LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Caccia ai professionisti di Cosa nostra un ingegnere grand commis dei lavori
DOMENICA, 13 GIUGNO 2010 LA REPUBBLICA - Palermo



Dalle carte dell´ultima inchiesta emerge il ruolo di Salvatore Mandarano. Lo Piccolo: "È vicino ai servizi"

Nel suo studio un viavai di capimafia Nei dialoghi tracce di un ricatto subito

«C´È UN BRAVO INGEGNERE - racconta il pentito Gaspare Pulizzi, ex mafioso del gruppo Lo Piccolo - che è anche abile a ottenere le concessioni edilizie e a risolvere in genere i profili legati alle procedure amministrative, soprattutto nella zona di Carini. Mi sono recato alcune volte presso il suo studio di via Resuttana, a Palermo». Così inizia un verbale finito agli atti dell´ultima inchiesta della Procura su mafia e appalti. Il blitz di giovedì sembra essere solo la punta dell´iceberg di un´indagine molto più ampia sugli insospettabili professionisti a disposizione di Cosa nostra. I pubblici ministeri Buzzolani, Di Matteo, Sava e Viola hanno scritto nella loro richiesta al gip Maria Pino di un ingegnere, che ad oggi non è stato raggiunto da alcun provvedimento: «Salvatore Mandarano emerge certamente dalle dichiarazioni dei collaboratori come persona vicina e ben introdotta - sostengono i pm - ma anche come soggetto che subiva estorsioni».
È ancora avvolto dal mistero il nuovo capitolo dell´inchiesta su mafia e appalti. Sull´ingegnere Mandarano, che ha 54 anni, il pentito Pulizzi dice ancora: «Parlai di lui anche con Salvatore e Sandro Lo Piccolo. In particolar modo, Sandro mi disse di stare attento perché secondo lui si trattava probabilmente di un infiltrato, forse dei servizi segreti. Sandro mi parlò anche di probabili microspie presenti nello studio di Mandarano, il quale ne era a conoscenza».
Chi sicuramente non diffidava dell´ingegnere finito nel mirino delle indagini antimafia erano i boss Francesco Bonura, Nino Cinà e Salvatore Sbeglia. I magistrati sanno di alcuni incontri fra il professionista e i capimafia attraverso le intercettazioni fatte nell´ambito dell´indagine "Gotha". Da alcuni pazienti pedinamenti dei poliziotti della sezione Criminalità organizzata della Mobile è emerso dell´altro: il 29 gennaio 2005, il capomafia di Carini Vincenzo Pipitone e il suo "collega" di San Lorenzo, Nino Cinà (il medico di Riina e Provenzano), furono visti uscire dal palazzo di via Resuttana dove ha sede lo studio di Mandarano. Con loro c´erano altre due persone, rimaste senza identità. Il 4 febbraio, Cinà fu spiato mentre prendeva in consegna una cartella dal figlio del boss Salvatore Biondino: subito dopo, entrò nello studio di Mandarano. Il 28 maggio, le telecamere nascoste davanti all´ingresso della villa di Cinà ripresero ancora l´ingegnere in compagnia di uno sconosciuto.
A cosa lavorava in quel periodo l´ingegnere Mandarano? Perché incontrava i capimafia più in vista di Palermo? E perché, come dicono i pentiti, pagava poi il pizzo? È un rompicapo per magistrati e investigatori, che adesso rileggono soprattutto le intercettazioni. In quei mesi, due mafiosi dicevano di Mandarano: «A lui approvano tutto, dalla a alla zeta... In tutti i posti, non alla Sovrintendenza».
s.p.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news