente del Parco del Vesuvio Amilcare Troiano, che di Alleanza nazionale, e con il sindaco forzitaliota di Otranto Francesco Bruni. L'importante che si abbia a cuore il rispetto della legalit.

Curioso, per un'associazione che mantiene come presidente onorario il deputato della Margherita Ermete Realacci, ha sfornato la diessina Giovanna Melandri e partecipa con eguale entusiasmo al movimento no global come a quello pacifista. Se ne potrebbe dedurre che c' uno scarto notevole tra la base che scende in piazza contro Berlusconi a ogni occasione possibile e i suoi organismi dirigenti? Per il presidente Della Seta non c' alcuna contraddizione perch nei movimenti noi ci stiamo con le nostre modalit. Il movimento di critica alla globalizzazione un movimento che nella sua straordinaria capacit di contaminare l'opinione pubblica non ha una cifra esclusivamente di sinistra, cos come tra i milioni di persone scesi in piazza per la pace sono convinto che non ci fosse solo gente di sinistra.

L'Ulivo e l'ambiente

All'ingresso della festa, prima di inoltrarsi tra gli stand espositivi di associazioni ed enti locali per poi arrivare, tra striscioni per il diritto alla pace, all'area attrezzata per i bambini dove bandita ogni tecnologia per far posto a giochi di societ rigorosamente manuali e addirittura a un bar a misura di bambino, con il bancone che quasi tocca terra, campeggia una pala eolica, simbolo di un'altra delle battaglie degli ambientalisti. Ci rendiamo conto che con 15 pale del genere i 70 mila abitanti di Grosseto potrebbero guardare la tv e utilizzare il forno?, sbotta Angelo Gentili. E qui casca l'asino, che si chiama effetto serra, o per meglio dire dipendenza dall'energia prodotta dai combustibili fossili, cio dal petrolio. Perch, a detta di Legambiente, rientrare nei parametri di Kyoto sulle emissioni di gas nocivi non sarebbe poi cos complicato. Anzi, il modello di citt e di societ sostenibile ricreato nel parco della Maremma mira a dimostrare ai visitatori, famiglie con bambini, turisti e no global accaniti, come tutto ci sia a portata di mano.

E allora, assodato che il governo Berlusconi stato un pessimo governo per le politiche ambientali, bisogna volgere lo sguardo ai dirimpettai del centrosinistra. Che se, a detta di Della Seta, nel precedente governo hanno espresso il miglior ministro dell'ambiente della storia italiana, il verde Edo Ronchi, hanno tuttavia commesso errori da non ripetere. Come lo scarso dinamismo che ha facilitato i danni del governo Berlusconi, che non ha mai fatto un passo per ridurre la dipendenza dai combustibili fossili e verso le energie rinnovabili. Dunque, cosa chiederebbe Legambiente di inserire in un programma di governo del centrosinistra? Un nuovo piano trasporti, come ha fatto il governo Blair che si posto l'obiettivo di raddoppiare in 20 anni le merci e i passeggeri su ferro; una riforma del fisco che sposti la pressione dal lavoro e dal capitale d'impresa verso le emissioni pi inquinanti; un piano energetico che ci renda meno dipendenti dal petrolio.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news