LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

«La Grande Brera, una sfida da vincere Progetto europeo per i nostri capolavori»
a. st.
Corriere della Sera – Milano 5/6/2010

Gelmini: rilancio atteso da trent'anni. «Il direttore Mariani ha dimostrato grande senso di responsabilità nell'accettare il confronto sul progetto», dice il ministro dell'istruzione, Mariastella Gelmini
Il Fai e Italia Nostra: una svolta.

«Avanti senza strappi». Il ministro Mariastella Gelmini detta l'agenda dei lavori ed è una road map delicata, anzi, «una sfida nient'affatto semplice». E un'impresa che Milano rincorre da oltre trent'anni, la Grande Brera, l'«ampliamento» fuori dal quartiere, non uno sfratto, né un divorzio, ma una nuova condivisione dei beni. L'Accademia resterà parzialmente nel palazzo storico (direzione, chiesa di San Carpoforo e teatro) ma sposterà la didattica in 20 mila metri quadrati nell'ex caserma di via Mascheroni; la Pinacoteca crescerà e sarà rivoluzionata negli spazi liberati. Tra il 2011 e l'Expo. «Il direttore Mariani ha dimostrato grande senso di responsabilità nell'accettare il confronto sul progetto», commenta il ministro dell'Istruzione: «Voglio rassicurare studenti e docenti, la nuova sede diventerà un punto chiave della cultura milanese. Con spazi adeguati, moderni. E’ una sfida che possiamo vincere insieme». La svolta sulla Grande Brera un caso cronico, studiato fin dal 1976, ogni volta affrontato e abbandonato è arrivata ieri. Il direttore dell'Accademia, Gastone Mariani, protagonista di uno scontro con il presidente Gabriele Mazzotta, ha scritto una lettera al Corriere: «L'Accademia è disponibile a trasferire la maggior parte della sua didattica nella nuova sede», cioè il distretto militare «Magenta». Mariani è «disponibile», adesso, perché gli spazi di Brera 2, in via Mascheroni, sono arrivati a 20 mila metri quadri, dai 7 mila di partenza. Spazi per aule, laboratori, mensa, auditorium, alloggi. Restano da trattare tempi, modi e costi del trasloco. Secondo una prima stima, il prezzo di Brera 2 si aggira sui 30 milioni di euro: la caserma va interamente riprogettata e il ministero ha chiesto un parere preliminare all'architetto Mario Bellini, già incaricato del restyling della Pinacoteca. C'è la svolta, comunque. «E’ il passo avanti che auspicavo da tempo», interviene Ilaria Bui- toni Borletti, presidente del Fai: «Mi pare che non si parli più di dividere Pinacoteca e Accademia, una a discapito dell'altra, o di spaccare Brera. Ma di allargarla ad altre parti della città. Spostare le aule dell'ateneo in una sede più consona e grande va tutto a vantaggio dell'attività didattica. Contemporaneamente, il museo avrà lo spazio che merita». Naturalmente, conclude Buitoni Borletti, «adesso bisognerà trovare le risorse. E mi auguro che Milano risponda con uno scatto di orgoglio e senso civico». Le Belle arti, aggiunge Alessandra Mottola Molfino, presidente di Italia Nostra, «si inseriranno in un grande spazio culturale tra la Triennale e Santa Maria delle Grazie. Mi permetto solo di dare qualche suggerimento per la riqualificazione della Pinacoteca: va recuperata la chiesa del XII secolo di Santa Maria di Brera, con gli affreschi di Giusto de' Menabuoi, e il nuovo percorso di visita dev'essere pensato in sinergia, non in concorrenza, con villa Belgiojoso Bonaparte (impreziosita anche dai depositi di Brera), coi musei civici e la nuova collezione del Museo del Novecento all'Arengario». Nota a margine: il palazzo storico di via Brera ha bisogno di restauri urgenti, a prescindere dal futuro. Il tetto della Biblioteca Braidense fa acqua, trasuda umidità: il Fai ha organizzato un'asta di vini, martedì prossimo, per finanziare i cantieri.

Stefano Zecchi
«Bene, ma la Bovisa era la scelta migliore»

«Bene l'accordo sulla caserma di via Mascheroni. Ma il trasferimento alla Bovisa sarebbe stata la soluzione migliore». Era quella a cui lavorò lei, da presidente dell'Accademia, con gli ex ministri Urbani e Moratti. «Io sono per i poli universitari decentrati, i campus all'americana e alla francese». Stefano Zecchi, docente di Estetica alla Statale, ha guidato le Belle arti dal 2002 al 2007: «Un intervento sugli spazi per la didattica è urgente e indispensabile». Il direttore dell'Accademia ha garantito piena disponibilità a trattare sul progetto. «Finalmente! Anche i riottosi docenti di Brera hanno capito la necessità del trasloco». Ma lei avrebbe preferito la Bovisa... «Sì, vicino al Politecnico. Gli insegnanti, lì, avrebbero lavorato con altri insegnanti, gli studenti assieme ad altri studenti…». Ora anche la Pinacoteca potrà crescere. «Dev'essere assolutamente valorizzata: è uno dei musei più ricchi e importanti al mondo. E ha un'utenza risibile».

Gabriele Mazzotta
«Ora basta veleni E più trasparenza»
Se l'aspettava questa svolta su Brera 2? «Onestamente no. Ma posso dire un cosa?». Prego. «Lavoro a questo progetto da due anni, ormai, e l'apertura della direzione dell'Accademia è un punto cruciale». Gabriele Mazzotta presiede il Cda delle Belle arti dall'ottobre 2007, indicato dal ministero dell'Istruzione: «Infatti, negli ultimi mesi, non ho badato a veleni, polemiche e mozioni di sfiducia. Io rispondo solo a Roma: avevo una missione, la Grande Brera, e la porterò fino in fondo». Il suo mandato scadrà alla fine di ottobre. «Prima, spero, firmerò l'accordo per tenere viva la presenza dell'ateneo nel palazzo storico, trasferire la didattica e accorpare la sede di viale Marche. E’ la scelta giusta”. Lo dirà anche al Cda di lunedì? «Dirò questo, ma non solo. Adesso bisogna riscrivere il regolamento per il patrimonio artistico dell'Accademia e fare il punto sul bilancio. A Brera è tutto un rimpallo di cariche, sembra un'operetta, sembra il Paese dei campanelli... Serve trasparenza».




news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news