LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LUCCA. Riaprono le stanze di Tobino. Nella Palazzina Medici la sede della Fondazione
PAOLA TADDEUCCI
VENERDÌ, 11 GIUGNO 2010 IL TIRRENO - Lucca

Riaprono le stanze di Tobino. Quelle dove nacquero le pagine dei suoi romanzi più celebri. E dove il medico-scrittore lavorò e visse quasi un’intera vita, rimanendoci anche dopo il pensionamento da primario. La Palazzina Medici dell’ex manicomio di Maggiano riapre oggi dopo un lungo restauro finanziato con 2 milioni di euro dal ministero per i beni culturali. Diventerà la sede della Fondazione Tobino e un museo dedicato allo scrittore, del quale ricorre il centenario. La manifestazione di oggi è la più importante tra le numerose organizzate per la ricorrenza, così la Fondazione ha chiamato quattro pezzi da novanta a renderla ancora più memorabile. A festeggiare la riapertura delle stanze di Tobino, oggi alle 16, saranno infatti il regista Mario Monicelli e gli scrittori Maurizio Maggiani, Silvia Ballestra e Giorgio Van Straten.
Un pomeriggio di ricordi e cultura, tra i racconti di Monicelli - che di Tobino era amico e pochi anni fa ha girato “Le rose del deserto” ispirandosi al “Deserto della Libia” del medico-scrittore - e la rilettura delle “Libere donne di Magliano” della Ballestra.
Tobino, viareggino di nascita, lavorò per quarant’anni all’ospedale psichiatrico di Maggiano, dove visse fino alla morte, avvenuta ad Agrigento l’11 dicembre 1991 dopo aver ritirato il Premio Pirandello. Scelse di restare sul colle di Fregionaia, dove si trova il grande complesso dell’ex manicomio, anche dopo essere andato in pensione. «La mia vita è qui - scrisse nelle “Libere donne di Magliano” -. Qui si snodano i miei sentimenti. Qui sincero mi manifesto. Dentro una stanza del manicomio studio gli uomini e li amo. Qui attendo: gloria e morte. Di qui parto per le mie vacanze. Qui, fino a questo momento sono ritornato. Ed il mio desiderio è di fare ogni giorno di questo territorio un tranquillo, ordinato, universale parlare».
La riapertura della Palazzina Medici riporta l’attenzione sul destino dell’intero ex ospedale psichiatrico di Maggiano. Quella che torna a vivere oggi è, infatti, solo una piccola parte dell’immenso complesso di Fregionaia, fino al 1980 sede del manicomio, che arrivò ad ospitare anche 2000 pazienti, con altrettanti infermieri e medici. Una struttura imponente e storicamente significativa, immersa in uno splendido parco, che sta andando sempre più in malora, senza un progetto per il suo recupero e la sua valorizzazione. Ad eccezione, appunto, di piccole zone felici, come l’ala della Palazzina Medici, in comodato d’uso alla Fondazione Tobino che per il restauro ha ottenuto i finanziamenti sia dal ministero che dalla Provincia. Per l’ex ospedale psichiatrico, negli anni, si è tentata anche la strada della vendita, ma senza successo. Qualche volta le enormi stanze e i cortili di Fregionaia sono tornati a rivivere perché scelti per mostre o set di film, come “Il papà di Giovanna” di Pupi Avati, girato tre anni fa. Poi il sipario si è di nuovo chiuso.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news