LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BOLOGNA - Civis-People mover, il gioco dell’oca delle opere fantasma
corriere di Bologna 13 giu 2010 Bologna





Una è a metà del guado, l’altra deve ancora partire Tra ritardi, ricorsi, modifiche. Chi arriverà prima?

Incidenti di percorso Il filobus è stato contrastato da comitati e burocrazia, il trenino stazione-Marconi da dissidi politico-economici

Da pagina 1 Convogli fantasma. Eterni incompiuti. Promesse mancate. Comunque li si etichetti, alla fin fine il succo non cambia: se ne parla da anni, ma di loro non c’è ancora l’ombra. E il paradosso sarebbe vedere il primogenito, il filobus che collegherà San Lazzaro alla stazione, venir superato in corsa dal fratello minore, il «trenino» pensato per collegare l’aeroporto alla stazione. Civis e People Mover: forse le prime infrastrutture che vedranno la luce a Bologna dopo anni di vuoto. Eppure la corsa, sebbene iniziata, è stata ed è una corsa a ostacoli per entrambi, nonostante le due opere abbianno avuto una genesi molto diversa.

L’«embrione» del Civis fu concepito in seno alla giunta Vitali all’inizio degli anni Novanta. All’epoca si pensava a un tram su rotaia che fu trasformato, dal successore Guazzaloca, in un tram su gomma. E dal cambiamento strutturale si passò al cambiamento di tragitto sotto Cofferati. Quindi ad altri aggiustamenti, già a lavori in corso, sotto la brevissima giunta Delbono. Un’evoluzione continua e incessante, quella del Civis, interrotta a più riprese dagli inghippi burocratici dovuti alla mancanza di feeling istituzionale tra Comune e Soprintendenza. A cui si è aggiunta l’ostilità dei comitati di cittadini che hanno tentato tutte le strade per bloccarlo, comprese quelle legali. Siamo nel 2010, forse vedremo i primi filobus circolare nel 2012. Sempre che gli autisti accettino di guidare un mezzo che ritengono poco sicuro.

È stato più osteggiato nelle «stanze del potere», invece, il People Mover, un «figlioccio» dell’ex premier Romano Prodi che un giorno, quando il sindaco di Bologna era Cofferati, buttò lì l’idea di una navetta che collegasse l’aeroporto alla stazione. Detto, fatto. Cofferati fece il bando, sembravano tutti entusiasti, ma il bando andò deserto: segno di un «braccio di ferro» silenzioso tra l’amministrazione e i costruttori. Nel 2008 si rifece il tentativo con un bando più accomodante verso i costruttori: buona la seconda. Gli intralci, per ora, sono stati quindi più politici che pratici. Fatto sta che i lavori, che dovevano iniziare nel 2010, slitteranno a inizio 2011 e si presume finiscano nel 2013. Ma adesso il «trenino» si troverà di fronte allo scoglio-gestione: non si sa ancora se pubblica o no. Superato quello, potrebbe anche accelerare la sua corsa. A quel punto chi arriverà prima al traguardo dei due convogli fantasma?






news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news