LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI - Spettacoli e concerti per tutta la giornata nel vecchio foyer restaurato
CRISTINA ZAGARIA
GIOVEDÌ, 03 GIUGNO 2010 la Repubblica - Napoli

Mozart, Bizet e Vivaldi contro i tagli il San Carlo apre alla città per protesta
La sovrintendente Purchia: "Non si può stare dalla parte di chi colpisce la cultura"


Mozart, Bizet, Schubert, Vivaldi, ma anche Morricone e Nino Rota. Ecco i volti della protesta del teatro San Carlo, contro il decreto Bondi sulle fondazioni lirico-sinfoniche e la manovra economica del governo, che prevede tagli per gli enti culturali. "Porte aperte al San Carlo": i musicisti e i cantanti del Massimo napoletano, con le associazioni sindacali, hanno aperto il teatro alla città con spettacoli e concerti per tutta la giornata.
E Napoli ha risposto entusiasta. All´entrata un dipendente del teatro distribuisce volantini colorati con la lettera aperta al ministro e sul retro il programma della giornata, che si apre in mattinata con un quintetto d´archi, che suona il Requiem Kv 626 di Mozart, e si chiude, nel giorno della festa della Repubblica con "Va pensiero" del "Nabucco" di Verdi, inno scelto dai lavoratori del San Carlo come colonna sonora della loro protesta. Lo avevano eseguito anche due settimane fa durante la prima manifestazione di protesta, con il concerto itinerante per la città.
I concerti sono nel vecchio foyer restaurato. Centinaia i cittadini e i turisti che rimangono ore seduti a godersi la musica, o che approfittano del teatro aperto per visitare le sale del San Carlo restaurato durante il commissariato di Salvatore Nastasi. Tantissimi gli stranieri: giapponesi, francesi, tedeschi. Molti anche i napoletani. Tra i corridoi del San Carlo anche la prima sovrintendente donna del teatro, Rosanna Purchia, che ha scelto di appoggiare la protesta dei lavoratori, perché «non si può mai stare dalla parte di chi colpisce la cultura».
«Se il decreto verrà convertito così com´è - spiega Michele Maddaloni, segretario regionale della Uilcom-Uil e dal 1983 tenore nel coro del Massimo napoletano - saranno bloccate le assunzioni fino al 2013, decurtati gli stipendi del 40 per cento e riportati gli organici ai livelli del 1973. Non si incentiva l´ingresso dei privati nelle fondazioni. La Scala di Milano, che ha grandi contributi extra-istituzionali, potrà raccogliere ancora più fondi. Questo per noi è federalismo culturale».
Nel frattempo, aggiunge il segretario generale della Federazione italiana autonoma lavoratori dello spettacolo (Fials-Cisal), Michele Spizzica, «gli enti locali continuano a pagare i contributi in ritardo, versando nel 2010 quelli del 2007. Il decreto non fa altro che far pagare ai lavoratori il malfunzionamento della politica».
Ecco contro cosa protestano coristi, musicisti e danzatori. Ma al San Carlo invece di incrociare le braccia prendono i loro strumenti e suonano Debussy, Mozart e Schubert. Manifestano contro i tagli con l´arte e la cultura.
Al mattino programma classico. Nel pomeriggio la "Horns Ansemble" ha riproposto le colonne sonore dei lungometraggi che hanno fatto la storia del cinema, da "C´era una volta in America" a "La vita è bella", passando per "Schindler´s list" e "Per un pugno di dollari". In serata l´orchestra del San Carlo ha concluso la giornata di protesta con brani della "Traviata" di Verdi, dei "Carmina Burana" di Orff e di Wagner.
«Che bello vedere il foyer pieno di gente - commenta Raffaele Di Donna, un flautista dell´orchestra - e capire che è sufficiente aprire i teatri per ottenere un grande successo. Li tengono chiusi e poi ci accusano di essere dei fannulloni. Tagliano i fondi perché rappresentiamo il 78 per cento delle spese del teatro. Sarebbe come meravigliarsi di dover pagare un´autista per far viaggiare un autobus».



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news