LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VILLAFRANCA. Castello, degrado ai giardini. Il Comune ha le mani legate
Giovedì 03 Giugno 2010 PROVINCIA Pagina 25 L'ARENA





Panchine rotte, reti divelte e ormai la manutenzione ordinaria non basta più. I vandali primo problema




Zamperini: «Ci sono due progetti ma non è semplice intervenire» La zona è sottoposta al vincolo e ai pareri della Soprintendenza

Il degrado ai giardini del castello avanza. Ma il Comune, per riqualificare l’intera area, dovrà prima ottenere il benestare della Soprintendenza ai beni architettonici.
La sistemazione della zona verde pubblica, allestita nel dopoguerra tra la cinta est del maniero e via Roma, è un problema di cui, in municipio, si discute da tanto tempo.
Basta una passeggiata nei giardinetti per notare che i piccoli interventi di manutenzione, eseguiti dall’amministrazione, non sono più sufficienti a mantenere lo spazio in condizioni ottimali.
Nell’area del monumento agli artiglieri, il cannone è da anni coperto dalla ruggine. Una patina nera sta cominciando a rivestire la statua di Santa Barbara, pulita solo un paio di anni fa. Gli schienali di diverse panchine sono privi di stecche di legno e quelle rimaste sono state imbrattate dai vandali. La recinzione che separa il parco giochi dagli spazi per le passeggiate è stata abbattuta in diversi punti. Le aiuole, in alcuni tratti, sono prive di siepi. I cestini, talvolta, sono stracolmi di rifiuti e il monumento agli alpini caduti in Russia meriterebbe una ripulita.
Nascosto dietro al bassorilievo in marmo, all’ingresso dei giardini, c’è il busto di Vittorio Bozzi, l’alpino a cui è intitolato il parco pubblico. Il piccolo monumento, dopo tre anni, non è ancora stato spostato vicino alla baita degli alpini, come era previsto.
Nicola Terilli, consigliere dell’Unione di centro (Udc) ha invocato in assemblea la sistemazione dei giardinetti. «Sono sollecitato in maniera costante da molte mamme che frequentano il parco del castello», ha spiegato, «e si lamentano delle condizioni in cui versa. Mi hanno chiesto di attivarmi con l’assessore al patrimonio Luca Zamperini perché metta in moto la riqualificazione».
Zamperini ha concordato sulle condizioni poco decorose dello spazio, ed ha rivelato che è in fase di studio una soluzione radicale. Anche se si profilano tempi lunghi per realizzarla.
«Lo stato dei luoghi è sotto gli occhi di tutti», ha ammesso l’assessore, «poiché da molti anni non sono all’altezza della posizione centrale e dei fruitori, che sono soprattutto famiglie con bambini. È necessario un intervento significativo che dovrà essere approvato dal Consiglio». Depositate all’ufficio tecnico ci sono due proposte per l’abbellimento dell’area. Zamperini non ne rivela il contenuto, poiché sono tutt’ora al vaglio dell’amministrazione. «Uno dei due progetti è stato proposto dall’Università Ca’ Foscari di Venezia», ha osservato, «ed è un masterplan, cioè un piano di indirizzo, che abbraccia non solo la zona esterna dei giardini, ma anche il castello e il suo interno». Prima di dare indicazioni sui lavori da avviare, il Comune incontrerà il soprintendente ai beni architettonici di Verona Andrea Alberti.
Zamperini ha osservato: «Adottare proposte non è facile come per gli altri parchi comunali. In altre condizioni avremo risolto il problema con nuove pavimentazioni e una diversa distribuzione di aiuole, piante e spazi per il gioco. La vicinanza del castello ci impone l’adeguamento di ogni progetto ai dettami della Soprintendenza».
L’assessore ha assicurato che, nel frattempo «realizzeremo, entro l’anno gli interventi minimi per garantire la fruibilità dei giardini, come la sostituzione delle attrezzature deteriorate, la nuova recinzione e la riparazione dei percorsi pedonali vicini all’auditorium». Per lo spostamento del busto di Bozzi occorrerà attendere il nulla osta della Soprintendenza regionale ai monumenti militari.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news