LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'occasione di Bondi per fare pulizia
Francesco Borgonovo
Libero, martedì 1 giugno 2010

Al ministro Sandro Bondi si deve una grande occasione per la cultura italiana. La famigerata lista dei 232 enti, istituti e fondazioni culturali che - in base alla manovra - avrebbero dovuto essere privati del contributo pubblico è stata stracciata. Nella versione definitiva della legge l'elencone non c'è più: è prevista una riduzione del 50% degli stanziamenti (che diventano quindi circa 10,7 milioni di euro). A decidere dove tagliare sarà il ministro competente, ovvero Bondi medesimo, il quale nei giorni scorsi aveva protestato per essere stato di fatto «esautorato». Una seconda occasione, dunque. Se prima la mannaia cadeva su molti e in maniera un po' indiscriminata, ora il ministro dei Beni culturali ha la possibilità di separare il grano dal loglio, i meritevoli dai viziosi. Ed è una opportunità che non va sprecata. Ecco perché sarebbe bene tenere conto di due aspetti finora trascurati. Primo: la qualità di enti e fondazioni. Secondo: la necessità di defiscalizzare le donazioni dei privati. Non considerando queste due variabili, si rischierebbe di tornare punto e a capo, cioè a spargere soldi (anche se in minor quantità) e a mantenere, accanto ai virtuosi, anche gli enti inutili. Che cosa si intende per ente virtuoso? Facciamo un esempio, che conosciamo bene perché riguarda un collaboratore di questo giornale, ovvero Giuseppe Parlato, presidente della Fondazione Ugo Spinto. Stiamo parlando di un istituto che con 65 mila euro all'anno, un dipendente e un pugno di lavoratori a progetto sforna numerose pubblicazioni; cura alcuni archivi di importanti personalità del Novecento (tra gli ultimi acquisiti c'è quello di Giano Accame); è dotato di una biblioteca importante e specifica; è aperto tutta la settimana e accoglie centinaia di studiosi da varie parti del mondo. Con la precedente versione della manovra, la Fondazione Spirito - di cui è stato presidente anche Renzo De Felice - avrebbe perso ogni contributo e, di fatto, sarebbe andata verso la chiusura.

Ora Bondi ha la possibilità di valutarne le qualità e decidere di conseguenza. Ma giusto per sgombrare il campo dal sospetto che stiamo difendendo amici nostri, diciamo che l'argomento dell'efficienza è sostenuto dagli stessi enti. Altri otto di questi - tra i più attivi (Fondazione Craxi, Società Geografica italiana, Fondazione Istituto Gramsci, Istituto Sturzo, Fondazione Feltrinelli, Fondazione Turati, Fondazione Einaudi e Fondazione Basso) - da tempo dialogano su come stabilire uno standard di eccellenza e, possibilmente, rispettarlo. Ecco, fissando dei parametri - effettivo servizio al pubblico, presenza su internet, autorevolezza - magari in collaborazione con l'Aici (Associazione delle Istituzioni di cultura italiane), si può decretare chi merita il denaro e chi no. Poi c'è un secondo aspetto, fondamentale. Tremonti ha ragione nel sostenere che bisogna tirare la cinghia. Troppo a lungo lo Stato ha sborsato soldi inutili con la scusa della cultura (a beneficio soprattutto degli engagé di sinistra). Se vogliamo che fondazioni e istituti possano iniziare a camminare con le proprie gambe, liberandosi della stampella pubblica, è indispensabile defiscalizzare. Philip Rylands, direttore della Guggenheim Collection di Venezia, ci ha spiegato come funzionano le cose nei due Paesi pi avanzati da questo punto di vista: Stati Uniti e Gran Bretagna. Gli enti sono tutti privati, ma beneficiano «di un sistema di defiscalizzazione che riguarda sia le donazioni che le tasse da pagare». Cioè: i mecenati possono detrarre quanto donano a musei e fondazioni, le quali a loro volta sono libere dal Fisco. Così finanziare la cultura diventa un affare per tutti. «In questo modo», spiega Rylands, «l'aiuto del governo è indiretto e favorisce l'autonomia degli istituti».

In Inghilterra esiste poi un progetto che si chiama Gift Aid, in base al quale «è il Fisco stesso a effettuare una parte della donazione». Vero, in Usa lo Stato sostiene alcuni progetti tramite istituzioni come il National Endowment for the Arts, «ma bisogna fare domanda e sperare che abbia successo. Però è sempre preferibile essere finanziati da un privato che da un politico in cerca di voti, conclude Rylands. Che qui in Italia opera con risorse private e qualche spinta pubblica su singole inizative. «Ma rinuncerei a tutti i contributi se mi tagliassero le tasse. Che sono molte di più dei soldi che ricevo dallo Stato». Forza, ministro Bondi. Tagli anche lei.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news