LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA: Crypta Balbi ecco le novit dopo i restauri
Adriano La Regina
La Repubblica 21-AGO-2004


E' ormai finito il restauro del prospetto esterno degli edifci che su'via delle Botteghe Oscure formano un isolato sorto sugli imponenti resti architettonici della Crypta Balbi, tra via Caetani e via dei Polacchi.

Con la ripresa dei lavori ai primi di settembre, quando verranno smontati i ponteggi, la strada apparir impreziosita dalla facciata di un palazzo medievale rinvenuta sotto una coltre di intonaco del primo Novecento.

peraltro da poco aperto al pubblico un nuovo percorso sotterraneo che consente di vedere anche la parte inferiore di una torre costruita intorno all'anno 1100.

La facciata di cui stato possibile il recupero appartiene ad un edificio del XII secolo costruito con mattoni asportati da strutture antiche, probabilmente della Crypta di Balbo, e murati con l'eleganza propria delle maestranze del Medio Evo avanzato.

Mantiene chiaramente leggibili le tracce delle finestre originali, tamponate e sostituite da quelle rinascimentali, il palazzo costituito da pi corpi di fabbrica e ingloba tra l'altro due torri, non visibili dall'esterno, di cui una conservata su due livelli fino all'altezza del primo piano dell'edificio che si affaccia sulla via delle Botteghe Oscure.


Balbi originariamente costituito da una grande piazza delimitata dal porticato quadrangolare retrostante il teatro di Balbo, il terzo teatro di Roma antica in ordine di grandezza dopo quelli di Pompeo e di Marcello,ha sede il museo dedicato a Roma nella Tarda Antichit e nel Medio Evo.

questo il settore pi recente del Museo Nazionale Romano, che si aggiunto a quelli delle Terme di Diocleziano, di Palazzo Massimo alle Terme e di Palazzo Altemps.

Si tratta di un monumento-museo molto particolare, perch illustra la vita di Roma dall'et antica a quella moderna
mediante la documentazione archeologica in parte raccolta nello scavo della stessa Crypta.

La percezione delle trasformazioni subite dal paesaggio urbano nel corso dei secoli resa immediata dalla successione dei livelli archeologici accuratamente scavati, delle relative fasi edilizie messe in evidenza conirestaurie da un apparato didattico partcolannente efficace.

Lavori sistematici di scavo furono avviati in quest'area dalla Soprintendenza archeologica nel 1981, dopo indagini preliminari e studi, per iniziativa e con la partecipazione di Daniele Manacorda, allora professore di archeologia nell'Universit di Siena ed ora a Roma.

Notevolissimo stato l'impegno scientifico posto nell'espletamento di ricerche particolarmente complesse, con l'impiego di metodi di indagine stratigraflca anche nello studio delle strutture architettoniche conservate in elevato.
All'organizzazione scientifica, con una straordinaria partecipazione di studiosi, tra i quali Paolo Delogu, Guglielmo Cavallo, Lidia Paroli, Gabriella Maetzke e tanti altri, attende ormai da anni l'archeologa Laura Vendittelli, mentre la progettazione architettonica ed i lavori di restauro si devono all'architetto Maria Letizia Conforto, entrambe della Soprintendenza archeologica.

I risultati delle ricerche e la destinazione degli edifici della Crypta Balbi a funzioni culturali hanno ovviamente guidato le operazioni di restauro e di reintegrazione delle parti distrutte negli anni Trenta, quando si cominci a demolirel'intero isolato perfare spazio ad una nuova costruzione destinata ad ospitare uffici, che per non venne mai realizzata.

Nel 1983, dopo l'imposizione del vincolo archeologico, il compendio venne donato allo Stato dall'Ufficio Italiano dei Cambi per l'espletamento dei compiti di indagine e di valorizzazione da parte della Soprintendenza archeologica.


Negli edifici ove il restauro gi avanzato verr ampliato il museo con nuove sale per l'esposizione di materiali di epoca medievale.

In un settore in cui i lavori cominceranno nel prossimo autunno sar invece allestita una piccola sala per concerti, con la capienza di oltre duecento posti, che verr resa disponibile per losvolgimento di manifestazioni culturali d'intesa con le istituzioni musicali.

Il museo ospita importanti dipinti parietali altomedievali appartenuti a Santa Maria in via Lata; a Sant'Adriano, la chiesa che papa Adriano amico di Carlo Magno aveva istituito nella sede del senato al Foro Romano; a Santa Martina, ora Santi Luca e Martina al Foro Romano.

Ospita per anche una gran mole di docu
mentazione proveniente da scavi archeologici dell'ultimo quarto di secolo, eseguiti con i pi avanzati criteri scientifici.

Oltre a quelli della Crypta Balbi, naturalmente, vi sono materiali dell'area retrostante il Tempio di Saturno al Foro Romano, ove sono stati trovati importanti resti di epoca altomedievale e medievale, tra cui una domus di et carolingia allineata lungo il vico Iugario.
Si riflette insomma nel museo della Crytpa Balbi il risultato di ricerche quanto mai intense e metodologicamente raffinate svolte nell'intero contesto urbano e suburbano. Gli scavi eseguiti sul Palatino (horti Famesiani) anche dalla Scuola Francese (vigna Barberini), sul Celio (basilica Hilariana), sull' Esquilino da Clementina Panella dell'Universit di Roma (porticus Liviae), sull'Aventino, a Trastevere (conservatorio di San Pasquale), a Lungotevere Testacelo (porto fluviale), sotto palazzo Altemps (casa tardoantica), a villa Rivaldi con Filippo Coarelli dell'Universit di Perugia, e cos via, hanno permesso di delineare le fasi taropantiche, altomedievali e medievali di interi quartieri della citt o di insigni complessi monumentali quali il Colosseo e i Fori Imperiali, ove sono tuttora in corso importanti lavori del Comune di Roma.

Basti qui ricordare, a mo' di esempio, i risultati di straordinario interesse per la conoscenza della storia del Celio, ove sono stati portati alla luce resti di case dell'aristocrazia senatoria della tarda antichit: vi compaiono nomi illustri come quelli dei Simmaci e dei Valeri.

Altri dati rilevanti per la conoscenza delle fasi paleocristiane e medievali sono venuti dalle indagini svolte nelle chiese dalla Soprintendenza archeologica o in collaborazione con altre istituzioni scientifiche, quali'ad esempio il Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana: San Clemente, Santo Stefano Rotondo, San Giuseppe dei Falegnami (Carcere Mamertino), Santa Croce in Gerusalemme, Santa Susanna, San Marco. Un grande contributo alla conoscenza di aspetti di interesse storico e artistico provenuto dal
restauro dei complessi pittorici di S. Maria Antiqua, dell'oratorio dei Quaranta Martiri, e della rotonda del Tempio di Romolo, tutti al Foro Romano.

Gli interventi nel suburbio non sono stati da meno, a cominciare dai santuari costantiniani sui quali si lavorato in collaborazione con la Pontificia Commissione di Archeologia Sacra: il mausoleo di S.Elena, il cimitero di Zotico sulla antica via Labicana, l'attuale Casilina, e l'ipogeo di Trebio Giusto sulla via Latina.

Si inoltre lavorato nella basilica di Sant'Agnese e nelle catacombe ebraiche di Villa Torloniasulla via Nomentana; nel castrum Caetani e nel ninfeo della villa dei Quintili sulla via Appia; nella torre di Castiglione a Gabii sulla via Prenestina; sull'arco di Malborghetto posto a cavallo della antica via Flarninia, eretto dopo la battaglia di Saxa Rubra, a quanto sembra per celebrare la visione costantiniana della croce con il motto "in hocsignovinces".
Tralafine della citt antica, con la crisi della guerra gotica nel VI secolo, e la formazione-della citt moderna nella rigogliosa ripresa rinascimentale, Romasubper almeno ottocento anni lente e incessanti trasformazioni.

Sarebbe impossibile comprendere da una parte gli strettissimi rapporti di continuit e dall'altra le sostanziali divergenze esistenti tra l'attuale tessuto urbano e quello antico, se non si affrontasse il compito di studiare cosa sia avvenuto a Roma in quel lunghissimo periodo storico che noi chiamiamo Medio Evo.

in gran parte un risultato di quei tempi la mirabile armonia dell'attuale paesaggio urbano di Roma con la convivenza dell'antico e del moderno: si pensialPantheon ed al suo contesto difficilmente concepibile senza la mediazione delle trasformazioni di et medievale.

Insomma, nel museo della Crypta Balbi si pu comprendere come Roma sia cresciuta sulle sue stesse antichit, e di esse si sia alimentata nel suo sviluppo. In forma attuale questo processo tuttora in corso: la conoscenza della citt antica contribuisce infatti a farci immaginare ogni possibile e migliore trasformazione di quella in cui viviamo.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news