LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PORTOFERRAIO. Povera Elba, questi isolani distruggono tutto
VALENTINA LANDUCCI
IL TIRRENO 4 GIUGNO 2010


La soluzione finale per l’Elba? L’importazione di 28mila montenegrini sull’isola in grado di risanare l’isola dal cemento e dagli abusi e... l’esportazione di tutti gli elbani in Montenegro, per tutto il tempo necessario allo scopo di salvare il territorio dai danni che gli stessi residenti avrebbero commesso in questi anni.
La proposta, fortunatamente scherzosa, è del presidente del Parco dell’Arcipelago, Mario Tozzi. Chissà se gli elbani la prenderanno a ridere quando la leggeranno nel volumetto “Nel nome del Parco, un anno sull’Arcipelago” pubblicato dal geologo e divulgatore scientifico a tre anni dalla sua nomina alla presidenza. Centocinquanta pagine di denuncia dell’atteggiamento degli isolani, amministratori compresi, e più in generale degli italiani nei confronti dell’ambiente.
Le prime reazioni dei sindaci sono tutt’altro che divertite. «Maleducato e irrispettoso» lo bolla il sindaco di Porto Azzurro, Maurizio Papi. «Se all’Elba ci sta così male - gli fa eco il primo cittadino di Marciana Marina, Andrea Ciumei - nessuno gli chiede di restare». Ma il vero problema è un altro. «Generalizzare non fa altro che rendere difficili i rapporti con gli elbani - spiega il sindaco di Portoferraio, Roberto Peria - favorendo chi, invece, davvero intende speculare ai danni dell’ambiente».
Perché proprio alla speculazione, all’ignoranza, alla malafede Tozzi attribuisce la contrarietà degli elbani alla presenza del Parco. Il geologo racconta di un’isola affetta da «bulimia costruttiva» dove «ho toccato con mano la quantità di abusi perpetrati sul territorio e ho visto i magazzini degli attrezzi trasformati in seconde case, che all’Elba superano la cifra enorme di 20mila, con incrementi locali del 400 per cento in concomitanza dei condoni». E ancora di territorio dove durante l’estate «come messicani, gli elbani dormono in amache di fortuna e si ritirano in pochi metri di stanza pur di far fruttare ogni millesimo di proprietà».
Un’Elba «dalle grandissime potenzialità, nonostante tutto», scrive il geologo, ma che distrugge se stessa, è affetta da un male - se può consolare gli isolani - italico.
Certo, non tutti sono cemetificatori, non tutti seguono - come spiega Tozzi - il modello del turismo di Rimini o di Ischia. C’è chi ha capito che «l’isola è a un bivio: o la qualità ambientale o il collasso e la consegna del proprio territorio alle infiltrazioni mafiose». E per evitare il collasso, ribadisce il geologo, la strada è solo una, quella offerta dal Parco. «Se non ci fosse il Parco - scrive - l’Elba assomiglierebbe già a Malta, un inferno di strade e cemento dove pure le spiagge sono ormai artificiali, gli alberghi hanno duemila camere e il tempo si trascorre solo in piscine affollate non riuscendo neppure a vedere il mare. Non è una questione di miopia, ma soprattutto di ignoranza».
In tutto questo l’Elba non è che un esempio. Perché lo sguardo di Tozzi è sull’Italia dei parchi, poveri e contestati. Un «ex Belpaese» come lo definisce, dove «ogni secondo che passa un metro quadrato di territorio viene ricoperto di cemento, per un totale di 250mila ettari di cemento e asfalto all’anno». Dunque gli elbani non se la prendano troppo «se ho messo in luce - conclude Tozzi - alcuni aspetti negativi, perché ce ne sono moltissimi positivi, ma quelli li sanno tutti. E non abbiano paura: lo scambio con i montenegrini quasi certamente non si farà».



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news