LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SIRACUSA - Una pacifica marcia di protesta per salvaguardare Punta Mola
06/06/2010 LA SICILIA - SIRACUSA


«Bisogna fermare il progetto speculativo - ha detto
il consigliere provinciale Acquaviva - per il devastante impatto sul paesaggio»


Quel che sta per avvenire ha i contorni di una catastrofe, peraltro concepita scientemente, dunque annunciata. Parliamo dell'edificazione di un villaggio turistico e di un numero spaventoso di abitazioni private in zona a ridosso della riserva Plemmirio, tra Punta Mola e Punta Tavolo. Ieri mattina, proprio a Punta Mola, costa tra le più intense, fragili e vincolate, hanno spiegato i termini dell'ennesima offesa pubblica rappresentanti delle associazioni Grilli Aretusei (Andrea La Monica), Natura Sicula (Fabio Morreale), centro studi Davide contro Golia (padre Rosario Lo Bello), Legambiente (Paolo Tuttoilmondo), Plemmyrion (Marcello Lo Iacono); presenti inoltre il consigliere provinciale Alessandro Acquaviva ed Ettore di Giovanni di Sinistra Ecologia e Libertà.
Un progetto che, come ha ben spiegato Paolo Tuttoilmondo di Legambiente, rientrebbe in vecchie prescrizioni del Prg, per intenderci quelle che adottò una certa politica, la politica del sacco di Siracusa. Malgrado negli anni le stesse prescrizioni, che inserirono zone come punta Mola o Punta Tavola nel Prg, siano state ridiscusse alla luce del vincolo paesaggistico imposto dalla soprintendenza in quell'area o dell'istituzione dell'area Marina Protetta. Non è servito a molto evidentemente.
«L'area rientra nel Sic, sito di interesse comunitario - spiega Morreale - Tutti i progetti dentro il Sic devono essere soggetti a valutazione di incidenza strategica e, se il progetto lede qualcuna delle specie individuate dal formulario del Sic, può non essere approvato».
Non c'è stata alcuna valutazione, per inciso. A Punta Mola, siamo in area archeologica oltretutto (ci sono necropoli, fornaci, latomie, terraie), c'è una forte presenza di archeologia bellica (vedi case matte), c'è un'immenso ecosistema costiero che è in sinergia con quello marino.
«Non si può tutelare quest'ultimo - ha aggiunto Morreale - e calpestare il primo».
Padre Rosario Lo Bello ha osservato: «Il sito, tra Punta Mola e tutta la costa, deve essere salvaguardato a motivo della fauna e anche per un fatto economico».
«Abbiamo chiesto sei varianti al Prg - afferma Andrea La Monica dei Grilli Aretusei - ora attendiamo risposte chiare e veloci. E' pericoloso quanto affermato dal sindaco che ha detto: fino a quando non ho proposte, faccio passare tutto quel che è previsto nel Prg. Non è un mero esecutore. Ancora non abbiamo capito qual è l'indirizzo della sua Giunta, quale posizione vuole prendere».
«Bisogna assolutamente fermare il progetto speculativo - ha rimarcato il consigliere provinciale Alessandro Acquaviva - per il devastante impatto sul paesaggio, ma anche per una questione economica. Il modello turistico del villaggio è un modello fallimentare, incompatibile con il modello cosiddetto diffuso (b&B, agriturismi). Il primo tende a capitalizzare la domanda, lasciando briciole al resto; il secondo è quello più giusto, che rispetta il nostro patrimonio».
«Questa cementificazione non serve al nostro sviluppo economico - ha ribadito Ettore Di Giovanni - basti pensare ai risultati del villaggio all'Asparano».
Punta Mola rappresenta ancora l'inviolabilità dei nostri diritti, la natura, il mare incontaminato, i percorsi di erbe aromatiche, gli odori, gli ultimi rimasti su cui incombe l'ennesimo crimine.
Veronica Tomassini




news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news