LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LIGURIA - Il Puc è salvo, per l'Acquasola si vedrà
IL SECOLO XIX 02/06/2010


maggioranza compatta ieri a tursi. anche l'udc ha votato la delibera
Deciso un supplemento di istruttoria per valutare la revoca della concessione edilizia
vincenzo galiano

LA BOMBA PUC - il piano urbanistico comunale cancellato dal Tar per vizi procedurali - è stata disinnescata a tempo di record. Ne è convinta la maggioranza di centro sinistra a Palazzo Tursi. Che ieri, a differenza di gran parte del centro destra, ha potuto tirare un sospiro di sollievo. Anche perché sul caso Acquasola, possibile terreno di scontro preliminare all'esame dell'incandescente pratica Puc, non ci sono state le temute spaccature all'interno della coalizione che sostiene il sindaco. Anzi, è emerso un fronte comune tra Pd e sinistra più estrema per ottenere, grazie ad un apposito ordine del giorno approvato ieri, un supplemento di istruttoria sul progetto del park finalizzato ad un'eventuale revoca della concessione edilizia.
Così, a fine mattinata, il sindaco Marta Vincenzi - alla quale l'annullamento del piano da parte del Tar aveva «tolto il sonno» - ha potuto rilassarsi. In aula, malgrado le tensioni della vigilia e la presenza del comitato "no park", non ci sono state sorprese. È finita come previsto. Forse meglio del previsto perché anche l'Udc, che in Comune è formalmente all'opposizione, ha votato compatto la delibera di giunta tesa a sanare, «ora per allora», l'illegittimità del Puc rilevata dai giudici amministrativi. Alla fine i voti a favore sono stati trenta. Il resto della minoranza, Pdl e Lega, è rimasto in aula senza votare «per senso di responsabilità politica». Unico contrario Gianni Bernabò Brea, esponente de La Destra.
«Abbiamo rinunciato a qualsiasi forma di ostruzionismo - ha spiegato il capogruppo del Pdl, Matteo Campora - per evitare un blocco dell'attività edilizia particolarmente grave in questo periodo di crisi». Non per questo la minoranza ha lesinato critiche all'amministrazione Vincenzi per il terremoto urbanistico innescato dal ricorso al Tar di 19 cittadini contro il progetto di una palazzina tra via Bosio e via Pirandello, ad Albaro. Di qui, la clamorosa sentenza d'annullamento del Puc. «Speriamo che Genova non diventi vittima della vostra palese incapacità», ha detto Campora. «Oggi si apre una stagione di incertezza giuridica ancora maggiore, c'è il rischio di ricorsi a raffica», ha aggiunto Bernabò Brea. «In questa vicenda - affonda Alessio Piana, capogruppo della Lega - la giunta Vincenzi ha le stesse responsabilità dell'amministrazione precedente. Non foss'altro per il fatto che il sindaco era assessore all'Area vasta quando, nel 2003, l'allora primo cittadino Giuseppe Pericu, in seguito a una sentenza del Consiglio di Stato, affrontò la stessa questione di illegittimità del Puc». «Tenendo per sé la delega all'Urbanistica - ha continuato l'esponente del Carroccio - il sindaco ha trasformato questa delicata materia in strumento ideologico, generando storture». Vincenzi, da parte sua, ha illustrato in dettaglio ai consiglieri l'iter della sanatoria: la delibera approvata ieri accoglie come modifiche, e non più come semplici prescrizioni, le indicazioni prodotte dalla Regione dieci anni fa in sede di approvazione del Puc. Diversamente da quanto avvenne all'epoca e come imposto dal Tar, il provvedimento di adozione del piano urbanistico verrà adesso sottoposto alle pubbliche osservazioni. Poi il Puc passerà al vaglio definitivo della Regione. «Abbiamo compiuto un atto dovuto per non spegnere le luci sulla città», è il commento del capogruppo Pd, Marcello Danovaro.
Torniamo all'ordine del giorno sull'Acquasola: nel centro sinistra solo Arcadio Nacini (Sinistra e libertà) ha espresso parere contrario. «Questo documento - ha tuonato Nacini - è una presa in giro perché non blocca i lavori del park». È stato, invece, giudicato «inammissibile», un altro ordine del giorno presentato da Emanuela Cappello (gruppo misto) che chiedeva una revoca immediata del permesso a costruire il parcheggio.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news