LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il Risorgimento dei pittori. Da Lega a Fattori: i Macchiaioli raccontano la nascita dell’Italia
ANTONELLA SERAFINI
DOMENICA, 06 GIUGNO 2010 IL TIRRENO - Spettacolo



Le guerre d’indipendenza e i campi di battaglia al Palazzo Mediceo di Seravezza

SERAVEZZA. Una cucitrice seduta, nella penombra di una stanza disadorna, è illuminata dal cono di luce che giunge da una finestra aperta sui tetti e sul cielo. Gesto e posa consueti nel genere, pacata e serena la giovane sembra attardarsi in un banale gesto quotidiano... ma non è esattamente così: lei la nostra “Marianna”.
Uno sguardo più attento, attratto dal grande scampolo rosso di stoffa che tiene in grembo, scopre sul tavolo di fronte a lei un tessuto bianco e uno verde, appena illuminati eppure dentro il fascio di luce.
I titolo del quadro sgombra alla fine ogni dubbio: “26 aprile 1859”, data d’inizio della seconda guerra d’indipendenza. Odoardo Borrani dipinge così uno dei simboli migliori del Risorgimento Italiano.
Una nazione costruita, “cucita” insieme pezzo per pezzo, territorio dopo territorio, un popolo che esce lentamente dall’anonimato del buio alla luce della sua identità e della sua Storia.
Gli ultimi lustri hanno costretto ad una verifica di questa storia data per decenni come scontata, eroi e martiri che sembravano acquisiti per sempre sono ora contestati, quanto meno messi in discussione, eppure la fanciulla che cuce in quel piccolo rettangolo di tela, proprio con la sua calma e compostezza appare una delle voci più autorevoli per testimoniare il progetto risorgimentale e il sentimento tanto tranquillo quanto deciso che lo determinò.
Poco lontano da lei, in una grande sala del Palazzo Mediceo di Seravezza che ospita la mostra, un grande plastico riproduce il campo di battaglia, le forze in campo e i loro movimenti strategici.
Prove documentarie della ricostruzione i grandi quadri appesi alle pareti, testimonianze oculari di quei giorni gloriosi e drammatici dove la “meglio gioventù” di allora non esitò a combattere per il proprio ideale fino alla morte. Fra di loro gli studenti toscani delle università di Pisa e di Siena, artisti e intellettuali provenienti da tutta Italia, quegli stessi che con i loro poemetti e i loro quadri raccontarono poi quel che avevano fatto e quel che avevano visto.
E così la rassegna si snoda di sala in sala narrando gesti di battaglia e di accampamenti, ritratti di eroi noti e sconosciuti, ultimi abbracci fra teneri fidanzati o fra nonni e nipoti, campi e marine, “sacri suoli” per cui “o vincere o morire”.
Oltre cento opere di cinquanta artisti, fra cui Telemaco Signorini, Silvestro Lega, Domenico e Girolamo Iduno, Gioacchino Toma, Vincenzo Cabianca, Filippo Palizzi, e un florilegio di opere di Giovanni Fattori.
“L’aspetto più importante della mostra - spiega il curatore Enrico Dei - è il Risorgimento raccontato dai Macchiaioli, uno dei movimenti più importanti dell’Ottocento europeo nato proprio in Toscana. Molti di loro hanno indossato la divisa testimoniando poi con la loro arte i fatti del periodo regalandoci la vera iconografia di quei momenti così fondamentali per la nostra storia”.
Il titolo “Italia sia! Fatti di vita e d’arme del Risorgimento italiano” ben sintetizza il senso della mostra. Organizzata dal Comune di Seravezza e dalla Fondazione Terre Medicee con la collaborazione della Fondazione Spadolini, Nuova Antologia di Firenze, è stata realizzata con il patrocinio e il contributo del ministero dei Beni culturali, Regione Toscana, provincia di Lucca, Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, Banca della Versilia e della Lunigiana ed Henraux.



news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news