LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il turismo d’arte non decolla Costi alti per i beni culturali
Mercoledì 09 Giugno 2010 PROVINCIA Pagina 29 L'ARENA



VILLAFRANCA. Il Comune fa i conti con gli introiti degli affitti di proprietà storiche. Spesso non coprono le spese




La torre e il museo non attirano e hanno prodotto solo 856 euro Va meglio per i matrimoni nella cantoria della chiesetta

I beni culturali a Villafranca costano e non pagano. Il turismo è lungi dall’essere un’entrata interessante del bilancio comunale. La città, quindi, in tempi di magra, non può guardare ai suoi gioielli come possibile fonte di introiti. «Castello e palazzo Bottagisio portano solo costi», scuote la testa l’assessore al patrimonio Luca Zamperini. «Nel 2009 abbiamo introitato una somma maggiore del 2008, ma sono cifre minime».
Gli spazi aperti, utili ad ospitare eventi, coprono a malapena le spese di gestione. Si comincia col castello scaligero. La torre è oggi visitabile e staccando un biglietto di quattro euro (due per le comitive) è possibile vedere Villafranca dall’alto e visitare il museo del Risorgimento, a palazzo Bottagisio. L’idea ancora non attrae.
Nell’ultimo anno, da quando cioè è partita l’iniziativa, sono stati venduti 367 biglietti, quasi tutti per comitive. Il totale, “ben” 856 euro, è stato introitato nel bilancio comunale, nel capitolo “entrate”. L’iniziativa non grava con spese di personale specializzato in turismo: «Le visite guidate al museo sono possibili per la buona volontà, gratuita, di Maurizio Grazia e Nazario Barone», spiega l’assessore alla cultura Maria Cordioli. «Le prenotazioni, invece, le raccogliamo all’ufficio cultura, non disponendo di un ufficio turistico stabile». Rimangono le spese del personale della cooperativa Spazio 11, che si occupa di aprire e chiudere le stanze, staccare i biglietti e fare sorveglianza, anche per i matrimoni civili. Per 16,20 euro l’ora, più Iva.
Non porta denaro neppure la cinta muraria: per i concerti con artisti di caratura internazionale, organizzati dalla società Eventi, il Comune non prende un centesimo: «Ci viene corrisposta una quota per coprire le spese di pulizia, la cauzione, il ripristino e la sistemazione del castello a manifestazione conclusa. Per il resto, Villafranca guadagna esclusivamente in promozione dell’immagine turistica», spiega Gianni Faccioli, assessore alle manifestazioni.
Nel 2009, gli eventi di privati e attività commerciali o ricettive del territorio che hanno richiesto in affitto il castello hanno fruttato 14.380 euro, comprensivi anche del noleggio transenne e gazebo. Quest’anno, l’entrata maggiore, sinora, è stata quella del Villafranca festival: 3.189 euro. Essendo patrocinato dal Comune e avendo lo scopo di promuovere il territorio, ha usufruito dello sconto del 50 per cento sull’affitto. La cifra piena è 1.500 euro al giorno, per i privati.
L’altro introito proviene dalla cantoria della chiesetta del Cristo, dove si celebrano i matrimoni civili. Nel 2009 sono stati cinque; nei primi mesi del 2010 già 14, di cui quattro fuori dall’orario d’ufficio, quindi pagati al massimo della quota: 530 euro. In tutto sono finiti nelle casse comunali circa 5.400 euro.
«L’iniziativa non va considerata come un’occasione per fare cassa», spiega Cordioli, «punta alla promozione di Villafranca e il messaggio comincia a passare». La rassegna teatrale Farsatirando e il cinema all’aperto non portano entrate nelle casse comunali e per la loro realizzazione il Comune affronta una spesa di 33mila euro.
Il Bottagisio non è utilizzato ancora per i matrimoni civili e attende il masterplan che indicherà come sfruttare al meglio ogni spazio. Resta, infine, l’auditorium. Nel 2009, è stato richiesto per 23 eventi, e 16 nei primi cinque mesi del 2010. Anche in questo caso, la cifra è di qualche migliaio di euro e concorre alla copertura delle spese di gestione.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news