LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

«Il dito? Nessuno ha il coraggio di decidere»
di Chiara Campo
articolo di sabato 12 giugno 2010 - IL GIORNALE




Cattelan ironico: «Già che c’erano potevano chiedere anche alla Curia». Dopo il no della Borsa, in giunta slitta ancora la scelta sulla scultura da esporre in piazza Affari. Lunedì altro incontro
Non usa la parola referendum. Ma si domanda in tono provocatorio se «intendano chiedere anche alla Curia o ai cittadini che cosa ne pensano. Nessuno si vuol prendere la responsabilità». Maurizio Cattelan, l’artista (ri)tornato al centro delle polemiche per il «dito medio» che dovrebbe essere collocato a settembre per quattro settimane in piazza Affari non detta ultimatum al Comune. Ma anche ieri il via libera all’installazione che ha già diviso assessori e opinione pubblica ha subito l’ennesimo rinvio in giunta. Neanche inserito all’ordine del giorno, dopo che giovedì sera è arrivato il parere negativo della Borsa. «Non sarà vincolante», lo aveva precisato anche il sindaco quando lo ha richiesto. Ma forse non si aspettava la risposta che invece l’ha messa in una posizione imbarazzante: in sintesi, la lettera firmata dall’amministratore legale di piazza Affari spiega che pur rispettando la decisione pubblica che verrà assunta, il parere sull’opera è negativo, «la Borsa non si nasconde dietro a un dito». E Cattelan replica con l’ironia: «Nessuno si è offeso quando si è scoperto che le banche non sono così tanto banche. Strano che nessuno abbia avuto niente da dire». Ma assicura, «non sono arrabbiato, sono altre le cose che mi fanno arrabbiare. Io continuo a fare il mio mestiere, sono all’estero e ho tante altre cose da fare». Ma il Comune che continua a fare melina, e non si assume la responsabilità di decidere senza sondare troppi umori? «Non mi stupisco, mi avrebbe colpito il contrario. Io comunque sono stato molto contento quando il Comune mi ha chiamato per realizzare un’installazione in piazza Affari e continuerò ad esserlo se confermeranno l’intenzione».
E il sindaco a questo punto avrebbe tutte le intenzioni di tirare dritto, con o senza il via libera della Borsa. «Con l’assessore alla Cultura stiamo studiando delle soluzioni», si è limitata a rispondere ieri. Lunedì Massimiliano Finazzer Flory incontrerà i vertici di Palazzo Mezzanotte per chiarire i dubbi e spiegare nel dettaglio l’opera al centro del mirino. «Contro le ideologie», «non un dito medio ma una mano con le dita mozzate, è la dissacrazione dell’ideologia nazista e del suo simbolo, il saluto romano» precisa. È convinto che già martedì il parere sarà positivo e la delibera rinviata per tre settimane consecutive andrà in giunta venerdì prossimo, anche se Finazzer sarà a Shanghai per l’Expo e non potrà partecipare alla seduta. Forse sarà provvidenziale anche l’assenza dell’assessore all’Urbanistica Carlo Masseroli («il 18 sarò fuori città» ha fatto sapere). Di area cattolica, è uno dei più ostici all’opera, anche se la scorsa settimana ha precisato che non farà le barricate («rimango contrario, ma anche Finazzer non condividerà tutti i provvedimenti che porto io in giunta»). Potrà risparmiarsi di votare a favore con il mal di pancia. «Il sindaco e le giunta sono convinti ad andare avanti - ribadisce Finazzer - e ora vogliamo che anche la
Borsa si convinca della bontà dell’operazione. Ma ricordo che la piazza è pubblica. E la Borsa rappresenta sì valori di Milano come la democrazia e la libertà, ma non è in senso stretto un’istituzione: è una società privata e sono certo che comprenderà il significato vero di questa operazione, cioè una domanda sui nostri pregiudizi e un modo per non prendersi troppo sul serio». «Già oggi pomeriggio - ha fatto sapere ieri - mi sentirò con la parte inglese della società per convincerli».



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news