LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ASCOLI - Il piano di rilancio di Colle San Marco
06 GIUGNO 2010, CORRIERE ADRIATICO



Fra pochi giorni la Regione cederà la foresteria e gli impianti sportivi del centro Franchi


Ascoli Finalmente è tutto pronto per la stipula dell’atto con il quale la Regione trasferirà alla Provincia la proprietà del centro sportivo Franchi e della foresteria sul Colle San Marco. Per la firma dal notaio si dovrà attendere qualche altro giorno in attesa che la Regione deleghi il dirigente che dovrà sottoscrivere il rogito. Fino ad ora tutto era rimasto bloccato in attesa dello svolgimento delle elezioni ed il conseguente rinnovo del presidente e del consiglio regionale ed la eventuale rotazione dei dirigenti. Con la nomina della giunta e l’insediamento degli assessori, a questo punto non sembrerebbe esserci più ostacoli. Nel corso della prossima settimana dovrebbe essere rilasciata la delega al dirigente che si recherà ad Ascoli per sottoscrivere il rogito che verrà stipulato dal notaio Marina Calabrese.

Sta per calare il sipario dopo anni su una vicenda rimasta per troppo tempo bloccata a causa di pastoie burocratiche. Già nel mese di ottobre tutto sembrava pronto per il trasferimento dei beni ma per procedere al passaggio di proprietà era necessario il documento di valutazione di interesse culturale da parete della Sovrintendenza per quanto riguardava la foresteria in quanto esso rappresenta un bene tutelato poiché costruito oltre 50 anni fa. Insieme con la foresteria e gli impianti sportivi del centro Franchi, diverrà di proprietà della Provincia anche tutta la pineta circostante. Il presidente Piero Celani, a pochi giorni dal suo insediamento a Palazzo San Filippo, effettuò una ricognizione dei beni di proprietà dell’amministrazione provinciale e manifestò l’intenzione di riqualificare tutta la zona del pianoro. L’intenzione è quella di procedere ad una radicale trasformazione della foresteria che dovrebbero essere destinata ad ospitare un centro di accoglienza turistica da tenere aperto tutto l’anno. Ma l’opera di razionalizzazione dell’offerta turistica sul Colle San Marco, oltre per una riqualificazione dell’intera area, troppe volte annunciata e fino ad ora mai realizzata, passa anche attraverso il recupero dei campi da tennis che, trasformati in impianti polivalenti, rappresenterebbero una valida offerta che potrebbe favorire la frequentazione dell’intera zona. Un’offerta per i potenziali turisti che potrebbe essere completata qualora andasse definitivamente in porto anche il piano di rilancio che non può prescindere dal Cotuge. Ma il Consorzio turistico dei Monti Gemelli sta attraversando un momento difficile considerata la volontà, più volta espressa e fino ad ora fortunatamente scongiurata, della Provincia di Teramo di uscire dal consorzio. Alla vigilia di Natale dello scorso anno il consiglio provinciale procrastinò la decisione di un anno in attesa di conoscere dal presidente del Cotuge Camillo D’Angelo i piani di sviluppo futuri. Un futuro che secondo D’Angelo non può più prescindere dal coinvolgimento dei privati.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news