LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MILANO - Un cubo nero per mostre d´arte al posto del monumento a Pertini
ORIANA LISO
VENERDÌ, 04 GIUGNO 2010 LA REPUBBLICA - Milano


Il gallerista Cardi ha già mostrato informalmente il progetto a Letizia Moratti, che lo trova "bellissimo"


In via Croce rossa, con l´ok del sindaco e di Armani



Venti metri di lato e alto più piani, sarebbe sede della "Cardi Black Box" socie Barbara Berlusconi e Martina Mondadori
Opera di Aldo Rossi, la monumentale fontana di marmo è oggetto da anni di polemiche e di richieste di spostarla altrove



Non più, quindi, il cubo fatto dello stesso marmo che riveste il Duomo, bersaglio da sempre di polemiche accese, ma una scatola nera che dovrebbe dominare lo spazio tra via Manzoni e via Giardini: è così che Cardi , la terza figlia del premier e l´altra socia fondatrice di "Cardi black box", Martina Mondadori (figlia di Leonardo) vogliono la futura sede della particolare - e ben introdotta - galleria d´arte contemporanea da un anno aperta in corso di Porta Nuova.
Più di un´idea, quella della galleria che sfratta il monumento per diventare un polo di attrazione della Milano dell´arte, della cultura, dell´alta società: perché i giovani imprenditori hanno già incontrato tre volte l´assessore alla Cultura Massimiliano Finazzer Flory, portandogli rendering e piani finanziari del progetto. E durante una serata mondana nella sede attuale della galleria la proposta è stata avanzata direttamente al sindaco Moratti che, come il suo assessore, l´avrebbe trovata molto interessante, anzi «bellissima», raccontano i testimoni dell´incontro. Giudizio espresso anche da un possibile sponsor d´eccezione del "cubo nero": Giorgio Armani, che ha le vetrine del suo show-room che si affacciano proprio sulla piazzetta dominata dal monumento, ormai coperto da ponteggi da più di un anno. Non l´ha mai amato, quel monumento che da sempre attira fatalmente i piccioni e le cartacce: e già alcuni anni fa lo stilista aveva lanciato l´idea di spostarlo, offrendosi di trovargli una dimora alternativa.
Ora lo stilista avrebbe sposato il progetto del giovane Cardi, che con la sua galleria amata anche dai vip fa oltre 5mila visitatori al mese. E si sarebbe detto pronto a finanziare il cubo: 3 o 4 piani da 400 metri quadri l´uno (la base misurerebbe venti metri per venti), spazio per le opere d´arte ma anche bookshop, area wi-fi, un caffè, magari proprio legato a quello di Armani che affaccia sulla piazzetta. Una sorta di "Kunsthalle", sulla scorta delle esperienze del nord Europa, aperta tutti i giorni dalle 9 alle 23.
Nonostante le buone entrature dei soci della galleria e la sicurezza economica degli investimenti, per ora il progetto è ancora fermo in attesa negli uffici, condividendo questa sorte con un altro cubo, quello che la Apple vorrebbe realizzare come suo primo store milanese. E se il colosso dell´informatica, dopo il no su piazza Duomo, si sta orientando verso altri luoghi della città, anche la Cardi black box ha proposto due indirizzi alternativi: davanti al Castello (dove a Natale c´era una maxi installazione di Led) e in piazza Meda, sopra il nuovo parcheggio.
Bisognerà capire, ora, come muoversi in una situazione delicata: perché, se è pur vero che l´opera di Aldo Rossi dedicata al presidente-partigiano subito dopo la sua morte ha suscitato nel tempo molte critiche (le cronache raccontano delle incursioni provocatorie contro il cubo di Stefano Zecchi e dell´aennino Staiti di Cuddia), di certo è difficile immaginare uno sgarbo alla memoria di uno dei presidenti più amati dagli italiani. Così, negli uffici del Comune interessati al possibile avvicendamento tra i cubi, si pensa a una collocazione diversa dell´opera di Rossi donata alla città dalla Mm, magari nel futuro quartiere di Porta Nuova (anni fa il vicesindaco De Corato, non proprio un fan dell´opera, aveva proposto di spostarlo al Corvetto). Decisioni che comunque dovranno aspettare lo scioglimento di un altro nodo: il monumento doveva essere restaurato assieme ad altri dalla Impredcost, la società che aveva ottenuto l´appalto dal ministero dei Beni culturali in tutta Italia. In realtà è impacchettato inutilmente da mesi, visto che i lavori si sono fermati. Il Comune, stanco di aspettare, ha deciso di riprendersi il cantiere del monumento e di terminare in proprio il restauro: martedì i giudici del Tar discuteranno il ricorso della società, che chiede continuare i lavori e di riavere il permesso - ormai scaduto - di piazzare sui teloni del cantiere manifesti pubblicitari.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news